Dr Commodore
LIVE

Doctor Who: secondo un politico inglese il fatto che il Dottore ora sia donna spinge gli uomini a commettere crimini

L’annuncio di Jodie Whittaker come Tredicesimo Dottore oltre quattro anni fa ha colto un po’ tutti di sorpresa e ha diviso il pubblico: alcuni sono subito stati molto felici della notizia e della “rivoluzione” che la scelta di un’attrice donna per interpretare il Dottore sarebbe stata per Doctor Who. Altri, invece, hanno fortemente criticato la scelta, dividendosi da chi si è ricreduto guardando l’attrice in azione e chi invece, nonostante le quasi tre stagioni trascorse, ancora oggi ritiene che questa scelta sia stata l’inizio della “fine” per la serie.

Evidentemente di avviso più o meno simile è il parlamentare Tory Nick Fletcher che, in un intervento tenuto il 25 Novembre, ha dichiarato che l’aumentare della criminalità tra i giovani uomini sarebbe dovuto anche alla scelta della BBC di far diventare donna il Dottore e, più in generale, al fatto che le donne starebbero iniziando ad interpretare ruoli prettamente maschili in televisione. La notizia è stata riportata sul sito ufficiale della BBC.

“Ovunque, e in particolare nella sfera culturale, sembra esserci una molto piccola, ma sonora minoranza che chiede che ogni personaggio maschile o ogni modello positivo sia rimpiazzato con una donna. Per accorgersene basta guardare le discussioni riguardo chi interpreterà il prossimo James Bond. E non si tratta solo di James Bond. Negli ultimi anni abbiamo visto Doctor Who, Ghostbusters, Luke Skywalker, gli Equalisers, tutti venire rimpiazzati da delle donne. E agli uomini rimangono solo Krays e Tommy Shelby. C’è da meravigliarsi se stiamo vedendo così tanti giovani ragazzi commettere crimini?”

Doctor Who

Alle parole del parlamentare Tory la deputata Laburista Anneliese Dodds ha risposto, dichiarando che le ragioni dietro l’aumento della criminalità fra i giovani sono molto più complesse del semplice dibattito su chi sarà il prossimo 007, aggiungendo inoltre sarcasticamente che sentendolo parlare in un primo momento aveva pensato di aver “capito male”.

A seguire vi lasciamo inoltre il video con il frammento dell’intervento del parlamentare:

L’intervento fa naturalmente riferimento al fatto che il Dottore, così come tanti altri personaggi della televisione, rappresentano dei modelli positivi e da imitare per i ragazzi. Rimane da capire, comunque, perché anche i personaggi femminili non possano rappresentare un modello altrettanto positivo. Il caso specifico del Dottore poi è ancora più singolare, dal momento che i Signori del Tempo (la specie del Dottore) come dichiarato nella penultima puntata della Decima Stagione sono “ben oltre i nostri primitivi dibattiti sul gender”.

Ad un Tweet col video della dichiarazione del parlamentare ha anche risposto John Bishop, che interpreta Dan Lewis nella Tredicesima Stagione di Doctor Who.

Tornando a parlare di Doctor Who in generale, vi ricordiamo che per il 60esimo anniversario della serie Russell T. Davies tornerà come showrunner.

Che ne pensate voi Commodoriani della notizia? Fatecelo sapere con un commento!

Fonte: Account Twitter di PoliticsJOE

Articoli correlati

Daniela Reina

Daniela Reina

Studentessa, nel tempo libero viaggia attraverso tempo, spazio e mondi di fantasia in compagnia di qualche buona lettura o serie. Il suo manga preferito è Berserk, l'anime Neon Genesis Evangelion.

Condividi