Dr Commodore
LIVE

Giappone: rubano 400$ in Lego per mantenere la loro passione da “otaku dei treni”

La polizia di Tokyo ha finalmente fermato “Lego Kid“. Questo è il nome che lo staff di un negozio di giocattoli di centro commerciale di Tokyo ha scelto per la persona che si è resa responsabile dei continui furti dei famosi mattoncini avvenuti ai danni del negozio.

Le forze dell’ordine sono riuscite a rintracciare il responsabile dei furti di Lego e i suoi due complici. Il 24 giugno il 24enne Naoto Daitoku, ritenuto la mente dietro i colpi, è stato preso in custodia dalla polizia con l’accusa del furto di 12 giocattoli, perpetrato secondo la polizia il 16 dicembre del 2021.

Daitoku e uno dei suoi complici, un 17enne, sono accusati di aver rubato 55,000 yen di giocattoli (circa 400 dollari). I ragazzi negano le accuse ma il terzo complice, di 19 anni, ha invece ammesso i furti e la loro vendita dopo il reato, e sta collaborando con la polizia. Ma qual è il movente dietro i furti?

lego giappone furto

La ragione dietro i furti dei Lego potrebbe essere la loro passione nel fotografare i treni

I Lego stanno diventando molto più che dei semplici mattoncini colorati, alcune edizioni sono così importanti da costituire dei lucrosi investimenti. Questo è rilevante perché, dalle testimonianze dei ragazzi, le forze dell’ordine hanno appreso che i tre si sono conosciuti attraverso la passione comune del “toritetsu” e secondo alcuni la ragione dietro ai furti di Lego potrebbe essere la necessità di mantenere economicamente questa passione.

Il “toritestu” è una pratica attuata da una delle fanbase di treni presenti in Giappone. Si tratta, nel caso del “toritetsu”, di fan sfegatati definiti dei veri e propri “otaku dei treni”, che dedicano anima e corpo a fotografare (con attrezzatura molto costosa e, a volte, veri e propri treppiedi) i mezzi in arrivo. Questi appassionati hanno una pessima reputazione in Giappone: per ottenere la foto perfetta di un treno sono disposti a oltrepassare illegalmente delle proprietà private o delle zone vietate, tagliare alberi, rimuovere fili elettrici e della luce e possono anche diventare maleducati e violenti pur di riuscire nel loro scopo.

La pratica, tra l’altro, nel 2021 ha dato alla luce (in quello che viene definito “l’incidente di Namamugi”) un nuovo meme: Enoden Bicycle Bro. In tale occasione, dei fans si raccolsero in un ottimo punto fotografico situato sull’attraversamento stradale di Tatsunokuchi per fotografare l’arrivo di un treno vintage. La fotografia, però, venne rovinata da un tizio straniero che viaggiava in bicicletta accanto al treno. Il resto è storia. Se vi siete persi il meme, potete rimediare vedendo il video qua sotto.

Fonte: SoraNews

Articoli correlati

Condividi