Dr Commodore
LIVE

Esplorazioni Pokémon, luci e ombre della storia di Camilla negli ultimi episodi [SPOILER]

Con l’episodio della scorsa settimana di Esplorazioni Pokémon si è conclusa la lotta tra Ash e Camilla nelle semifinali del Torneo degli Otto Professionisti (fase finale, lo ricordiamo, del Torneo Mondiale dell’Incoronazione), con un risultato che ormai tutti si aspettavano: Ash ha prevalso sulla campionessa di Sinnoh, e ora niente lo sapere dall’affrontare l’allenatore che rappresenta il suo obiettivo attuale, l’imbattuto Dandel.

Lo scontro è stato lungo e con alcune strategie messe genialmente a punto da entrambe le parti (soprattutto dalla parte di Camilla) ma un elemento che ha a mio avviso elevato lo scontro è che in questi episodi abbiamo avuto modo di vedere il passato di Camilla per la prima volta nell’anime.

In Diamante e Perla non avevamo mai avuto troppe menzioni del suo passato, nonostante avessimo visto sua nonna (personaggio presente anche nei giochi di quarta generazione, anche se come personaggio meno sviluppato e innominato), e lo stesso si può dire per le serie di Bianco e Nero, dove appare ancora una volta come personaggio di supporto.

I flashback dedicati a Camilla in Esplorazioni Pokémon

Nell’episodio 122 della serie, che di fatto è un prologo alla lotta tra Ash e Camilla, abbiamo quest’ultima che parla ad Ash e Goh di come ha incontrato il suo primo mon, ossia la sua Garchomp. Nonostante non ci si concentri troppo sulla cosa, vediamo alcune scenette di Camilla da bambina che si prende cura dell’uovo di Gible. La cosa è servita anche a creare un primo parallelo con Ash, sopratutto dell’Ash attuale.

Non che il personaggio sia diverso, ma semplicemente il passato di Camilla trova punti in comune nel legame che Ash ha con Lucario, il suo attuale asso della squadra di questa serie. Come Garchomp anni e anni fa, pure Lucario è nato da un uovo come Riolu, un uovo che è stato portato in lungo e in largo perché non voleva proprio venire al mondo, almeno fino a quando non ha sentito la presenza o l’aura di Ash.

Arriviamo ora al 125. Quando lo scontro tra i due arriva ormai nelle fasi finali, Camilla parla con Garchomp riguardo il loro passato. Qui vediamo uno scorcio dell’inizio del viaggio di Camilla, tra lei e Gible che pescano un Feebas (ora la Milotic dell’allenatrice), l’evoluzione di Gible in Gabite e una Camilla un po’ più grandicella che assieme a Garchomp inizia a studiare le rovine della regione di Sinnoh e i miti che le riguardano, e che inizia a lottare per raggiungere il titolo di campionessa.

Il flashback non mostra tutto, ma ci fa capire che Camilla e Garchomp hanno fatto tante esperienze assieme, e che per questo vogliono puntare anche loro ad affrontare Dandel, che potrebbe essere proprio l’unico al di sopra di lei. Si tratta sicuramente di una scena che ha fatto battere i cuori di molti fan del franchise, che da tempo desideravano ritrovarsi davanti una situazione del genere e uno scontro proprio tra Ash e Camilla. Possiamo inoltre vedere la campionessa emozionata dalla lotta, tanto da esclamare che era da tanto che voleva partecipare ad una lotta così.

Ritiro dal nulla

Se posso però trovare una criticità a questo flashback, o più in generale, a come sia stata messa in scena questa mini trama sulla campionessa di Sinnoh, è che con l’inizio della battaglia ti introducono il fatto che Camilla voglia ritirarsi dalle lotte Pokémon per sempre dopo la fine del torneo, ma né il flashback né la battaglia stessa forniscono motivazioni in merito.

Praticamente ci si ritrova in una situazione in cui noi spettatori abbiamo il compito si scovare o dedurre i motivi dietro la scelta dell’allenatrice da come si comporta in campo, anche perché viene menzionata nuovamente da lei solo dopo la fine dello scontro, quando Camilla rivela a Diantha (l’unica a cui aveva parlato brevemente della questione) che non si vuole più ritirare perché lo scontro con Ash le ha fatto capire che ha ancora tante esperienze da fare come allenatrice e archeologa (o almeno, così ci viene fatto capire).

La tematica risulta quindi non trattata con la dovuta cura, soprattutto rispetto al parallelismo che hanno voluto creare tra Garchomp e Lucario, che sono poi i due mon che si ritrovano con il peso di decidere le sorti dello scontro.

Fonte: ComicBook.

Articoli correlati

Yoel Carlos Schincaglia

Yoel Carlos Schincaglia

Nato il 14 febbraio 1997. Mi piacciono molto gli anime e credo nella canzone che ho nel cuore.

Condividi