Dr Commodore
LIVE
Ya Boy Kongming

Ya Boy Kongming!, la musica trascende il tempo

La stagione primaverile 2022 sta giungendo al termine, e tra le serie di questa stagione ce n’è una che nessuno avrebbe mai detto che sarebeb diventata iconica: Ya Boy Kongming! (Paripi Koumei in originale), adattamento dell’omonimo manga scritto da Yuto Yotsuba e disegnato da Ryo Ogawa, purtroppo ancora inedito in Italia.

Un leggendario stratega e una cantante novizia

Ya Boy Kongming! parla del leggendario stratega Zhuge Liang, conosciuto anche come Kongming. In punto di morte, desidera che la prossima vita sia in un luogo pacifico, senza guerre. Inaspettatamente il suo desiderio viene esaudito e si reincarna in un sé stesso più giovane nel Giappone moderno. Ritrovatisi in mezzo nel bel mezzo di una festa di Halloween per le strade di Shibuya, Kongming si ritrova ad essere portato nel club BB Lounge.

Qui la sua attenzione viene rapita dal canto di Eiko Tsukimi, una giovane ragazza che aspira a diventare una cantante professionista. Ispirato dalla sua canzone e dal suo sogno, Kongming decide di diventare lo stratega di Eiko e di aiutarla a farsi strada nel mondo della musica.

L’inizio della storia potrebbe ricordare a primo acchito la premessa dei film Lui è tornato e Sono tornato, e ammetto che ho avuto anch’io la stessa impressione dopo aver visto il primo episodio. Ovviamente non c’è molto altro in comune tra le serie e i due film, a meno che non ci si voglia fare dei meme sopra.

Con l’arrivo di Kongming, la carriera di Eiko inizia effettivamente a prendere piede e durante tutta la serie possiamo osservare la crescita della cantante tramite i vari eventi che riescono a farla conoscere al grande pubblico che si rivelano un successo grazie alle geniali strategie dello stratega. Sulla sua strada si trova anche a fare il confronto artisti più famosi di lei, che a volte si rivelano dei gradassi così pieni di sé che le danno un’occasione solo per vederla fallire, e altre persone che hanno sacrificato la propria arte per poter guadagnare facendo della musica mediocre. La sua crescita artistica va’ a pari passo con quella personale, e la cosa si vede molto negli ultimi episodi dell’anime.

Ma allo stesso tempo pure Kongming cresce con la sua nuova signora, nella quale rivede sempre di più Liu Bei, il guerriero che serviva nella sua prima vita. I suoi stratagemmi geniali non sono totalmente inediti, in quanto riusa i suoi stratagemmi militari che l’hanno reso famoso nella storia, che decide di riutilizzare solo dopo aver attentamente preso delle informazioni per le strade di Tokyo, come vediamo nel suo pellegrinaggio delle serate in discoteca. Questo rende la serie anche una specie di “remake” delle Cronache dei tre Regni, con tanto di spiegazioni degli avvenimenti originali all’inizio di ogni episodio.

Un piccolo neo in questo sta forse nel fatto che Kongming diventa un personaggio più secondario nella seconda metà della serie, nonostante appaia comunque in tutti gli episodi.

A far da contorno a Eiko e Kongming ci sono dei personaggi secondari che emergono grazie alle loro personalità. Tra questi quelli più importanti sono come il proprietario del BB Lounge Kobayashi, nonché fan numero uno di Eiko, e grandissimo appassionato dei tre regni, il rapper Kabetaijin in fuga dalla musica a causa di problemi di salute, e Nanami, una cantante di strada che diventa amica di Eiko ma che nasconde un segreto.

Sono rimasto soddisfatto anche dal comparto visivo, soprattutto nelle sequenze riguardanti le performance musicali, tanto che le mie scene preferite sono proprio di performance che sono presenti nell’ultimo episodio o nell’episodio dedicato alla battaglia rap, che fa un piccolo occhiolino a JoJo. Ho particolarmente apprezzato anche le scene più comiche, specialmente quelle dove si vedono Eiko o Kongming con espressioni stupite.

Y

La forza delle canzoni

Le canzoni di Eiko, cantate in originale da 96Neko, sono abbastanza orecchiabili, anche se ad essere totalmente sincero ho preferito l’opening e la ending. Il grande pregio delle canzoni della giovane cantante è il valore che hanno all’interno dell’economia della serie, e ci dimostrano a noi spettatori che le canzoni possono davvero smuovere le persone e portarle a migliorare, ad avere fiducia in se stesse o addirittura a trovare il proprio sogno.

Se Eiko vole fare una cantante è grazie ad una canzone che Kobayashi le ha fatto sentire, che le ha cambiato la vita in meglio. Con le sue canzoni ora è lei che può avere il ruolo di qualcuno che può ispirare gli altri (ed è quello che poi vediamo con Kongming).

Ammetto però che mi sarebbe piaciuto sentire le canzoni cantate dalla doppiatrice del personaggio, Kaede Hondo, che in passato aveva già partecipato ad anime musicali come Zombie Land Saga.

In conclusione Ya Boy Kongming! è una commedia musicale molto divertente, che ci regala dei personaggi ben caratterizzati e unici (almeno a mio parere). Purtroppo la serie non è disponibile in Italia se non per vie traverse, visto che i diritti internazionali sono della piattaforma statunitense Hidive. Si spera che qualcuno prima o poi decida di licenziarla.

Articoli correlati

Yoel Carlos Schincaglia

Yoel Carlos Schincaglia

Nato il 14 febbraio 1997. Mi piacciono molto gli anime e credo nella canzone che ho nel cuore.

Condividi