Dr Commodore
LIVE

Yu-Gi-Oh! – Una petizione lo candida a sport olimpico. L’ironica richiesta di uno youtuber

Uno youtuber candida Yu-Gi-Oh! a sport olimpico. La petizione non riceve molti consensi.

Il gioco di carte collezionabili Yu-Gi-Oh!, prodotto dalla Konami, è famoso in tutto il mondo, ed è tra i più amati dai giocatori. Tattica, strategia, un buon mazzo, prontezza e astuzia sono requisiti fondamentali per chiunque voglia cimentarsi e dimostrarsi capace di battere i propri avversari.

A causa della complessità del gioco, è stato pubblicato, sul Web, il post con la petizione per rendere Yu-Gi-Oh! uno sport olimpico. La proposta è errivata da Xiran Jay Zhao, uno youtuber canadese, che sottolinea la difficoltà del gioco.

Il post è stato pubblicato sulla piattaforma change.org, e quasi sicuramente va letto in chiave ironica. Infatti, la petizione per portare il gioco alle olimpiadi non ha riscosso gran successo, così come gran parte delle strampalate richieste che ultimamente sono state pubblicate sul social network. Ecco il contenuto del post:

È un’ingiustizia assoluta che Yu-Gi-Oh! non sia uno sport legittimo alle Olimpiadi. Giocare a Yu-Gi-Oh! richiede destrezza (quando si estraggono le carte), atletismo (quando si giocano le carte) e resistenza (quando si è al 10° round di un YCS).

Recentemente Yu-Gi-Oh! aveva fatto parlare di sé perché la Konami aveva ingaggiato il calciatore Antoine Griezmann come testimonial per il brand. Il contratto lavorativo è stato, però, prematuramente interrotto a causa di comportamenti del giocatore pocco apprezzati dalla compagnia. Per maggiori informazioni, date un’occhiata qui.

Poco tempo fa la Konami ha dato la possibilità ai fan di vincere il mitico Drago Bianco Occhi Blu, completamente in argento. C’erano delle regole da seguire per partecipare all’estrazione. Per saperne di più, date un’occhiata a questo link.

Yu-Gi-Oh! è il gioco di carte collezionabili tratto dall’omonimo manga, che inizialmente non ruotava intorno a mostri, magie e trappole, ma era basato su diversi giochi. L’introduzione delle carte ha poi segnato il successo della serie, che deve le sue fortune anche al fortunato adattamento animato.

Fonte

Articoli correlati

Giovanni Parisi

Giovanni Parisi

Laureato in Ingegneria Chimica, aspirante professore alla Great Teacher Onizuka, esploratore di universi di fantasia, illuso sognatore, idealista, cinico a tratti. Ma ho anche dei pregi.

Condividi