fbpx
Curiosità

I Linkin Park diffidano Donald Trump dall’utilizzo della loro musica

Linkin Park

L’utilizzo improprio di In The End ha fatto indispettire i Linkin Park e i fan.

In periodo di elezioni, un’efficace campagna elettorale è fondamentale per dei buoni risultati. E come attirare i giovani meglio se non usando Linkin Park? Questo sicuramente saranno stati i pensieri di Dan Scavino, il social media manager di Donald Trump.

Ha quindi  twittato un video pro-Trump che conteneva la cover di In The End da parte di Fleurie e Jung Youth, assieme al discorso inaugurale di Trump del 2017. Ma ciò non è piaciuto ai fan della band, che hanno scatenato un putiferio.

Questo non è passato inosservato ai Linkin Park stessi che hanno lasciato una dichiarazione su Twitter che non lascia spazio ad equivoci:

“I Linkin Park non hanno e non supportano Trump, non l’hanno nemmeno autorizzato all’utilizzo di qualsiasi nostra canzone. Abbiamo mandato una diffida.”

Poco dopo il video è stato reso non più disponibile a fronte di una palese violazione del copyright. Un portavoce di Twitter ha dichiarato a Reuters il seguente: “Rispondiamo a valide segnalazioni sul copyright mandate dal proprietario o da chi è stato autorizzato a farne le veci“.

Ricordiamo Chester Bennington con questa versione di “In The End” suonata da 266 musicisti durante il lockdown

Tra i vari commenti sulla situazione su Twitter, questo effettivamente ci è sembrato il più spiritoso e appropriato:

“Quel momento imbarazzante quando i Linkin Park ti denunciano per violazione del copyright 20 minuti dopo aver caricato una pubblicità di campagna elettorale.

Immaginate venire scoperti mentre si rubano le canzoni dei Linkin Park. È come venire scoperti a piratare The Amazing Spider-Man 2.”

I Linkin Park non sono i primi o gli ultimi a vietare a Trump l’utilizzo delle proprie canzoni: alla lista si aggiungono anche Neil Young, i Queen, Pharrell Williams, Adele, Steven Tyler degli Aerosmith e il fratello di Prince. Ma più recentemente pure i Rolling Stones si sono uniti alla lista: pare abbiano minacciato ritorsioni legali a Trump per l’utilizzo di “You Can’t Always Get What You Want” nel comizio di Tulsa.

Jung Youth, uno degli artisti della cover dei Linkin Park ha commentato prima sotto il thread di Trump con un’ingiuria nei suoi confronti, poi con un tweet sul suo profilo dove si congratulava con le persone che hanno aiutato a far buttare giù il video:

“Oggi ho scoperto che Trump ha usato illegalmente una cover a cui ho collaborato per un video di propaganda che ha postato sul suo Twitter…chiunque mi conosca sa quanto io sia fermamente contrario al razzismo e al bigottismo. Apprezzo tantissimo chiunque su Twitter ha aiutato a buttare giù il video.”

Commodoriani, cosa ne pensate di questa vicenda? Scrivetecelo in un commento.

FONTE 1 FONTE 2

Per rimanere informati sul mondo nerd, continuate a seguirci sul nostro sito DrCommodore.it e su Facebook, Instagram, Telegram, YouTube, Discord, Steam e Twitch.

Facebook Comments

Twitch!

Canale Offerte Telegram!