Dr Commodore
LIVE

Iniziate le riprese di “Avetrana – Qui non è Hollywood”, serie in esclusiva su Disney+

Negli anni scorsi sono stati molti i delitti che sono rimasti al centro delle cronaca italiana, anche per diversi anni, tra telegiornali, talk show, interviste o libri. Dal delitto di Cogne (2003), a quello di Erba (2006), fino all’omicidio di Sarah Scazzi, avvenuto nella città pugliese di Avetrana il 26 agosto 2010.

E proprio quest’ultimo caso presto sarà il protagonista di una serie TV: infatti, Disney+ ha annunciato l’inizio delle riprese di Avetrana – Qui non è Hollywood, che arriverà “prossimamente” in esclusiva sulla piattaforma streaming.
Di seguito, il post dell’annuncio sulla pagina Twitter di Disney+:

La serie in esclusiva su Disney+ che parlerà del delitto di Avetrana

Nell’agosto 2020 venne annunciata la produzione di un documentario e di una serie tratti dal libro Sarah – La ragazza di Avetrana, di Carmine Gazzanini e Flavia Piccinini; il documentario è uscito lo scorso anno come Sky Original, diviso in 4 episodi.

Anche la serie in esclusiva su Disney+ sarà composta da 4 episodi da 80 minuti circa, in cui si racconterà la vicenda dell’omicidio dai diversi punti di vista dei protagonisti, da quello di Sarah, a quello di Michele Misseri. La produzione di Avetrana – Qui non è Hollywood è affidata alla società Groenlandia, e alla regia ci sarà Pippo Mezzapesca, mentre la sceneggiatura è affidata ad Antonella Gaeta e Davide Serino.

Avetrana Qui Non è Hollywood e logo Disney Plus

La prima domanda che è sorta sul web dopo questo annuncio riguarda il titolo della serie: perché Qui non è Hollywood? La risposta l’ha data Gazzanini, il citato co-autore di Sarah – La Ragazza di Avetrana, intervistato il mese scorso da PrimoPiano.it:

Diciamo che il titolo è venuto spontaneo. D’altronde è una citazione presente anche nel libro. Ricordo quando siamo andati io e Flavia la prima volta ad Avetrana. [….] Immediatamente siamo rimasti colpiti da un murales che ancora oggi campeggia nel paesino salentino e che risaliva proprio al periodo dell’omicidio di Sarah Scazzi: era un modo come un altro, forse inconscio e inconsapevole, per dire alle tante troupe presenti al tempo dell’omicidio che la realtà si stava trasformando in uno show

Avetrana Sky

Una seconda domanda è sorta tra il pubblico: è giusto trasporre un delitto in un film o serie TV, soprattutto se sono passati non molti anni dai fatti? È una questione questa diffile da sciogliere, e che forse non avrà mai una risposta definitiva. D’altronde, da diverso tempo si producono serie TV, film e docu-serie dedicati ai fatti di cronaca nera avvenuta in Italia negli ultimi anni. Dopo i vari canali televisivi, ora sono le piattaforme streaming a portare sullo schermo le vicende di questi delitti; non ultima in ordine di tempo Netflix, con il recente film Yara (2021).

Fonti: 1, 2

Articoli correlati

Condividi