Dr Commodore
LIVE

Frozen risolve un misterioso caso irrisolto di 62 anni fa su alcuni escursionisti russi trovati morti 

Il film d’animazione Frozen ha contribuito a risolvere un caso di 62 anni fa

Chi lo avrebbe mai detto che un film d’animazione come Frozen avrebbe potuto risolvere uno dei casi più misteriosi e irrisolti degli ultimi decenni?

L’incidente del Passo di Dyatlov è una delle tragedie che ha riportato le più bizzarre teorie e speculazioni in Russia, sostenendo addirittura che l’accaduto fosse opera di uno yeti o di rapimenti alieni causati dagli esperimenti segreti del governo.

Ne è stato fatto anche un film chiamato “Il passo del diavolo” che risale al 2013, diretto da Renny Harlin e pubblicato per la prima volta in Bielorussia. 

Ma di bizzarro non ci sono solo le teorie formulate negli ultimi decenni, almeno, non solo.

Incidente del passo di Dyatlov

Siamo nel 1959 in Russia, dove dieci membri dell’Istituto Politecnico degli Urali a Ekaterinburg, (nove studenti e un istruttore sportivo),  si sono diretti nella gelida landa selvaggia durante una spedizione di sci e alpinismo.

Durante la notte del 1° febbraio 1959, gli escursionisti russi morirono in circostanze inspiegabili, dopo la mezzanotte accadde qualcosa di inaspettato che squarciò improvvisamente la tenda dove si trovavano i membri della spedizione, costringendoli a fuggire verso una foresta a più di 1 km a valle. 

Quattro mesi dopo, all’incirca, i corpi furono ritrovati dalle squadre di ricerca russe.

Secondo l’indagine sovietica del 1959, “una forza naturale irresistibile” portò alla morte il gruppo Dyatlov. Il mistero nasce da numerose osservazioni inspiegabili.

Mentre l’ipotermia è stata determinata come la principale causa di morte, quattro escursionisti hanno riportato gravi lesioni al torace o al cranio, due sono stati trovati con occhi mancanti e uno senza lingua; alcuni erano seminudi, tracce di radioattività sono state trovate su alcuni dei loro vestiti e quella notte sono stati segnalati segni di sfere arancioni luminose che fluttuavano nel cielo. 

Dettagli raccapriccianti che hanno portato a teorie fuori dal normale, tra cui panico indotto da infrasuoni, animali, attacchi di yeti o tribù locali, venti catabatici, una valanga di neve, una disputa romantica, test di armi nucleari, extraterrestri etc. 

Troy McClure: La tragica storia dietro il personaggio dei Simpson

L’ipotesi di una valanga è stata subito scartata all’epoca perché l’angolo di inclinazione medio sopra la posizione della tenda non era sufficientemente ripido per un valanga, nessun segno evidente di valanga o detriti è stato segnalato dal team di ricerca e le lesioni al torace e al cranio non erano tipiche delle vittime di valanga.

L’animazione della neve di Frozen ha risolto il caso

John Gaume dipendente dello Snow Avalanche Simulation Laboratory, stava guardando Frozen, quando ha notato i modi in cui la neve si muoveva sullo schermo. Incuriosito da come lo facessero gli animatori, si è recato a Los Angeles per incontrare lo specialista che ha creato il movimento della neve sullo schermo. Gaume ha quindi ottenuto il codice per eseguire le proprie simulazioni e apparentemente ha risolto il caso. John ha affermato successivamente che una valanga è ciò che ha ucciso i nove studenti e il loro istruttore e lo ha dimostrato usando il codice di Frozen .

I risultati

Coloro che avevano preso in carico questo caso non erano riusciti a spiegarsi i danni sui corpi degli alpinisti. Ma anche questo nodo è stato sciolto ed è stato dimostrato come la valanga su Kholat Saykhl ha potuto “rompere le costole e il cranio delle persone”.

Anche Freddie Wilkinson, alpinista professionista e guida non coinvolta nel lavoro, afferma successivamente agli eventi accaduti, che è del tutto ragionevole che lastre dalla consistenza così innocua possano causare gravi danni fisici.

La maggior parte dei nove morti su Kholat Saykhl è morta di ipotermia, mentre altri potrebbero aver ceduto alle ferite. Lo stato di svestizione di alcuni è stato trovato in resti sconcertanti , così come i rapporti che notano che alcuni dei corpi avevano tracce di radioattività (che potrebbe essere il risultato del torio presente nelle lanterne da campeggio). La mancanza degli occhi e della lingua di alcune vittime potrebbe essere stata semplicemente il risultato di animali che razziavano beccando i morti, ma anche questa rimane una questione aperta.

La valanga che sembra essersi verificata il 1 ° febbraio 1959 su Kholat Saykhl è stato un tipo di evento incredibilmente raro e gli alpinisti si sono trovati al momento sbagliato nel luogo sbagliato.

Gaume ha espresso la sua opinione e ritiene che la spiegazione che hanno presentato sia troppo semplice per essere accettata da gran parte del pubblico.

La gente non vuole che sia una valanga. È troppo normale.

E Wilkinson invece ha detto

Per me, questa storia è straordinariamente potente, profonda, toccante, perché questo era un gruppo di giovani che se ne andavano nel deserto e non sono più tornati. La gente ama inventare scenari non plausibili sulla morte nel deserto, perché non sapremo mai al 100% cosa è successo.

 

Il video esplicativo della vicenda di Nature Video

 

Per saperne di più:  NATIONAL GEOGRAPHIC, COMMUNICATIONS EARTH & ENVIROMENT

 

Per rimanere informati sul mondo nerd, continuate a seguirci sul nostro sito DrCommodore.it e su FacebookInstagramTelegramYouTubeDiscordSteam e Twitch.

 

 

Articoli correlati

Cristina Nifosi

Cristina Nifosi

Cristina, 24. Ho una crush infinita per Chris Evans.

Condividi