Dr Commodore
LIVE

Crossfire Legion è il nuovo RTS distribuito da Prime Matter

Dopo il suo primo annuncio all’inizio della scorsa estate, i ragazzi di Prime Matter hanno realizzato un evento stampa interamente dedicato a Crossfire Legion, che ha rivelato i primi dettagli sul gioco, sia dal punto di vista delle meccaniche e del gameplay che dal lato prettamente narrativo.

Ma prima è necessario un passo indietro e ripercorrere brevemente la storia di un franchise apparso in sordina nel lontano 2007 e che ha presto raggiunto cifre da capogiro, diventando il videogioco più giocato online a livello globale per oltre sette anni.

L’ascesa e il successo di Crossfire

In quanto videogioco e brand, Crossfire nasce nel 2007 sotto forma di sparatutto in prima persona free-to-play per PC, sviluppato dallo studio sudcoreano Smilegate. A seguito di una forte popolarità in oriente – e in particolar modo in Cina – Crossfire ha volato oltreoceano spopolando prima in America e poi in Europa.

Dopo un successo durato anni, che ha portato il gioco a raggiungere cifre astronomiche, diventando nel 2014 il titolo più giocato al mondo con oltre 690 milioni di giocatori da 88 paesi differenti. Ad oggi, risultano ancora attivi quasi 10 milioni di utenti e il successo è stato tale che in Cina è stata prodotta una serie televisiva ispirata a Crossfire che ha raggiunto quasi 2 miliardi di spettatori unici.

Attualmente il brand ha coinvolto molteplici studi per la produzione di altri videogiochi: da un lato, Smilegate ha proseguito in solitaria lo sviluppo di un vero e proprio sequel FPS, chiamato Crossfire X, previsto in uscita su Xbox One, Serie S|X e PC il prossimo 10 febbraio 2022; dall’altro sono stati coinvolti studi lontani dal mondo degli FPS e specializzati in RTS (Real Time Strategy). Tra questi, spicca lo studio canadese Blackbird Interactive, formato da veterani di Relic ed Electronic Arts il cui primo gioco pubblicato è stato Homeworld Desert of Kharak (2016).

Crossfire X Legion

Smilegate, colpita dall’attività svolta da Blackbird Interactive con Desert of Kharak propone allo studio canadese di esportare l’universo di Crossfire nel mondo degli strategici in tempo reale, dando vita alla fase embrionale di Crossfire Legion, in sviluppo ormai da circa cinque anni.

Crossfire Legion e l’innovazione degli RTS

A spalleggiare e assistere i due studi nella produzione e distribuzione di Crossfire Legion è presto intervenuta Prime Matter, la nuova label di Koch Media dedicata alla pubblicazione di una ricca varietà di nuovi titoli provenienti da un’ampia gamma di generi oltre ad alcuni brand di grosso calibro come Crossfire. L’etichetta di Koch Media ha presto affermato come Il mondo di Crossfire offra lo scenario e lo sfondo perfetti per un RTS grazie al suo approccio unico alla guerra globale futuristica e alle fazioni in lotta.

Di fatto, l’evento stampa organizzato da Prime Matter ha subito puntualizzato la struttura narrativa del nuovo gioco, che permarrà sia in modalità storie che nel multigiocatore online. Ambientato qualche anno nel futuro, racconta la guerra globale tra due fazioni, la Global Risk e la Black List. La prima reinterpreta e fa le veci della NATO mentre la seconda racconta un gruppo di mercenari. Entrambe le fazioni possiedono dei leader, i quali presentano abilità uniche e che in gioco saranno portavoce delle scelte del giocatore.

Un esempio è Cardinal, uno dei leader di Global Risk, in grado di fornire supporto a distanza con attacchi aerei e di artiglieria ad ampio raggio, in grado di distruggere qualsiasi struttura nemica si trovi sotto il bombardamento. Phoenix è uno dei leader di Black List, specializzato in tattiche offensive stealth, permette a gruppi di attaccanti di muoversi nell’ombra, come fantasmi, in modo tale da attaccare il nemico senza farsi vedere.

Durante l’evento è stata rivelata la presenza di una terza fazione ma al momento non sono state fornite ulteriori informazioni a riguardo. Di fatto, la strada da percorrere prima della pubblicazione di Crossfire Legion è ancora lunga, come dimostra la roadmap condivisa dagli sviluppatori, che punta alla distribuzione del gioco nella seconda metà del 2022.

A seguito dell’evento stampa è stato possibile testare e assistere a un primo gameplay all’interno di server tecnici. Le impressioni circa il lavoro svolto finora sono più che positive. Sono indubbiamente necessari miglioramenti e perfezionamenti – in particolare legati agli aspetti grafici, sono evidenti piccoli errori nelle texture – ma la nuova veste di Crossfire in chiave RTS pare convincente.

Di fatto, la demo del gioco sarà pubblicata verso la fine di Febbraio 2022. Le intenzioni degli sviluppatori sono quelle di completare Crossfire Legion con il contributo e il feedback dei giocatori, in modo tale da fornire un prodotto ben definito e strutturato.

La scelta di Prime Matter pare corretta, avendo in uscita prossimamente il seguito ufficiale del primo gioco, c’è tutto il tempo per dedicarsi a un titolo diverso dall’originale, con una formula RTS classica ma rinnovata con il contributo e il supporto diretto dai giocatori di tutto il mondo. Non ci resta che aspettare e vedere cosa Crossfire Legion abbia in serbo per noi.

Cosa ne pensate commodoriani? Avete mai giocato Crossfire? Siete interessati a questo RTS? Fatecelo sapere con un commento!

Articoli correlati

Riccardo Retez

Riccardo Retez

Alla deriva nel mare della pop culture ho fatto dei videogiochi prima una passione, poi uno studio e infine un lavoro. Scrivo, curo e creo contenuti dentro, fuori e intorno ai mondi videoludici.

Condividi