Dr Commodore
LIVE

Ezra Miller rompe il silenzio e si scusa: “Inizio un percorso di cura”

La star di The Flash Ezra Miller rompe finalmente il silenzio dopo mesi e si scusa per gli atteggiamenti avuti negli ultimi tempi: “Inizio un percorso di cura per la mia salute mentale”.

La dichiarazione arriva a Variety direttamente tramite un rappresentante di Miller, in cui quest’ultimo ha voluto spiegare il comportamento tenuto in questi anni, che avrebbe portato in più di un’occasione ad arresti e denunce per abusi e molestie. Miller ha inoltre porto le proprie scuse in riferimento a questi fatti.

La dichiarazione di Miller

“Dopo essere passato attraverso un periodo di forte crisi personale, ora capisco di soffrire di problemi di salute mentale molto complessi e sto iniziando un percorso di cura”, ha affermato la star di Animali Fantastici. “Permettetemi di scusarmi per il mio atteggiamento, che sono sicuro ha allarmato e sconvolto tante persone. Ora voglio impegnarmi per tornare a una situazione sana e lavorativamente produttiva della mia vita”.

L’attore, le cui azioni sono state spesso sotto attacco dell’opinione pubblica recentemente, si è dichiarato in più occasioni non-binary, tant’è vero che in inglese utilizza il pronome they/them. Miller è famoso per essere il Barry Allen (aka Flash) del DCEU, apparso per la prima volta in Suicide Squad del 2016, e poi nei due Justice League, sia la versione del 2017 sia quella di Snyder.

Il suo ruolo come Flash è stato purtroppo messo in ombra dagli avvenimenti degli ultimi anni, cosa che ha messo in allarme amici e colleghi, ma soprattutto la Warner Bros., la major dietro il DCEU.

Dalle Hawaii al grooming: i reati di Ezra Miller

Ma quali sono questi avvenimenti? Facciamo un breve riassunto. Più recentemente, Miller è stato accusato di furto per aver rubato dell’alcol in una casa in Vermont mentre i proprietari non erano presenti. Nel 2020, è stato diffuso in rete un video che mostrava Miller mentre tentava di soffocare una giovane fuori da un bar in Islanda, ma non fu denunciato al tempo.

Quest’anno, invece, Miller è stato arrestato già due volte alle Hawaii, accusato prima di molestie e poi denunciato per disturbo della quiete pubblica. L’accusa di molestie è stata ritirata, mentre invece Miller risulta che abbia pagato una multa di 500 dollari per la denuncia.

ezra-miller-the-flash

Impossibile poi non nominare la storia che coinvolge la giovane attivista Tokata Iron-Eyes, i cui genitori hanno accusato Ezra Miller di aver commesso grooming nei confronti della figlia per anni. Miller e Tokata sono poi scomparsi senza lasciare tracce, e prima del furto di alcol, Miller era stato visto girare in macchina armato e vestito con un giubbotto antiproiettile.

Questa serie di scandali ha cominciato a gravare sempre di più sulle pubbliche relazioni sia di Miller che di Warner Bros. Discovery, dato che quest’ultima ha affidato all’attore il ruolo di protagonista di due saghe di punta – il DCEU e la saga di Animali Fantastici. Warner Bros., a quanto pare, supporta pienamente il percorso di cura dell’attore.

The Flash è previsto nelle sale statunitensi per il 23 giugno 2023. Il film, tratto dal fumetto Flashpoint, servirà da rilancio per tutto il DCEU e prevede apparizioni da parte di Ben Affleck, Michael Keaton e probabilmente anche del Flash televisivo di Grant Gustin, con Ezra Miller ovviamente a fare da protagonista.

FONTE

Articoli correlati

Condividi