fbpx
Anime & Manga Approfondimento

One Piece: Capitolo 979 – Commenti e Teorie

One Piece

Il più grande difetto di One Piece ritorna

Oggi è un giorno buio per One Piece.
Nel corso degli anni molti lettori si erano abituati all’idea che in One Piece non morisse mai nessuno, che questo fosse uno dei più grandi difetti o pregi dell’opera, a seconda dei punti di vista.

Innumerevoli le dimostrazioni delle non-morti all’interno del manga: Pell, Pagaya, Mr Two in primis.
Eiichiro Oda era solito fare utilizzo delle miniavventure anche per rivelare la non morte di alcuni personaggi, questo fino all’ingresso nel Nuovo Mondo.
Da allora, sembrava che le cose fossero cambiate.

A Punk Hazard infatti il cuore di Mone viene pugnalato, mentre un’esplosione della fabbrica del SAD investe Vergo che, coi poteri di Trafalgar Law, era impossibilitato a muoversi e a mettersi in salvo.
A Wholecake Island abbiamo avuto principalmente la morte per decapitazione di Pound, l’esplosione di Pedro, assieme ad altre morti minori.

Infine, a Wano assistiamo all’esecuzione in pubblica piazza di Yasu.
Insomma, sembrava proprio che qualcosa fosse cambiato in Eiichiro Oda. Finalmente, i personaggi incominciavano a morire all’interno del manga, andando a rafforzare quel concetto di Nuovo Mondo così pericoloso come ci era sempre stato descritto.

Fino a questa settimana, fino a questa immagine.

One Piece: Capitolo 979

Lo riconoscete? Si tratta di Pound, padre di Laura e Chiffon, abbandonato da Big Mom dopo averle date alla luce, costretto a non poter mai vedere e conoscere le proprie figlie.
La morte di Pound era stata toccante: un padre che per amore della propria figlia Chiffon aveva rinunciato al vissero tutti felici e contenti, arrivando a sacrificare la propria vita pur di vederla salpare sana e salva.

Peccato che non ci sia stato alcun sacrificio: Il corpo di Pound come apprendiamo nel capitolo 979 è ancora lì, attaccato alla propria testa, apparentemente svenuto su una tarte semidistrutta al largo di Green Bit.

E’ bastata questa scan a sovvertire molte delle certezze che avevamo a proposito del Nuovo Mondo e della miniavventura in corso, e purtroppo dobbiamo iniziare a metterci in testa che Eiichiro Oda non è in grado di lasciar morire nemmeno un personaggio di terza categoria, come già successo con Pell ad Alabasta.

Ma com’è possibile che Pound sia ancora vivo?

Facciamo un passo indietro, torniamo al capitolo 887.
Oven sta per giustiziare Pound, la sua spada è a pochi centimetri dal collo della vittima, le linee cinetiche indicano la velocità e la forza del colpo che sta per sferrare.

morte Pound

Pound è inerme. Nella stessa scan si aggiusta il cravattino prima di morire, sa benissimo che il suo sacrificio è necessario.
Oltretutto quello che segue è un tentativo di Oda di farci credere ancor di più nella sua morte. Già, un po’ troppo esplicito.

morte Pound

Cos’è quel sangue che zampilla sullo sfondo? Cos’è quel tondo nero se non una testa che salta?
Ma sopratutto, cos’ha colpito Oven se non Pound?

Solo un deus ex machina intervenuto all’ultimo secondo può aver evitato la decapitazione di Pound. Oven non può avere sbagliato mira, la spada come dicevamo è a pochi centimetri dal collo.

Non può nemmeno esser stato sconfitto di soppiatto da un intervento esterno, poiché lo ritroviamo nel capitolo 892 incolume pronto ad attendere Rufy all’uscita dallo specchio sull’isola del Cacao.

Oven specchio

Resta un’unica spiegazione: qualcuno deve avergli sottratto la preda da sotto il naso, senza impegnarlo in combattimento.

Qualcuno in grado di spostarsi molto velocemente, oppure di passare inosservato per una qualche ragione.
No, non può trattarsi di Sanji, nonostante abbia dimostrato proprio in quella saga la propria abilità e velocità. Anche se si trovava in quel momento sulla stessa isola, Sanji era infatti impegnato a completare la torta assieme a Pudding e agli altri cuochi, lo vediamo alla fine del capitolo 887.

