Dr Commodore
LIVE

USA per la sostenibilità dello Spazio: stop ai test missilistici anti-satellite

In un’epoca in cui l’esplorazione dello Spazio è ricominciata ad essere al centro del dibattito pubblico e sociale, il governo degli Stati Uniti non condurrà più test sugli armamenti anti-satellite che potrebbero creare nuvole di detriti in orbita. Il vicepresidente Kamala Harris ha annunciato questa settimana che gli Stati Uniti vieteranno i test missilistici anti-satellite a risalita diretta (ASAT) che creano detriti orbitali.

“Questi test sono pericolosi e non li condurremo”, ha detto Kamala Harris in un discorso alla base della forza spaziale di Vandenberg in California. Il divieto autoimposto dagli Stati Uniti ai test distruttivi sulle armi anti-satellite è uno sforzo per avviare una spinta internazionale per sviluppare “nuove norme per un comportamento responsabile nello spazio”, ha affermato, invitando le altre nazioni a fare lo stesso.

“Senza norme chiare affrontiamo rischi inutili nello spazio”, ha affermato. “Attraverso questo nuovo impegno e altre azioni, gli Stati Uniti dimostreranno come le attività spaziali possono essere condotte in modo responsabile, pacifico e sostenibile”.

spazio

Cosa sono i missili ASAT?

Le armi ASAT – solitamente missili personalizzati lanciati da terra o ad alta quota tramite aerei – possono creare enormi nubi di detriti se testati su macchinari in orbita. Anche un piccolo frammento di detriti che viaggia in orbita a migliaia di miglia orarie può danneggiare o potenzialmente distruggere altri satelliti. La maggior parte del tracciamento è limitato a pezzi più grandi di 1 cm, portando a un numero crescente di manovre di evitamento man mano che vengono lanciati più satelliti.

Un satellite distrutto può causare una cascata; ogni pezzo di detriti tracciabile può potenzialmente distruggere un altro satellite, che a sua volta può creare più detriti che possono distruggere altri satelliti. La sindrome di Kessler avverte di uno scenario in cui un eccesso di detriti spaziali inizia a scontrarsi in modo incontrollabile con i satelliti, causando un’inarrestabile cascata di collisioni e detriti che potrebbero rendere le orbite inutilizzabili dai satelliti o dalle missioni con equipaggio per generazioni.

La Secure World Foundation (SWF) stima che nella storia ci siano stati circa 16 test di armi ASAT che hanno creato detriti. Cinque si sono verificati dall’inizio del millennio; Il 2007 della Cina rimane il più dannoso in termini di frammenti di detriti creati, con oltre 3.500 pezzi tracciati all’epoca e almeno 2.000 ancora in orbita.

Il test ASAT più recente è stato condotto dalla Russia l’anno scorso; il defunto satellite spia Cosmos-1408 è stato distrutto con un missile, creando una grande nuvola di detriti di oltre 1.000 pezzi. La mossa ha suscitato un forte rimprovero da parte dei funzionari statunitensi e ha creato decine di migliaia di allarmi in congiunzione con altri satelliti.

Gli Stati Uniti sono stati a lungo uno dei principali sviluppatori di armi incentrate sullo spazio, conducendo i primi test ASAT alla fine degli anni ’50 . Gli Stati Uniti hanno condotto almeno tre test ASAT che hanno creato detriti; due a metà degli anni ’80 e uno nel 2008.

A causa di un malfunzionamento, la Marina degli Stati Uniti ha distrutto il satellite spia USA-193 utilizzando un missile standard 3 RIM-161 modificato sparato da una nave da guerra nel Pacifico. Il satellite è stato ufficialmente distrutto a causa della presenza di idrazina e berillio a bordo e per l’effetto potenzialmente pericoloso che le sostanze chimiche potrebbero avere se fuoriuscissero su una regione popolata.

Farout: il nostro nuovo vicino di spazio

Le reazioni dal mondo della scienza e della politica

“Con questa politica, gli Stati Uniti stanno dimostrando leadership a livello internazionale”, ha affermato l’SWF in una nota. “Adottando questa politica unilateralmente, gli Stati Uniti stanno segnalando che considerano questo comportamento così irresponsabile da non essere disposti a impegnarsi in esso. Mentre continuano le discussioni produttive nei forum multilaterali su norme e principi per un comportamento responsabile nello spazio, questa nuova politica degli Stati Uniti invia un chiaro messaggio sull’impegno degli Stati Uniti a garantire la sostenibilità a lungo termine dello spazio esterno”.

“Sono davvero entusiasta di questo annuncio perché non si tratta solo degli Stati Uniti che si impegnano ad astenersi da questi comportamenti, si tratta di cercare di stabilire norme internazionali per un comportamento responsabile nello spazio e incoraggiare davvero altri paesi a partecipare”, Robin Dickey, esperto di politica spaziale presso l’Aerospace Corp.

L’annuncio ha suscitato critiche da parte dei leader repubblicani. Il rappresentante del Colorado Doug Lamborn, facente parte della sottocommissione per le forze strategiche del Comitato per i servizi armati della Camera dei Repubblicani, ha definito la decisione di interrompere i test missilistici ASAT “un impegno unilaterale, volontario e completamente non necessario”.

“Questa decisione crea maggiori opportunità per Cina e Russia di mettere a rischio le nostre risorse nello spazio mentre continuano a mettere in campo tecnologie ASAT e creare detriti spaziali pericolosi”, ha affermato Lamborn in una nota. “L’impegno americano a non condurre test ASAT crea una falsa equivalenza tra il nostro comportamento attentamente calibrato nello spazio e le azioni sconsiderate di Cina e Russia”.

Articoli correlati

Alan Tommaso

Alan Tommaso

Blogger, scrittore, perditempo.

Condividi