Dr Commodore
LIVE

Battlefield 2042, esordio negativo su Steam

A pochi giorni dal lancio di Battlefield 2042, su console di nuova e vecchia generazione, possiamo cominciare a farci un’idea della valutazione generale dei giocatori che lo stanno mettendo alla prova proprio in queste ore.

Oltre alle recensioni in giro sul web (e qui potete trovare la nostra), un altro banco di prova piuttosto esigente sono le votazioni degli utenti Steam. E in questo caso, purtroppo, parliamo di utenti non pienamente soddisfatti del prodotto finale.

Al momento, solo il 25% delle circa 31.000 recensioni totali sono positive, portando il nuovo gioco di casa DICE, a una valutazione complessiva “Perlopiù negativa”, stando proprio alla pagina ufficiale dello store di Valve, e la situazione difficilmente potrà migliorare in modo consistente in tempi brevi.

Battlefield 2042 non è particolarmente apprezzato. I motivi?

Già delle varie beta che si sono susseguite nel corso dei mesi passati, su Reddit (e come ora su Steam) molti lamentavano che gli sviluppatori, con questo nuovo capitolo, avessero troppo snaturato l’essenza di una delle saghe FPS più longeve e amate di sempre.

Affrontiamo quindi l’elefante nella stanza: gli specialisti. Novità assoluta per BF, si sono rivelati però una scommessa forse scarsamente vincente: i veterani della saga lamentano infatti la loro presenza in quanto, a discapito anche del bilanciamento, scoraggerebbero il gioco di squadra, permettendo a tutti di ricoprire qualsiasi ruolo con qualunque armamento si voglia, sacrificando il vecchio sistema di classi che vincolava i giocatori a specifici equipaggiamenti.

Skippy, utente Steam, scrive nella sua recensione:

Quando uscì BF3 pensai tra me e me: “Immagina come sarà Battlefield tra dieci anni”.
Non mi aspettavo questo…

Un altro utente accusa di DICE di aver sostituito le classi con gli specialisti perché più facili da monetizzare, per esempio attraverso elementi cosmetici: gli sviluppatori si sono concentrati nel rendere BF più vendibile, non più giocabile.

D’altra parte, si intuisce, queste scelte di game design offrono una maggiore libertà, scelte che quindi qualcuno ha comunque apprezzato. Sta al gusto del consumatore prendere una decisione in merito.

Altri problemi meno soggettivi, però, non mancano: il gioco non sembra sufficientemente ottimizzato, regalando prestazioni non al massimo di quello che l’hardware può offrire. Numerosi bug e glitch affliggono le partite (già dalla beta). Diverse feature molto apprezzate nei capitoli precedenti mancano all’appello (e i giocatori non risparmiano liste chilometriche dove vengono tutte accuratamente elencate), a cominciare dalla buona organizzazione dei menù, ritenuti ora troppo caotici, per poi scendere in vere e proprie dinamiche di gameplay, come l’assenza di un numero soddisfacente di armi. Altri ancora sostengono che quest’ultime non siano ben bilanciate.

La sensazione generale dei giocatori pare quella di trovarsi di fronte a un gioco con grande potenzialità ma non ancora finito e messo a punto come si deve.
Nonostante ciò, DICE si è già impegnata a rilasciare una patch per risolvere alcuni dei problemi più gravi e promette di star lavorando a ulteriori update per migliorare la situazione.

Voi invece cosa ne pensate? Battlefield 2042 vi sta divertendo, nonostante le sue criticità, o sono problemi troppo invalidanti per poter chiudere un occhio?
Fatecelo sapere con un commento!

FONTE: PCGamer

Articoli correlati

Fabio Ghidella

Fabio Ghidella

Fabio Ghidella, 23 anni, studente di Lettere. Videogiocatore fin da bambino con la Playstation 1, ho continuato negli anni a giocare su PC, iniziando da un vecchio computer assemblato da mio padre che è arrivato nella mia cameretta di seconda mano. E da lì non mi sono più fermato.

Condividi