Dr Commodore
LIVE

I creatori di cheat per Destiny 2 pagheranno $13,5 milioni a Bungie

Elite Boss Tech era accusata di aver distribuito cheat per Destiny 2, costringendo Bungie a investire una marea di soldi per lo sviluppo di contromisure. Dopo un anno di tira e molla, la compagnia di cheat ha dichiarato che pagherà quanto dovuto.

Come si può leggere dai documenti di corte, Bungie esige un risarcimento di 2000 dollari per ogni download del software, che è stato scaricato un totale di 6765 volte. Dato che ogni download viene considerato come una singola infrazione del DMCA, l’offesa arriva a costare ben 13 milioni e mezzo di dollari.

Come parte dell’accordo Elite Boss Tech ha inoltre accettato di rispettare un’ordinanza permanente che gli vieta lo sviluppo di software per Destiny 2 e tutti gli altri giochi Bungie.

Destiny2-cheat-wp

Cheat per Destiny 2: in cosa consistevano?

Il cheat per Destiny 2 si presentava come un overlay grafico non autorizzato, che secondo Bungie avrebbe fornito al giocatore informazioni destinate a rimanere nascoste. Tra i vantaggi di questo speciale UI c’erano anche un radar che permetteva di vedere i nemici attraverso i muri, un indicatore direzionale del fuoco nemico, e ovviamente l’immancabile aimbot.

Inoltre il codice utilizzato per il trucco faceva affidamento su quello di Destiny 2, andando a creare un “ibrido derivatoche tecnicamente si configura come violazione del copyright. Per di più, Elite Boss Tech stessa ammette che il cheat aggirava i sistemi di prevenzione di Bungie, ennesima aggravante della loro offesa.

La compagnia è esperta in questo tipo di cheat, fornendo wallhack, ESP (Extra Sensory Perception) e simili per Apex, ARK, Among Us, ma anche titoli che non iniziano per “A” come Warframe e Sea of Thieves. Il software viene erogato dietro abbonamento e, nonostante i creatori stessi dichiarino non sia perfetto, risulta parecchio difficile da individuare dai sistemi anti-cheat, provocando un bel mal di testa e molti straordinari per gli sviluppatori.

Un esempio di cheat simili a quelli in questione

Bungie, con Destiny 2, è solo una delle case videoludiche che hanno dichiarato guerra ai software malevoli negli ultimi tempi, tra le quali ricordiamo Activision e Riot Games. Giusto a gennaio PUBG mobile era riuscita a vincere 10 milioni contro un gruppo di hacker.

Il fenomeno del cheating è in preoccupante aumento, specialmente all’interno dei giochi free-to-play che ormai hanno conquistato il mercato. Uno su tutti Team Fortress 2, che nonostante l’età ha dimostrato di saper ancora conquistare un pubblico ampissimo; forse Valve farebbe bene a seguire l’esempio delle altre compagnie nella lotta contro il gioco disonesto.

Fonte: Torrentfreak

Potrebbe interessarti anche:

PS5: SCOPERTO UN EXPLOIT PER HACKERARE LA CONSOLE

Articoli correlati

Enrico Tonon

Enrico Tonon

Sono un tonno romanticissimo che nuota nella rete. Nonostante le pinne, mi ostino ad impugnare tastiere e controller. Ben ferrato in shitposting. Aerodinamico. Giallo.

Condividi