Dr Commodore
LIVE

One Piece, la nascita dei Seraphim: così Vegapunk ha creato degli esseri mostruosamente letali

Il capitolo 1059 di One Piece ha potuto riservare una sorpresa dietro l’altra, ma tra tutte le rivelazioni effettuate, ce n’è una in particolare che sicuramente avrà modo di caratterizzare una parte importante del futuro, specialmente per quanto riguarda i prossimi scontri che i protagonisti andranno ad affrontare.

L’introduzione dei Serafini (chiamati in realtà Seraphim nel manga), la nuova arma realizzata dalla SSG, il gruppo scientifico speciale capeggiato da Vegapunk, ha posto un nuovo ostacolo decisamente ostico per i pirati nel mondo di One Piece.

Inoltre, date le caratteristiche particolari dei Seraphim, che rappresentano la versione “bambinesca” dei membri della Flotta dei Sette, ha fatto emergere numerose teorie interessanti sulla loro creazione.

one piece serafini vegapunk ssg seraphim

I Seraphim, nuovi temibili avversari di One Piece

S’ipotizza che la creazione dei Serafini sia avvenuta attraverso vari stage. Sappiamo sin dagli inizi del manga come il Dottor Vegapunk è riuscito a creare una tecnologia che permettesse di clonare, e a dimostrazione di come funzionasse davvero essa stessa è stata poi padroneggiata da Judge per produrre un esercito di cloni. Inoltre, Vegapunk ha potuto mettere a frutto i suoi sforzi attraverso la Marina, creando le unità di Pacifista servendosi dell’ex Flottiero e attuale membro dell’Armata Rivoluzionaria, Kuma Bartholomew.

Nulla inoltre lo avrebbe potuto fermare dall’usare la stessa tecnologia con altre persone: essa si basa sulla scoperta dei Fattori Genetici ereditari, ed è diventata da subito una delle fondamenta più importanti per la creazione dei Seraphim. Si è trattato di qualcosa di così rivoluzionario, dal far finire il Dottore arrestato insieme alla sua organizzazione MADS, venendo poi inglobato dal Governo Mondiale.

Dopo la clonazione, Eiichiro Oda ci ha voluto far conoscere un altro elemento scientifico che l’ambizioso Vegapunk si è trovato a sperimentare. Durante Punk Hazard, abbiamo scoperto come Caesar stesse lavorando a degli esperimenti di Gigantificazione, i quali erano stati studiati anche da Vegapunk; tuttavia, Vegapunk ancora non riusciva a farli funzionare, e secondo la teoria di Caesar per far sopravvivere i soggetti posti ai test sarebbe stato necessario sperimentare su dei bambini. Forse adesso Caesar sarebbe piuttosto soddisfatto (ma anche profondamente infastidito) nel vedere come Vegapunk abbia davvero ascoltato il suo consiglio: i Serafini sono in effetti dei veri e propri bambini giganti.

Tuttavia, non è solo merito di Caesar se Vegapunk è riuscito anche in quest’impresa: Caesar non ne era a conoscenza, ma il Dottore e Judge hanno provato che l’idea di far “crescere” degli umani da zero non è poi così impossibile. Il motivo dietro ciò ve lo spiegheremo subito con il terzo stage, quello del Potenziamento Genetico.

Si parla di un altro esperimento collegato ai Fattori Genetici ereditari, la chiave necessaria per farlo funzionare. La Germa ha provato come fosse possibile alterare il codice genetico dei soggetti, e possiamo notare nei poteri della Germa qualcosa che va a ricordare le altre razze. Sanji avrebbe dei fattori genetici dei Lunariani, e Niji potrebbe avere dei fattori appartenenti ai Visoni, poiché può usare lo “Elektro”.

Torniamo poi a pensare agli esperimenti su Kaido e King che Vegapunk fece nel primo laboratorio a Punk Hazard: quello effettuato su Kaido ha prodotto con il suo DNA un Frutto del Diavolo artificiale, ma fino ad oggi non molti hanno fatto particolare attenzione a ciò che potrebbe essere successo a King. Nonostante la perdita della struttura a Punk Hazard, tutti gli esperimenti sono sopravvissuti, e grazie a ciò ora possiamo vedere che entrambi sono stati un modo per applicare i Fattori Genetici; in aggiunta, ora sappiamo anche come uno di questi esperimenti sia stato implementato nei Serafini. Con gli stessi metodi della Germa, Vegapunk è stato capace di ottenere il potenziamento genetico.

Ci sarebbe ancora uno stage, il quarto, che però ancora non ha avuto conferma: quello inerente l’inserimento di Frutti del Diavolo artificiali. In precedenza si è pensato che essi fossero un fallimento, ed essi sono anche finiti con l’essere distrutti dall’esplosione causata da Caesar. In realtà, però, il frutto si è salvato, per poi finire mangiato da Momo; il CP0 scoprì la verità, ma adesso sono tutti morti. L’unico che ha in mano la notizia del successo di questo esperimento, è l’ammiraglio Toro Verde.

Nonostante i Pacifista originali fossero capaci d’imitare il potere di Kizaru, questa non è stata in realtà un’applicazione vera e propria dei Frutti del Diavolo artificiali. Ad ogni modo, solo ora è possibile che il Governo Mondiale abbia scoperto del successo dell’esperimento di Vegapunk: questo significa che mentre adesso abbiamo potuto vedere la clonazione, la gigantificazione e i potenziamenti genetici, ben presto sarà il momento di capire se i Seraphim saranno anche utilizzatori dei Frutti Artificiali.

Potrebbe interessarti:

ONE PIECE: COME SAREBBERO I PERSONAGGI SE FOSSERO DEI POKÉMON

Articoli correlati

Marina Flocco

Marina Flocco

Fruitrice seriale di videogiochi, anime, manga, tutto ciò che è traducibile dal giapponese.

Condividi