Dr Commodore
LIVE

Crash Bandicoot 4: It’s About Time ha una data di uscita su PC

Crash Bandicoot 4: It’s About Time arriverà su PC il 26 marzo

Il quarto capitolo ufficiale della serie Crash Bandicoot si prepara ad approdare anche su PC come ultima piattaforma di pubblicazione, attraverso il client Battle.net di Activision Blizzard. La data fissata per il ritorno del marsupiale più famoso in Crash Bandicoot 4: It’s About Time è fissata al 26 marzo 2021, dopo il rilascio su Nintendo Switch e in versione Next-Gen nella giornata odierna (ricordando che i possessori della versione PS4 e Xbox One hanno diritto all’upgrade gratuito).

Esattamente come su PS5 e Xbox Series X, sarà possibile fruire dell’ultima avventura canonica dell’icona storica del platforming in grande spolvero, con alte risoluzioni e frame rate elevato in base all’hardware a disposizione.

Di seguito vi riportiamo le specifiche tecniche richieste dichiarate dal portale di Blizzard:

Requisiti minimi

  • Sistema operativo: Windows 10
  • CPU: Intel Core i3-4340 o AMD FX-6300
  • RAM: 8 GB di RAM
  • Scheda video: NVIDIA GTX 600 o AMD Radeon HD 7950
  • HDD: 30 GB
  • Richiesta connessione a Internet a banda larga

Requisiti raccomandati

Ecco i requisiti raccomandati per giocare a 60 FPS:

  • Sistema operativo: Windows 10
  • CPU: Intel Core i5-2500k o AMD Ryzen 5 1600X
  • RAM: 16 GB di RAM
  • Scheda video: NVIDIA GTX 970 o AMD R9 390
  • HDD: 30 GB
  • Richiesta connessione a Internet a banda larga

Se vi siete persi la nostra recensione su PS4 dedicata al gioco, potete recuperarla a questo indirizzo. Lo recupererete su PC? Fatecelo sapere con un commento sui nostri canali.

Per rimanere informati sul mondo nerd, continuate a seguirci sul nostro sito DrCommodore.it e su Facebook, Instagram, Telegram, YouTube, Discord, Steam e Twitch.
Seguite inoltre le offerte del nostro shop e sul canale telegram DrCommodore Offerte

Articoli correlati

Mirko Proietti

Mirko Proietti

Videogiocatore dal 1999, all'età di 3 anni la prima esperienza con Mega Drive e PlayStation in contemporanea. Predilige il genere Platform, ma da sempre mantiene una visione a 360 gradi del panorama videoludico. Laureato in comunicazione e orientato allo sviluppo tecnologico, cerca la completezza nella produzione del videogioco, che tende a considerare un'arte vera e propria.

Condividi