Dr Commodore
LIVE

Absol: colui che avvisa dei disastri incombenti

Absol, il Pokémon della settimana #54

Benvenuti ad una nuova puntata di Pokémistero, incentrata sui disastri naturali avvenuti nella regione di Hoenn secoli fa. Vieni, Indeedee, se puoi seguirmi con la telecamera per piacere.

Ci troviamo con esattezza a Cuordilava, gradita metà turistica situata vicino al Monte Camino conosciuta per le sue famose terme. Ma, cosa vedono i miei occhi! Indeedee, riprendilo presto! Non fartelo sfuggire!

Cari lettori, quello che abbiamo visto è un Absol (アブソル Absol), il Pokémon Catastrofe di tipo buio!

Absol

Gli Absol sono Pokémon che vivono lontani dalle città, sulle montagne. Raramente scendono dalle montagne, se non per avvisare gli altri mon e le persone di disastri incombenti. Grazie al loro corno sono infatti in grado di percepire pure i più sottili cambiamenti nel cielo e nella terra, e per questo sono in grado di predire i disastri. Questo loro talento, però, è anche la loro sfortuna, perché spesso gli viene addossata la colpa del disastro avvenuto. Questo ha portato alla creazione di varie superstizioni alle quali molte persone credono ancora oggi. Non a caso la sua categoria sul Pokédex è proprio “Pokémon Catastrofe”.

Absol

Si muovono veloci come il vento e sembra che possano vivere anche 100 anni. Non amano inoltre lottare, nonostante dispongano di un grande attacco e possano imparare un gran numero di mosse fisiche, sia del proprio tipo che di altri tipi (psico, coleottero, roccia e volante).

Absol

Una mega evoluzione… angelica!

Absol

Gli Absol sono in grado di megaevolvere con l’Absolite. Con la megaevoluzioni gli spuntano anche delle ali, con le quali emettono la loro aura potenziata. Secondo alcune voci, quest’aura sarebbe persino in grado di provocare una morte per shock ai codardi. Nonostante abbiano delle ali, non possono volare.

Quando sono megaevoluti, perdono le abilità che posseggono normalmente (Pressione, Supersorte e la nascosta Giustizia) e ottengono l’abilità Magispecchio, con la quale riflettono le alterazioni di stato subito (ad esempio, se un nemico gli scotta con Fuocofatuo, la scottatura viene mandata al mittente).

Non amano molto la loro forma megaevoluta, visto che non amano particolarmente lottare. Con la megaevoluzione raggiungono un valore di statistiche totale unico: 565. 

L’aspetto

Gli Absol sono mon quadrupedi dalla pelle nera e dal pelo bianco. La loro testa si distingue sicuramente per il suo corno appuntito, che parte dalla fronte. I loro occhi sono a mandorla, e hanno l’iride rossa e la sclera e pupilla bianche. Attorno al collo e sul petto si formano vari ciuffi di pelo. Tutte e quattro le zampe presentano tre artigli e delle spine posteriori; situato all’altezza di uno sperone nelle zampe davanti e all’altezza delle ginocchia in quelle dietro. La coda appuntita ricorda una falce.

Nella loro forma megaevoluta il pelo cresce di molto, tanto da creare anche due sorta di “ali”. Le spine posteriori diventano più grosse, così come il corno sulla testa diventa più largo. Acquisiscono inoltre un secondo corno, più piccolo, sulla sinistra. La loro coda ora ricorda una sega piuttosto che una falce.

Absol

Gli esemplari cromatici mantengono il pelo bianco, ma la loro pelle è rossastra.

ABsol

Absol è ispirato al Bai Ze, creatura del folklore cinese il cui nome significa “palude bianca”, descritta come una creatura bianca con una o due corna sulla testa. Secondo le leggende il Bai Ze sia una creatura intelligente, in grado di capire addirittura il linguaggio umano, e diede all’Imperatore Gialo una guida sulle forme e le abitudini di 115220 tipi di creature soprannaturali presenti nel mondo. In Giappone il Bai Ze è conosciuto come Hakutaku, mentre in Vietnam è conosciuto come Bach Trach. Absol ha cose in comune anche con il kutabe, una creatura ritenuta identica al Bai Ze che predisse una piaga mortale che avrebbe afflitto la prefettura di Toyama negli anni a venire.

Absol

La disposizione del volto di Absol ricorda inoltre il simbolo dello yin e dello yang, il taijitsu, mentre la coda ricorderebbe il Triste Mietitore. La sua forma megaevoluta sarebbe invece ispirata agli angeli (o gli angeli caduti),  alle sfingi, in particolare alla loro raffigurazione greca, e al lamassu, spirito protettivo della mitologia assira con la testa di un uomo, le ali e a volte il corpo di un leone.

Il nome di Absol dovrebbe derivare dall’unione delle parole ab (via da) e sol (sole in latino). Alcuni pensano che il nome derivi anche delle parole absolute, absolve (assolvere) o Absalom (figura biblica il cui nome significa padre della pace, associato anche alla vanuità, alla ribellione e alla sfortuna).

Cosa ne pensate di Absol? Scrivetecelo nei commenti, e se non avete ancora letto l’ultimo episodio della rubrica, potete trovarlo qui.

Fonti: 1, 2, 3.

Articoli correlati

Yoel Carlos Schincaglia

Yoel Carlos Schincaglia

Nato il 14 febbraio 1997. Mi piacciono molto gli anime e credo nella canzone che ho nel cuore.

Condividi