Dr Commodore
LIVE

Pubblica la foto di una stella ma in realtà era una fetta di salame: scienziato trolla il web

Uno scienziato francese si è recentemente trovato nel bel mezzo di una tempesta di critiche, dovute a un’uscita piuttosto sorprendente per un uomo di scienza fatta alcuni giorni fa sul suo profilo Twitter. Lo scienziato protagonista della vicenda, di nome Etienne Klein, è direttore della Commissione francese per l’Energia Atomica.

Sulla scia delle recenti immagini rilasciate dal formidabile telescopio James Webb, il 31 luglio Etienne ha condiviso con i suoi 90.000 follower su Twitter un’immagine che, secondo quanto affermato nella didascalia dallo scienziato, sembrava essere una dettagliatissima foto di Proxima Centauri scattata dal popolare telescopio.

Ebbene, le cose ben presto si sono rivelate essere molto diverse da quanto detto dallo scienziato: la massa rossa mostrata nella foto non era la famosa stella, ma solamente la fetta di un salame spagnolo, chiamato chorizo.

james webb space telescope jwst spazio stella proxima centauri

Perché un’autorità scientifica pubblica foto di un salame e lo spaccia per una stella?

Nella foto pubblicata su Twitter, lo scienziato scriveva:

“Foto di Proxima Centauri, la stella più vicina al Sole, situata a 4,2 anni luci da noi. È stata presa dal JWST (James Webb Space Telescope). Questo livello di dettaglio… Un nuovo mondo viene rivelato ogni giorno”

Rapidamente, il suo tweet è stato condiviso e commentato diverse migliaia di volte. Dato il suo status, gli utenti di Internet non immaginavano si trattasse di uno scherzo. Ma Etienne Klein ha poi rotto l’entusiasmo rivelando che quella nella foto non era altro che una fetta del famoso salame spagnolo.

Uno scherzo da astronomi, ma che molti utenti non hanno gradito. La bufala postata dallo scienziato, che come già detto ha un ruolo piuttosto importante nel panorama scientifico francese, è stata criticata da moltissimi utenti delusi dal suo comportamento.

La disapprovazione di molti deriva dal fatto che in un momento storico come il nostro, in cui gli scienziati si trovano spesso a combattere con le fake news e i negazionisti, la maggior parte dell’utenza crede che questi comportamenti non siano accettabili e vanifichino gli sforzi compiuti ogni giorno da ricercatori e studiosi di tutto il mondo.

Il comportamento di Etienne sarebbe ulteriormente aggravato dal fatto che egli abbia usato per questi scopi la recente popolarità del James Webb Space Telescope. Inoltre, tale comportamento è considerato non accettabile per il ruolo di spicco da lui ricoperto nel settore scientifico, e che lo ha reso fino a quel momento una fonte autorevole. Un utente ha scritto infatti:

“Detto da un direttore della ricerca scientifica, è piuttosto inappropriato condividere questa tipologia di cose”

Lo scienziato si è giustificato definendo il suo uno “scherzo da scienziati” e affermando che il suo fine fosse quello di ricordare alla gente di “stare attenti alle dichiarazioni provenienti da persone in posizione di autorità”.

“Mi sento in dovere di chiarire che questo tweet che mostrava una presunta foto di Proxima Centauri era una forma di divertimento. Impariamo a diffidare delle argomentazioni dell’autorità tanto quanto dell’eloquenza spontanea di certe immagini… Secondo la cosmologia contemporanea, nessun oggetto appartenente ai salumi spagnoli esiste da nessuna parte tranne che sulla Terra”

L’uomo si è poi scusato con coloro che non hanno preso affatto bene la sua burla:

“Porgo le mie scuse a coloro che potrebbero essere rimasti scioccati dal mio scherzo, che non aveva nulla di originale”.

A un giornale francese, Etienne ha anche espresso le amare considerazioni da lui maturate durante la vicenda:

“Questa è la prima volta che faccio una battuta quando sono più su questa rete come figura di autorità scientifica. La buona notizia è che alcune persone hanno capito subito l’inganno, ma ci sono voluti anche due tweet per chiarire”

Nel tentativo di riacquistare fiducia, lo scienziato ha poi pubblicato un’immagine della galassia “Ruota di Carro”, stavolta rassicurando gli utenti della veridicità della foto.

Fonte: Le Figaro

Articoli correlati

Condividi