Dr Commodore
LIVE

Mamoru Hosoda: “gli anime mostrano quanto le donne siano sottovalutate nella società giapponese”

Mamoru Hosoda, autore di film come Mirai e Wolf Children, si è recentemente espresso riguardo il modo con cui le donne vengono rappresentate negli anime. 

Uno degli autori giapponesi più noti degli ultimi anni è sicuramente Mamoru Hosoda i cui film, quasi al pari di quelli di Miyazaki, hanno molto fatto parlare di loro: Belle, la più recente pellicola da lui diretta, ha da poco ricevuto una standing ovation al Festival di Cannes, in cui ha debuttato. 

Adesso l’autore torna a far parlare di sé per dei commenti fatti al modo di rappresentare le donne negli anime e le relazioni sociali in generali in Giappone. 

“Basta guardare un prodotto animato giapponese per vedere come le giovani donne vengano sottovalutate e per nulla prese sul serio nella società giapponese.”

Mamoru Hosoda

Mamoru Hosoda, cresciuto da una madre single e a sua volta padre di una bambina, sostiene che gli anime molto spesso finiscono per idealizzare i personaggi femminili, facendoli apparire in questo modo distanti dalla realtà. 

“Mi infastidisce veramente vedere come le ragazze vengano rappresentate negli anime, spesso trattate come se fossero sacre, quando ciò non ha nulla a che vedere con la realtà. […] Questa venerazione delle giovani donne mi infastidisce davvero e non voglio assolutamente farne parte.”

L’autore vorrebbe che questa modalità di rappresentazione cambiasse, che le eroine fossero libere dalla necessità di essere un paradigma di virtù ed innocenza e vittime “dell’oppressione di dovere essere come tutti gli altri”. 

Mamoru Hosoda non si fa troppi problemi e, pur senza fare nomi, attacca Miyazaki: 

“Non farò il suo nome, ma c’è un grande maestro dell’animazione che usa sempre una giovane ragazza come eroine. E francamente penso lo faccia perché non ha fiducia in se stesso come uomo.”

Del resto il modo di raccontare storie dei due è sempre stato molto diverso: Miyazaki è, secondo Hosoda, molto più idealista nelle sue storie, laddove invece quest’ultimo preferisce mostrare sia il lato buono sia il lato delle persone

Che ne pensate voi Commodoriani di queste dichiarazioni? Fatecelo sapere con un commento! 

Fonte

Articoli correlati

Daniela Reina

Daniela Reina

Studentessa, nel tempo libero viaggia attraverso tempo, spazio e mondi di fantasia in compagnia di qualche buona lettura o serie. Il suo manga preferito è Berserk, l'anime Neon Genesis Evangelion.

Condividi