fbpx
Foto LaPresse/Sttefano Cavicchi cronaca 7/02/2018 Castelsangiovanni- Piacenza - Italia Lo stabilimento Amazon di Castelsangiovanni a Piacenza Nella Foto gli operai entrano a lavoro
Breaking News

Amazon, lavoratori in sciopero poiché l’azienda non rispetta i protocolli per il Covid-19

I lavoratori della sede Amazon di Castel San Giovanni, in provincia di Piacenza, stanno scioperando per il mancato rispetto delle norme dettate per il Covid-19

Amazon ha un magazzino in cui lavorano 1.100 dipendenti a Castel San Giovanni, in provincia di Piacenza. I dipendenti hanno indetto uno sciopero ad oltranza perché, a quanto pare, il colosso dell’e-commerce non sta rispettando le norme dettate dal governo per prevenire i contagi dal virus. Secondo i sindacati, infatti, per Amazon “il business per loro viene prima della salute dei lavoratori”.

L’accusa di Elisa Barbieri della Filcam-Cgil di Piacenza è:

Non hanno distribuito le mascherine. Non hanno proposto soluzioni per mantenere il distanziamento tra le persone che in alcune parti dell’impianto è davvero difficile rispettare e soprattutto non hanno alcuna intenzione di rallentare la produttività per tutelare la sicurezza dei lavoratori. Ai tornelli, negli spogliatoi, ai briefing e ai controlli anti-taccheggio si creano condizioni in cui mantenere il distanziamento è quasi impossibile. Noi ci siamo sempre confrontati e ci spiace aprire un conflitto sociale in questo momento. Ma il problema è che loro non mettono in discussione la loro redditività. Lavorano a scartamento ridotto le farmacie, nei supermercati si entra uno per volta. Ad Amazon invece si va avanti come se non stesse succedendo niente”.


La risposta di Amazon non si è fatta attendere ed ha così replicato alle accuse:

Stiamo seguendo rigorosamente le indicazioni fornite dal Governo e dalle autorità sanitarie locali nell’implementare in tutti i siti le giuste misure per contenere l’emergenza sanitaria in corso. In questi giorni, è’aumentata le frequenza delle sanificazioni e delle pulizie in tutti i siti. Sono stati sospesi i meeting a inizio e durante il turno laddove non è possibile mantenere la distanza interpersonale raccomandata, sono state redistribuite le sedie in mensa e nelle aree comuni, riviste le regole per entrata e uscita, ai tornelli e negli spogliatoi e sospese le attività che non rispettano le linee guida sulle distanze raccomandata.”

Commodoriani che ne pensate di questa situazione? Fatecelo sapere nei commenti.

Fonte

Per rimanere informati sul mondo nerd, continuate a seguirci sul nostro sito DrCommodore.it e su FacebookInstagramTelegramYouTubeDiscordSteam e Twitch.

Facebook Comments

Alessandro Mezzolla

Alessandro Mezzolla è di San Pancrazio Salentino in provincia di Brindisi. Un genio. miliardario, playboy, filantropo non è sicuramente una descrizione calzante. Ha la passione per il cinema, la musica e le magliette macabre. Il suo motto è "Perchè anche oggi mi sono svegliato?"

Twitch!

Canale Offerte Telegram!