Dr Commodore
LIVE

La Marvel fa causa a Steve Ditko e al fratello di Stan Lee: la battaglia legale per il copyright dei personaggi

La Disney torna di nuovo in tribunale, questa volta però non si tratta della causa mossa da Scarlett Johansson, ma per avere il pieno controllo di alcuni personaggi della Marvel.

Gli eredi di diversi scrittori e artisti stanno cercando di rivendicare i diritti d’autore su alcuni personaggi tra cui Spider-Man, Iron Man, Doctor Strange, Black Widow, Thor e Captain Marvel.

Il dibattito è cominciato qualche mese fa, quando l’avvocato Marc Toberoff, ha notificato alla Marvel Entertainment, avvisi di risoluzione del copyright per conto di cinque clienti tra cui Lawrence D. Lieber, fratello minore di Stan Lee, scrittore e artista di fumetti che ha contribuito a creare alcuni personaggi negli anni ‘60.

Secondo la legge sul copyright degli Stati Uniti, gli autori o i loro eredi possono reclamare i diritti dagli editori dopo un certo numero di anni. Nel caso in cui questo reclamo dovesse andare in porto, questi avvisi consentirebbero alla Marvel di continuare a utilizzare i personaggi, ma richiederebbero allo studio di condividere la proprietà e i profitti con i creatori e quindi gli eredi.

Tra coloro che cercano la risoluzione ci sono le proprietà delle leggende della Marvel Comics Steve Ditko (co-creatore di Spider-Man e Doctor Strange), Don Heck (co-creatore di Iron Man, Black Widow e Occhio di Falco), Don Rico (co-creatore di Black Widow) e Gene Colan (co-creatore di Falcon, Captain Marvel e Blade), e Larry Lieber, co-creatore di Iron Man, Thor e Ant-Man.

Tutti gli scrittori e autori, sono rappresentati dall’avvocato Marc Toberoff, che ha già rappresentato in precedenza gli eredi dell’artista di fumetti Marvel Jack Kirby e i creatori di Superman Jerry Siegel e Joe Schuster in casi simili.

Le cause legali della Disney, presentate dall’avvocato di Los Angeles Daniel M. Petrocelli sostengono che i personaggi in questione sono stati creati come “lavoro realizzato su commissione, a cui non si applicano le disposizioni di risoluzione del Copyright Act”, secondo le denunce.

“La Marvel ha assegnato storie a Steve Ditko da illustrare, aveva il diritto di esercitare il controllo creativo sui suoi contributi e gli ha pagato una tariffa per pagina per i suoi contributi”, dichiara la denuncia contro il patrimonio di Ditko. “Di conseguenza, tutti i contributi forniti da Steve Ditko sono stati a cura e spese della Marvel”.

L’avvocato Petrocelli, che ha preso parte sempre con la Disney durante la causa contro Scarlett Johansson, ha dichiarato al New York Times: “Dal momento che si trattava di opere realizzate per il noleggio e quindi di proprietà della Marvel, abbiamo presentato queste cause in modo tale da confermare che le disdette non sono valide e prive di effetti giuridici”.

L’avvocato della controparte Toberoff ha risposto alla multinazionale:

“Al centro di questi casi c’è un’interpretazione anacronistica e altamente criticata di ‘lavoro su commissione’ ai sensi del Copyright Act del 1909 che deve essere rettificato” ha poi continuato dicendo “per i primi sei decenni del Copyright Act, i tribunali lo hanno interpretato come applicabile solo ai ‘tradizionali dipendenti a tempo pieno’, cosa che gli scrittori e gli artisti della Marvel non erano. Questi ragazzi erano tutti liberi professionisti o appaltatori indipendenti, che lavoravano per pagare l’assicurazione della propria auto fuori dai loro scantinati, vendendo tramite i loro lavori, quelle poche pagine che piacevano ad un editore”, ha detto l’avvocato in una e-mail. “Quindi all’epoca, quando tutti questi personaggi sono stati creati, il loro materiale era  sicuramente un ‘non lavoro su commissione’ ai sensi della legge”.

Marc Toberoff contro la Marvel nel caso Kirby 

Come già citato, l’avvocato Toberoff ha già rappresentato i creatori in altri casi simili in passato. Ha trascorso anni a combattere contro la DC Comics e la Warner Bros per i diritti su Superman per conto dei creatori di Man of Steel, con la Warner che alla fine ha vinto in due sentenze separate. 

Circa dieci anni fa, ha rappresentato l’eredità della leggenda dei fumetti Jack Kirby sulla possibilità di revocare una concessione di copyright su Spider-Man, X-Men, L’incredibile Hulk e The Mighty Thor. Nell’agosto 2013, la Corte d’Appello del 2 ° Circuito ha affermato una sentenza di una corte inferiore che ha stabilito che gli eredi di Kirby non potevano recuperare la sua quota di diritti su questi personaggi perché l’ex freelance della Marvel aveva contribuito con i suoi materiali come un lavoro su commissione. 

Il caso di Toberoff contro la Marvel per conto di Kirby,  aveva quasi raggiunto la Corte Suprema prima di risolversi nel 2014 .

“All’epoca, mi è stato chiesto se mi fossi pentito di non aver raddrizzato l’ingiustizia legale ai creatori, cosa che effettivamente ho fatto”, ha detto l’avvocato nella sua dichiarazione. “Ho risposto che ci sarebbero stati altri casi simili. Ora ci siamo”.

FONTE: TheHollywoodReporter

Articoli correlati

Cristina Nifosi

Cristina Nifosi

Cristina, 24. Ho una crush infinita per Chris Evans.

Condividi