Dr Commodore
LIVE

Appletun: vuoi una torta di mele?

Appletun, il Pokémon della settimana #59

Le mele sono un ottimo frutto, tanto che esiste persino il detto “Una mela al giorno toglie il medico di torno”. Esistono tantissimi modi di mangiarle, soprattutto modi legati al mondo dei dolci.

Le alternative sono molteplici, e vedo già qualcuno pronto a dire “mele caramellate” come prima opzione. Le mele caramellate sono molto da festival però… 

Piuttosto, perché non scegliere una torta di mele nella morbida. Come? Vi chiedete come mai tutto questo discorso sulle mele? La risposta è ovvia, lo sto facendo perché questa settimana parleremo di Appletun (タルップル Tarupple), il Pokémon Pomisucco di tipo erba/drago.

Appletun

Gli Appletun rappresentano uno degli stadi evolutivi finali di Applin assieme ai Flapple. Tutti e tre i mon della linea evolutiva condividono la tipologia erba/drago. Gli Applin si evolvono in Appletun quando mangiano un Pomodolce, un frutto particolare che cresce solamente nelle terre selvagge della regione di Galar.

Gli Appletun producono con tutto il corpo un particolare sciroppo, il cui odore attrae particolarmente i mon di tipo coleottero, che sono la loro preda principale. Si dice che la pelle sulla loro schiena sia estremamente dolce, tanto che in passato veniva data come merenda ai bambini. Forse è per questo che a volte alcune persone li guardano come se volessero mangiarli, cosa che ovviamente li fa sentire a disagio.

Appletun

Ad oggi sono gli unici mon a poter usare la mossa speciale Acido Malico, un acido che potrebbe diminuire la difesa speciale del nemico.

Una dolce Gigamax

Gli Appletun possiedono una forma Gigamax che ha una particolarità: d’aspetto è uguale a quella dei Flapple. Si tratta dell’unico caso al mondo di Gigamax d’aspetto condiviso tra più membri della stessa linea evolutiva.

Appletun

Quando assumono questa forma, lo sciroppo prodotto dal loro corpo diventa estremamente vischioso, permettendogli di assorbire più attacchi nemici del normale. Se spruzzato sugli avversari, questo sciroppo può soffocarli o fargli perde i sensi.

La loro mossa Gigamax principale è Gigambrosia, che deriva dalle mosse erba che hanno nel moveset. Con questa mossa gli Appletun infliggono danni all’avversario e curano se stessi e gli alleati. dei problemi di stato.

L’aspetto

Gli Appletun sono mon dal corpo più che altro verde, eccetto la parte inferiore e la schiena gialla. Su quest’ultima si trovano delle parti più arancioni, che imitano la cottura delle torte di mele, e al centro si trovano quelle che sembrano due foglie, rosse da un lato, verdi e gialle dall’altro.

Appletun

Sulla testa presentano un elmetto rotondeggiante che ricorda la parte superiore di una mela. I loro lunghi occhi  sono spesso abbassati, e si vedono solo quando li alzano. Essi hanno la sclera gialla e l’iride nera. IL muso è arrotondato, e presenta due narici abbastanza lunghette. Le quattro zampe hanno tre dita ciascuna e sono tozze, come la coda appuntita. Gli esemplari cromatici hanno l’elmetto sulla testa di colore verde chiaro, e le foglie sulla schiena con una parte rossa.

Gli Appletun sono ispirati alle mele, alle torte di mele e alle tartarughe (oer la loro forma). Inoltre potrebbero anche derivare da Ladon, drago della mitologia greca che faceva da guardiano alle mele dorate nel giardino delle esperidi, o dalla storia Bel e il drago, nella quale un drago esplode dopo aver mangiato una torta.

Il suo nome inglese potrebbe derivare da Appleton, toponimo inglese che indica u posto dove crescono le mele, oppure dall’unione delle parole apple (mela) e ton (un sacco). Il suo nome giapponese deriva invece dall’unione delle aprole tart (crostata) o 怠い tarui (fiacco) o たっぷり tappuri (onomatopea per l’essere pieni) e apple.

Cosa ne pensate di Appletun? Scrivetecelo nei commenti, e se non avete ancora letto lo scorso episodio della rubrica lo trovate qui.

 Fonte: 1.

Articoli correlati

Yoel Carlos Schincaglia

Yoel Carlos Schincaglia

Nato il 14 febbraio 1997. Mi piacciono molto gli anime e credo nella canzone che ho nel cuore.

Condividi