Dr Commodore
LIVE

Un’app traccia l’ombra e segna l’itinerario “più fresco” in città: l’idea dal Giappone

Sia che ci si trovi in Giappone, che in Italia, l’estate umida e asfissiante è un fattore che accomuna spesso la vita in metropoli particolarmente vaste come Tokyo o Roma, dove le strade urbane dominano lo scenario e difficilmente nella propria vita lavorativa e frenetica si ha modo di riposarsi all’ombra di un bell’albero o in un parchetto coperto dalle fronde.

Camminare sotto al sole cocente porta i suoi rischi e pericoli, e l’assenza di rifugi dai raggi solari estivi può causare spesso veri e propri problemi per la salute, specie se ci si ritrova in queste situazioni per un periodo di tempo prolungato. C’è chi tenta di risolvere queste problematiche portandosi un ombrello parasole, ma la convenienza è vinta dalla scomodità (e dalle strane occhiate che esso causa) del doversi accollare una qualche barriera contro i raggi UV.

In Giappone, però, sembra che qualcuno stia tentando di rendere più piacevole passeggiare in città durante l’estate, con un mezzo tanto sofisticato quanto geniale: un’applicazione che traccia l’ombra in tempo reale.

giappone app ombra

Addio al sole cocente del Giappone

Sapere dove e quando ci sarà dell’ombra è senza dubbio un fatto conveniente per diverse ragioni, tra le quali quella di parcheggiare la macchina senza dover poi tornare a riprenderla indossando una tuta ignifuga. Navitime Japan è creatrice di una serie di app di navigazione e servizi, aiuta a prendere il treno in tempo, o pianificare degli itinerari per tutto il paese. Essa stessa ha quindi realizzato uno strumento volto proprio a “tracciare” l’ombra.

Il “tracciatore d’ombra” si può trovare nell’applicazione Alkoo, creata per tenere conto dei passi camminati. Il modo nella quale essa funziona è molto semplice: basta caricare la mappa dell’area che si andrà a vedere e poi toccare il pulsante “Ombra”, individuando all’istante nella mappa i luoghi dove cadrà l’ombra.

Questa è stata in realtà un’aggiunta facile da inserire, visto che le informazioni sull’altezza dei palazzi erano già inseriti nei dati. Tutto ciò che Navitime Japan ha dovuto fare, è stato aggiungere la posizione del sole ad ogni momento possibile, e calcolare dove i raggi non colpirebbero.

Insomma, quest’applicazione sembra decisamente utile e servirebbe parecchio anche a noi italiani. Tuttavia, ci sono dei ma: non tutti gli edifici hanno i dati sulla loro altezza inseriti, quindi i risultati dipendono molto su quanto è sviluppata l’area nella quale ci si trova a camminare. Inoltre, non mostra l’ombra proiettata da strutture diverse dagli edifici, come le linee ferroviarie sopraelevate, e non tiene conto delle strade commerciali coperte.

Articoli correlati

Marina Flocco

Marina Flocco

Fruitrice seriale di videogiochi, anime, manga, tutto ciò che è traducibile dal giapponese.

Condividi