fbpx
Film/Serie Tv Recensione

Mortal Kombat Legends: Scorpion’s Revenge, la nostra recensione

MORTAL KOMBAT LEGENDS: SCORPION’S REVENGE

Mortal Kombat Legends: Scorpion’s Revenge è finalmente disponibile

Hanzo Hasashi, dopo il terribile massacro della sua famiglia per mano del freddo mercenario Sub-Zero, viene esiliato nel Netherrealm. Qui, accetta di servire il sinistro Quan Chi, in cambio della possibilità di poter vendicare la sua famiglia, tornando in vita come Scorpion, un’anima perduta dedicata alla vendetta. Nel Regno della Terra, Lord Raiden raduna una squadra di guerrieri d’élite – il monaco Shaolin Liu Kang, l’ufficiale delle forze speciali Sonya Blade e la stella del cinema Johnny Cage, un’improbabile compagnia di eroi con il compito di salvare l’umanità.

Con queste premesse inizia Mortal Kombat Legends: Scorpion’s Revenge. Il film, basato sul videogioco creato da Ed Boon e John Tobias, è il primo progetto su Mortal Kombat ad essere prodotto dalla Warner Bros. Animation dopo che la sua casa madre ha acquisito il franchise nel 2009 da Midway Games. Si tratta anche del primo progetto animato di Mortal Kombat dal 1996, quando uscì la serie animata Mortal Kombat: Defenders of the Realm. Inoltre è il primo progetto del franchise ad essere vietato ai minori.

Tutto ciò, assieme ad alcuni annunci riguardanti il cast vocale (che analizzeremo meglio nel seguito) fa ben capire quanto il film fosse atteso dai fan della saga.

Diciamolo subito, le aspettative su Mortal Kombat Legends: Scorpion’s Revenge non sono state tradite.

Mortal Kombat Legends: Scorpion’s Revenge è un bel film, che fa della violenza uno dei suoi punti forti e che rende giustizia al franchise.

Il merito è in gran parte del regista, Ethan Spaulding, un veterano dell’animazione. Regista di molti episodi di Avatar – La leggenda di Aang, storyboard artist per il suo seguito La leggenda di Korra e co-regista di Batman: Assault on Arkham, Spaulding ci regala un film ben fatto, con delle ottime animazioni e con un occhio di riguardo per le sequenze di combattimento.

Si tratta tutti gli effetti un buon film animato per adulti. Non sarà probabilmente il migliore della sua categoria e non si tratta nemmeno del progetto di punta del franchise di Mortal Kombat, ma è comunque degno di nota che un film animato con un budget contenuto e che è stato pensato come semplice tie-in in vista dell’imminentente lungometraggio live action (atteso per il 2021) riesca comunque ad intrattenere e a divertire.

Il doppiaggio

Molto è dovuto, come dicevamo in apertura, al doppiaggio. Nel film infatti  ritornano Patrick Seitz nel ruolo di Scorpion (dopo l’assenza in Mortal Kombat 11, in cui è stato sostituito da Ron Yuan), e Steve Blum come Sub-Zero. Grey Griffin ha doppiato Kitana dopo l’assenza in Mortal Kombat X a causa della sua gravidanza e Kevin Michael Richardson ha ripreso il suo ruolo di Goro per la prima volta dopo venticinque anni.

Dicevamo che il film ha ricevuto un rating R, si tratta cioè di un film vietato ai minori. Lo si percepisce fin dai primi istanti ed è uno degli aspetti vincenti della pellicola. Ossa rotte, sangue che scorre, corpi martoriati e tante altre atrocità si susseguiranno a schermo in sequenze frenetiche e non prive di colpi di scena.

 

 

Il cast vocale, la pregevole fattura delle animazioni e il target adulto ne fanno un prodotto apprezzabile sia dai fan i vecchia data sia dai neofiti della saga. Resta purtroppo un po’ di amaro in bocca quando si vanno ad analizzare gli aspetti negativi del film.

Cosa non va bene in Mortal Kombat Legends: Scorpion’s Revenge

La colonna sonora non è mai incisiva e la trama, per quanto solida e non priva di plot twist, è fin troppo lineare e basta conoscere un minimo la saga in questione per prevederne lo svolgimento. Questo è anche colpa della scrittura dei personaggi, non sempre profonda e in alcuni casi solamente abbozzata.

Non ne vogliamo tuttavia fare un dramma perché capiamo la natura di questo film. In casa Warner Bros sono tutti ben più in fermento per il prossimo adattamento live action e il film animato in questione era sicuramente un progetto secondario sul quale, magari, nemmeno WB credeva più di tanto, come si può anche evincere dalle modalità di rilascio. Scorpion’s Revenge è stato infatti pubblicato direct-to-video, in alcuni paesi (come l’Italia) solamente in digitale.

Da un punto di vista qualitativo il film ha però superato ogni più rosea aspettativa, complice probabilmente il coinvolgimento diretto di Ed Boon, creatore della saga.

Ogni fan di Mortal Kombat dovrebbe quindi dare una possibilità a questo film, mentre un neofita potrebbe prenderlo come punto d’inizio per avvicinarsi alla saga e poi passare, magari, ai videogame.

VOTO: 7 ½

Il film, distribuito da Warner Bros. Home Entertainment, a partire dal 16 aprile sarà disponibile per l’acquisto in digitale su Apple Tv, Youtube, Google Play, TIMvision, Chili, Rakuten TV, PlayStation Store, Microsoft Film & TV. Dal 30 aprile sarà inoltre disponibile anche per il noleggio su Sky Primafila, Vvvid e Infinity.

Per rimanere informati sul mondo nerd, continuate a seguirci sul nostro sito DrCommodore.it e su Facebook, Instagram, Telegram, YouTube, Discord, Steam e Twitch.

Facebook Comments

L'autore

Gabriele Pati

Cresciuto con libri di cibernetica, insalate di matematica e una massiccia dose di cinema e tv, nel tempo libero studia ingegneria, pratica sport e cerca nuovi modi per conquistare il mondo.

Vanta il poco invidiabile record di essere stato uno dei primi con un account Netflix attivo alla mezzanotte del 22 ottobre 2015.

Twitch!

Canale Offerte Telegram!