Dr Commodore
LIVE

Celebi: il Pokémon della settimana #17

Celebi

La paura per il futuro e la costante voglia di avere la certezza che sia buono e tranquillo è il desiderio di molte persone. Questo desiderio viene in un certo senso esaudito dalle leggende che circondano il Pokémon Misterioso Celebi (セレビィ Celebi), che si dice venga dal futuro e che il suo apparire nel nostro presente (il suo passato) dimostri quanto il futuro sia roseo.


I Celebi si possono avvistare all’interno delle grandi foreste e dei boschi, cosa che gli ha portato l’epiteto di “voce della foresta“. Nella regione di Johto viene venerato come guardiano del bosco di Lecci, un bosco che si trova vicino alla cittadina di Azalina.  In questo bosco è infatti possibile trovare un piccolo santuario dedicato a questi mon.

I loro poteri non si fermano solo al saper viaggiare nel tempo, ma comprendono anche la cura delle piante e la capacità di resuscitare altri membri della propria specie. Possono inoltre individuare  subito i vari paradossi temporali, come le persone e i Pokémon che per sbaglio hanno trascinato con loro nel passato. Dopo averli individuati li riportano subito al loro tempo. Per tutte queste caratteristiche gli sono stati attribuiti i tipi erba/psico e la definizione di Pokémon Tempovia.

Gli allenatori ad aver incontrato questi mon non sono molti e dalle poche testimonianze riportate è emerso il fatto che sembrano avere una personalità molto allegra e giocosa.

L’aspetto

I Celebi sono mon che ricordano una fata di colore verde. La forma della loro testa ricorda il bulbo di una pianta , dalla quel spuntano due piccole antenne con la punta azzurra. I loro occhi sono grandi e hanno l’iride azzurra. Attorno ad essi ci sono dei grossi anelli di colore nero. Le braccia sono un pochettino lunghe e terminano con una piccola manina a tre dita, mente le gambe sono un poco più corte e finisco con dei piedini rotondi. Sulla schiena sono presenti due piccole ali trasparenti. Nella loro versione cromatica il corpo è di colore rosa, le ali azzurre e le iridi degli occhi verdi.

I Celebi sono ispirati a delle fate, alle ninfee delle querce della mitologia greca (le driadi) e ai kodama (spiriti del folklore giapponese che risiedono negli alberi), con elementi provenienti dai sopracitati bulbi delle piante.

Il “Celebi” beta

Il design beta di Celebi è trapelato insieme a molte altre beta (alcune le abbiamo viste nei precedenti episodi) ed è uno dei mon ad aver avuto più cambiamenti durante lo sviluppo dei giochi di seconda generazione. Nel 1996 infatti il primo Celebi era la rappresentazione identica della divinità indiana Kokopelli, e lo vediamo come una silhouette completamente nera con due occhi. In seguito il design è cambiato, mantenendo alcuni aspetti della divinità indiana (le creste dietro la testa), assumendo una forma rassomigliante una bambola di legno. Non sappiamo quale sarebbe dovuto essere il tipo di Celebi in queste due fasi embrionali, ma possiamo supporre che il tipo erba fosse già previsto: Kokopelli nelle leggende veniva infatti riconosciuto come il portatore della primavera, che mentre cammina di villaggio in villaggio suonando il flauto, fa crescere l’erba e spuntare il sole.


E voi che ne pensate di Celebi? Siete affascinati dai misteri attorno a lui? Scrivetecelo nei commenti!

Fonti: 1, 2, 3.

Per rimanere informati sul mondo nerd, continuate a seguirci sul nostro sito DrCommodore.it e su FacebookInstagramTelegramYouTubeDiscordSteam e Twitch.

Se siete interessati ad anime e manga seguiteci sui nostri social dedicati: Facebook e sul canale Youtube!​

Articoli correlati

Yoel Carlos Schincaglia

Yoel Carlos Schincaglia

Nato il 14 febbraio 1997. Mi piacciono molto gli anime e credo nella canzone che ho nel cuore.

Condividi