Dr Commodore
LIVE

Aspettando Evangelion 3.0+1.0 #2 – Dove siamo rimasti? Il riassunto

Manca pochissimo all’uscita su Amazon Prime Video di Evangelion 3.0+1.0: ecco tutti gli elementi dal precedente film che dovreste ricordare per guardarlo serenamente.

Il passaggio da Neon Genesis Evangelion 2.22 e 3.33 è sicuramente il più traumatico di sempre per tutti gli appassionati: ci troviamo sommersi da decine di informazioni e soprattutto da un buco di oltre dieci anni da riempire e del quale non sappiamo niente, esattamente come Shinji. Scopriamo che dal finale di You Can [Not] Advance sono passati oltre dieci anni, durante i quali Shinji è rimasto dormiente all’interno dell’Eva 01, e i cambiamenti in tutto questo tempo non sono stati pochi.

Ieri vi abbiamo fornito una breve ed esaustiva guida di tutto ciò che dovreste guardare prima dell’uscita dell’ultimo film. Oggi, invece, ci proponiamo di illustrarvi i contenuti fondamentali di You Can [Not] Redo e che dovreste assolutamente ricordare per potere guardare Thrice Upon A Time senza perdervi nulla. Beh, conoscendo Hideaki Anno, quasi nulla…

Shinji Ikari

Il film, come abbiamo già detto, ci abbandona in balia degli eventi fin dall’inizio. Dopo una breve battaglia con protagoniste Asuka e Mari vediamo Kaworu e subito dopo l’attenzione passa su Shinji, appena svegliato e nel bel mezzo di una visita medica.

Evangelion Shinji

Non capiamo immediatamente cosa stia succedendo né perché il ragazzo sia sottoposto a domande del tipo “ti ricordi il tuo nome?”, “riesci a riconoscerti?” e così via. La confusione che Shinji prova nel trovarsi all’interno di corridoi sconosciuti di fronte a facce altrettanto sconosciute è esattamente analoga a quella degli spettatori che si ritrovano sperduti e spaesati: il precedente film era terminato col nostro protagonista che dava il tutto per tutto per provare a salvare Rei (e infatti numerose volte nei primi minuti del film chiederà proprio dove si trovi Ayanami), mentre qui ci troviamo in un contesto totalmente diverso.

Nei minuti successivi del film una Misato completamente cambiata rispetto agli eventi di 2.22 darà a Shinji alcune delle risposte che cerca. Le altre verranno fornite da Kaworu Nagisa nel corso della pellicola. Per il momento e per circa tutta la prima mezz’ora il film ci presenta una battaglia mozzafiato tra la Wunder, la nave attualmente comandata da Misato e della quale parleremo in seguito, e la Serie Nemesis.

Asuka partecipa allo scontro con l’EVA-02, ma quando Shinji chiede a Misato di potere salire sullo 01 per aiutare Asuka la donna gli risponde freddamente che ormai lui per loro non deve fare più nulla. Ciò è ulteriormente confermato dal marchingegno che viene applicato sul collo di Shinji e che scopriamo in seguito essere lì proprio per impedire che lui salga sull’Evangelion: se chi indossa il choker dovesse salire sull’Evangelion e perdere il controllo “rimanendo vittima dei propri sentimenti”, questo lo ucciderebbe.

Si tratta di una misura di prevenzione visto quanto accaduto l’ultima volta che Shinji è salito sull’Eva 01. Il ragazzo ha perso il controllo e il risveglio dell’unità ha causato il disastro che oggi viene chiamato Near Third Impact.

L’Evangelion 01, per la cronaca, non è più utilizzabile perché viene utilizzata come motore principale della corazzata Wunder. Il tasso di sincronia di Shinji inoltre è sceso allo 0%, perciò anche se il ragazzo vi salisse non si attiverebbe.

Il Near Third Impact

Quando dopo la battaglia una ragazza di nome Sakura Suzuhara si presenta a Shinji per lui e per noi le cose diventano un po’ più chiare: la ragazza è la sorella minore di Toji. Da Evangelion 2.22 sono passati 14 anni durante i quali Shinji è rimasto dormiente dentro lo 01. Ecco spiegato perché Misato, Ritsuko e gli altri personaggi sono molto diversi da come ce li ricordavamo.

Riguardo Shinji e Asuka, invece, il fatto che loro non siano invecchiati viene giustificato da Asuka stessa che parla di una “maledizione degli EVA” che pare blocchi la crescita dei piloti.