Pertanto, l’unica ipotesi che possiamo fare è:

Pekoms Brulee

Pekoms riappare sulle scene nel capitolo 896, alla fine dello scontro tra Katakuri e Rufy, per far uscire quest’ultimo dal mondo specchio.
Porta con sé Brulee, che come sappiamo è in grado di farti attraversare gli specchi e farti spostare quindi da un posto a un altro come un passaggio dimensionale.

Solo Pekoms sarebbe potuto intervenire per portare in salvo Pound, magari tirandolo dentro il mondo specchio un attimo prima del colpo di Oven.
Come abbiamo visto sopra, il primo ordine che questi dà quando si mette in testa di aspettare Rufy, è quello di distruggere tutti gli specchi dell’isola, come se sapesse benissimo che qualche nemico sarebbe potuto riapparire a caso in qualunque posto.

Ma allora: cos’ha colpito Oven? perché la sua spada gocciola di sangue? cos’era quella cosa rotonda volare sullo sfondo nell’immagine sopra? Pound ucciso

E’ probabile che Oda tirerà fuori qualche scusante per giustificare tutto, ma sappiamo benissimo che questo passo falso poteva benissimo venire evitato.
Quando un autore sbaglia, dobbiamo riconoscerlo.

In questo articolo sottolineavamo quanto le miniavventure fossero importanti per il ritorno e le storyline di alcuni personaggi secondari. Ma questo non sempre è un bene.
Ora la scena della morte di Pound, così bella, così ben orchestrata e così ricca di significato, chiaramente perderà gran parte della sua potenza emotiva. E questo è un fatto.

I Tontatta

A quanto pare, la Usoland con a bordo i Tontatta sta finalmente facendo ritorno a Green Bit sulla miniavventura. Questo conferma che la stessa sia ambientata dopo la fine del Reverie, e che dunque i Tontatta stiano ritornando a casa, probabilmente scortando anche Re Riku ed il resto della famiglia reale.

L’incontro con Pound gioca a suo favore, poiché alcuni nani sono dotati di ottime capacità curative: da Leo in grado di ricucire le ferite, a Mansherry in grado di guarirle.
E’ chiaro come il sole quindi che il ferito Pound verrà preso in custodia dai nani, salvato, e questa sarà l’occasione per il tanto amato da Oda “e vissero tutti felici e contenti” col ricongiungimento con le figlie.

Tontatta

Unica nota positiva a questo punto della miniavventura diventa il fatto che Leo, Riku e tutta la compagnia siano a conoscenza dei fatti del Reverie. E’ dunque probabile che entro la fine delle miniavventure di Capone ci verranno rivelate alcune notizie, magari importanti, su quanto accaduto a Marie Geoise.

Il Capitolo 979

Sul resto del capitolo 979 non c’è molto altro da dire, si tratta di un preludio alla battaglia, dove le varie pedine vengono dislocate sulla mappa per prepararci alla seconda fase della saga di Wano.
Oltretutto le prime pagine dello stesso non fanno altro che fare un riassunto degli eventi accaduti finora, spezzando la narrazione e rallentandola allo stesso tempo.

Momonosuke

Momonosuke

Sembra che il figlio di Oden attraverso quest’avventura in solitaria in territorio nemico debba riscoprire il proprio coraggio e dimostrare a se stesso di essere un degno erede di suo padre.
Al momento lo ritroviamo da solo nelle mani di Kanjuro, con un coltello e delle corde da tagliare.
Nonostante sia palese che in qualche modo tenterà la fuga, la domanda è: riuscirà ad andarsene? e per andare dove?
Non vorreste anche voi ritrovarvi in un faccia a faccia tra Momonosuke catturato ed Orochi e Kaido?

Comunque sia ora abbiamo la risposta al motivo per il quale Kanjuro non abbia ancora avvertito dell’arrivo del nemico: si è perso.
Che questo sia il preludio ad una successiva gag con Zoro? Magari per caso Zoro, alla ricerca di Rufy, finirà col perdersi e col ritrovarsi davanti proprio Kanjuro e Momonosuke.
Il che sarebbe tra l’altro un vero colpo di fortuna per il ragazzino.

