Dr Commodore
LIVE

Le Bizzarre Avventure di JoJo: 10 anni fa usciva il primo episodio dell’anime a cura di David Production

Le Bizzarre Avventure di JoJo (JoJo no Kimyou na Bouken – ジョジョの奇妙な冒険 in lingua originale) è senza ombra di dubbio una delle opere più iconiche e di maggior successo della storia della produzione nipponica.
Pubblicato inizialmente tra le pagine di Weekly Shonen Jump dal 1987 al 2004 e spostatosi poi su Ultra Jump dal 2005 in poi, il manga di Hirohiko Araki è un prodotto generazionale che da oltre 30 anni continua ad influenzare il mercato fumettistico giapponese e ad appassionare milioni di fan in tutto il mondo.

La popolarità di cui oggigiorno gode Le Bizzarre Avventure di JoJo, soprattutto per quanto riguarda il pubblico occidentale, è però da attribuire in larga parte all’adattamento animato a cura di David Production che oggi, 6 Ottobre 2022, compie il proprio decimo anniversario dalla primissima messa in onda.

La trasposizione di David Production fu annunciata nel Luglio dello stesso anno durante una conferenza stampa allestita per celebrare il 25′ anno di pubblicazione del manga. Da lì a pochi mesi Le Bizzarre Avventure di JoJo si sarebbe rivelato una delle opere di culto più amate dal pubblico e una delle colonne portanti della cultura mainstream dello scorso decennio.

10 anni de Le Bizzarre Avventure di JoJo

Nel titolo abbiamo voluto specificare che questa ricorrenza riguarda unicamente la trasposizione a cura di David Production; il loro adattamento, infatti, non è stato il primo progetto animato del franchise creato da Hirohiko Araki.
Dal 1993 al 2002, per l’appunto, Le Bizzarre Avventure di JoJo erano già state messe in onda sotto forma di OVA da parte dello studio APPP, al quale seguì poi un film cinematografico.

Escludendo l’eccelso lavoro fatto dal team di David Production, si tende a dimenticare e/o ignorare la prima edizione dell’anime in quanto parecchio contorta e confusionaria. I 13 episodi di quest’ultima, d’altronde, adattano la terza parte del manga, ovvero Stardust Crusaders, ignorando completamente le prime due per poi riesumare la prima parte, Phantom Blood, con la già citata pellicola. Tutto ciò ha reso ovviamente difficile la comprensione ad uno spettatore dell’epoca.

Dopo che, come abbiamo detto precedentemente, fu annunciata una nuova trasposizione de Le Bizzarre Avventure di JoJo, i fan hanno però potuto tirare un sospiro di sollievo.
L’anime avrebbe ricominciato gli eventi sin dal loro principio, con un adattamento più fedele ed un comparto tecnico che è andato sempre più in crescendo col passare degli anni e con la messa in onda delle parti future.

All’inizio vi fu un po’ di confusione tra gli spettatori, dato che la 1′ stagione dell’anime andò ad adattare contemporaneamente le prime due parti (Phantom Blood e Battle Tendency), creando quindi una dicotomia costante negli anni tra i numeri delle prime e quelli delle seconde.
Ciò non ha fermato Le Bizzarre Avventure di JoJo dal diventare uno dei prodotti animati più famosi in assoluto, arrivando oggigiorno alla trasposizione della sesta parte (Stone Ocean), la quale, per la prima volta nella storia dell’oltre trentennale franchise, sta però subendo un calo drastico dell’attenzione mediatica a causa della quantomeno discutibile gestione della propria messa in onda da parte di Netflix.

Resta comunque il fatto che la legacy di Hirohiko Araki e di David Production sia un caposaldo della cultura pop proveniente dalla terra del Sol Levante.
D’altro canto all’appello mancano ancora le trasposizioni della settima parte (Steel Ball Run, considerata universalmente come il punto più alto dell’intero franchise) e dell’ottava parte (JoJolion, la quale si è conclusa da poco più di un anno ed è ancora fresca nella memoria dei lettori).
Il successo di quest’opera non sarebbe stato possibile senza questo percorso lungo 10 anni, verso il quale è doveroso tesserne le lodi.

10-anni-Le-Bizzarre-Avventure-di-JoJo

Articoli correlati

Matteo Comin

Matteo Comin

Sono Matteo, scrivo da Desenzano (BS), Studio Scienze della comunicazione e lavoro in un cinema multisala. Sono appassionato, come tutti voi, di tutto ciò che riguarda la cultura nerd, in particolar modo di anime e manga.

Condividi