Il motivo per il quale il mondo risulta distrutto e desolato, invece, è ciò che viene chiamato da Kaworu Near Third Impact: a scatenarlo è stato proprio Shinji. L’Evangelion 01 ha infatti agito da trigger per l’incidente nel momento del risveglio ed è stato solo un miracolo se si è riusciti ad evitare il peggio. Il motivo del dispositivo attorno al collo di Shinji è quindi più che giustificato: se l’Eva 01 dovesse risvegliarsi ancora non c’è alcuna garanzia e un altro Impact potrebbe verificarsi ed avere conseguenze addirittura più gravi del precedente.

La WILLE

Un’altra novità assoluta di questo film è la WILLE, organizzazione nata subito dopo il Near Third Impact e che nella serie originale naturalmente non esisteva. È guidata da Misato Katsuragi, con lei ritroviamo nuovamente Ritusko, Maya, Hyuga e gli altri ex ufficiali della NERV, alla quale la WILLE si oppone.

Purtroppo non sappiamo granché su come o in quali circostanze l’organizzazione si è formata precisamente, tuttavia rispetto alla NERV è innegabile che stavolta non si tratti di un gruppo di principianti che si affidano alle idee spesso folli e assurde di Misato: stavolta c’è in gioco il destino dell’intera umanità, motivo per il quale Misato per prima appare molto più seria e fredda rispetto a come ce la ricordavamo.

Ulteriore conferma di come i “vecchi personaggi” si pongano diversamente rispetto al loro lavoro è il rapporto tra Misato e Ritsuko: amiche di vecchia data, nella serie originale e fino a 2.22 erano solite chiamarsi per nome anche sul luogo di lavoro. In Evangelion 3.33, invece, Ritsuko chiama Misato “comandante” e in una sola scena in tutto il film la chiama per nome, quando la sprona di attivare il choker su Shinji che sta per essere portato via da Rei. Può sembrare un dettaglio poco importante ma ci aiuta molto bene a capire quanto il clima che si respira nel film sia completamente diverso da You Can [Not] Advance.

Il finale

Il finale è naturalmente uno dei punti più importanti dell’intero film e che dovreste proprio ricordare prima di guardare il capitolo successivo. Kaworu e Shinji salgono sull’unità Evangelion 13 (caratterizzata da un doppio entry plug, quindi pilotabile solo in coppia) con lo scopo di recuperare le due lance, quella di Cassius e di Longinus, conficcate nel corpo di Lilith nel Central Dogma: Kaworu spiega infatti che quelle lance sono la chiave per il Progetto per il Perfezionamento dell’Uomo e che senza di esse la NERV non potrà più provocare il Fourth Impact.

Le cose non vanno lisce come i due speravano e anzi Kaworu rimane profondamente turbato dal fatto che le due lance, che dovrebbero essere differenti, ora appaiano praticamente identiche. Di fronte alla titubanza dell’amico però Shinji continua ad avanzare definendo le due lance “le lance della nostra speranza” e sostenendo di avere intenzione di cambiare il mondo e riportarlo alla condizione Pre-Near Third Impact utilizzandole.

Una volta estratte le due lance false la situazione precipita e Kaworu, che scopriamo essere il primo angelo declassato a tredicesimo (a differenza della serie) diventa il trigger che dà inizio al Fourth Impact: la tragedia sta per ripetersi, ma sempre Kaworu sceglie di sacrificarsi (stavolta, così come nella serie), si trafigge e il choker che portava al collo esplode. La minaccia del Fourth Impact è scongiurata, tuttavia il film finisce con uno sconsolato Shinji che ancora una volta si trova in una situazione di stasi e passività.

Il ragazzo è di nuovo scoraggiato, privo di qualsiasi voglia di vivere e incapace di far nulla perché incolpa se stesso per la morte di Kaworu. Il film termina con Asuka che, tirandolo per un braccio, lo porta con sé in un generico “luogo nel quale i Lilin potranno raggiungerli”. Assieme a loro c’è anche Rei.

Sulle note di Sakura Nagashi di Utada Hikaru i tre si incamminano, verso il luogo che potrà ridare la speranza a Shinji.

Se invece vi interessa un ripasso più approfondito o non sapete da dove cominciare a guardare Evangelion, qui potete recuperare una guida scritta dal nostro Filippo!

Evangelion: 3.0+1.01 sarà disponibile su Amazon Prime Video a partire dal 13 agosto.

Articoli correlati

Daniela Reina

Daniela Reina

Studentessa, nel tempo libero viaggia attraverso tempo, spazio e mondi di fantasia in compagnia di qualche buona lettura o serie. Il suo manga preferito è Berserk, l'anime Neon Genesis Evangelion.

Condividi