Kaido

Mentre il resto della ciurma si divide come al solito, la scena si sposta all’interno del castello di Kaido, dove apprendiamo nuove informazioni sui Tobi Roppo e sulla cerimonia.
Innanzitutto, sembra che siano tutti quanti ex capitani di ciurme pirata, e questo dà ancora più credibilità e enfasi al potere di Kaido.
Scopriamo inoltre che questi mirino a guadagnarsi il ruolo di All Star, prendendo il posto di una delle attuali calamità.

Approfittando della loro ambizione, Jack li ha convocati per risolvere il problema del figlio di Kaido, Yamato, chiedendo loro di ritrovarlo in cambio della possibilità di sfidare una delle All Star.

Ed è qui che apprendiamo che Kaido ha intenzione di fare un grande annuncio.

annuncio Kaido

Che cosa vuole annunciare? Perché Yamato è così importante? E sopratutto, perché occorre trovarlo?
Sembra che Kaido non abbia una grande considerazione del figlio, né che gli interessi granché in linea generale.
Eppure, è così fondamentale trovarlo che la ricompensa è la possibilità di guadagnarsi il titolo di All Star. Mica male.

Nel corso del capitolo oltretutto, vediamo una piccola ombra nei pressi di Jimbe e Robin, qualcuno che sembra li stia seguendo.

yamato
E’ molto probabile che si tratti del figlio di Kaido. Ma perché allontanarsi? Perché seguirli? Cosa cerca Yamato?
Protezione da Kaido? Informazioni da Nico Robin? Fateci conoscere la vostra opinione a riguardo nei commenti!

Ad ogni modo, se quell’ombra è davvero Yamato, significa che Jimbe e Robin saranno i primi ad imbattercisi.
Ma siccome da adesso anche i Tobi Roppo saranno alla sua ricerca, c’è da immaginare che questi potenti ex capitani si dividano a loro volta per Onigashima, finendo quindi per creare molteplici situazioni potenzialmente volte allo scontro.
Un’ottima strategia narrativa da parte di Oda per far sì che i tanti personaggi sulla scena affrontino pochi nemici per volta, andando a creare dunque un effetto Alabasta 2.0, piuttosto che una Marineford.

Tornando a Kaido, le ipotesi che possiamo fare per il momento sono poche: potrebbe decidere di lasciare il comando a Yamato? oppure svelare qualcosa riguardo la madre? oppure?
Voi Commodoriani che idea vi siete fatti?

Rufy

Rufy onigashima

In ultimo, vale la pena dedicare un piccolo spazio a Rufy, al momento in solitaria in territorio nemico.
Il tema del cibo continua a restare preponderante nella saga di Wano. Fin dall’atto 1, Oda ha insistito molto sulla fame, sullo spreco del cibo, sulle ingiustizie del governo di Kaido e Orochi.
E’ chiaro che Rufy sia la miccia che innescherà tutto quanto, una bomba pronta ad esplodere.
C’era da aspettarselo.

Anche Enies Lobby se ci pensate incominciò in maniera simile: Rufy si era introdotto per primo sull’isola della giustizia, seminando panico e distruzione a destra e a manca e affrontando da solo un intero esercito.
Difficile che  se ne rimanga a guardare o che non faccia nulla, ma dopotutto questo fa tutto parte del piano di Law, che se ben ricordate aveva già previsto le follie di Rufy e Kidd, marchiandoli come idioti e includendoli come diversivo in maniera diretta nel proprio progetto.

Si aprono una miriade di scenari possibili, la fine dell’atto 3 sembra sempre più lontana, e la tensione sta mano a mano aumentando. La battaglia è oramai imminente.
Chi farà la prima mossa? Fateci sapere cosa ne pensate commentando qui sotto o nei nostri canali social!

Per rimanere informati sul mondo nerd, continuate a seguirci sul nostro sito DrCommodore.it e su FacebookInstagramTelegramYouTubeDiscordSteam e Twitch.
Se siete interessati ad anime e manga seguiteci sui nostri social dedicati: Facebook e sul canale Youtube!

Facebook Comments
Tags

L'autore

Lorenzo Suigi

Appassionato fruitore di One Piece da quasi 15 anni, amo discuterne in ogni angolo del web tra forum, pagine Facebook, dirette Youtube e gruppi.

Twitch!

Canale Offerte Telegram!