fbpx
Breaking News Senza categoria Tech

Allarme per presunto reattore nucleare artigianale: evacuate 40 famiglie

Fallout

Come farsi arrestare millantando la costruzione di un reattore nucleare 

Ohio. Arriva una chiamata al 911. Un uomo dichiara di avere delle ustioni da radiazioni, balbetta qualcosa su un generatore quantistico. La polizia interviene ed evacua 40 abitazioni presso Northwest Columbus. Sul posto anche artificieri, detective specializzati e medici. Non mancano pompieri ed ambulanze. Il timore è la presenza di un reattore nucleare.

 

I pompieri sono intervenuti sul posto

O forse no?

L’esperto nucleare convocato ha rinvenuto quello che si è poi scoperto essere un semplice condensatore casalingo. Consiste di due o più placche conduttrici e viene comunemente utilizzato per accumulare energia elettrica, in maniera molto simile ad una batteria. I contatori Gauger non hanno riscontrato valori anomali. Così i residenti, dopo le ultime verifiche, hanno potuto rientrare nelle loro abitazioni. Le autorità hanno dichiarato che “l‘uomo non voleva ferire nessuno.” e hanno rassicurato la popolazione circa la sicurezza dell’area: l’evacuazione fa parte del protocollo di intervento per segnalazioni sospette. L’uomo, che durante la chiamata aveva fatto riferimento a “onde alpha […], acceleratore di particelle”, verrà sottoposto ad una perizia psichiatrica e dovrà affrontare un processo per procurato allarme.

Leggi anche: Il flop di Fallout 76

Episodi precedenti 

Bisogna tornare al 1996, per il più famoso episodio di pericolo radioattivo casalingo. David Hahn, un liceale di 17 anni, costruì nella fattoria della madre un reattore nucleare. Dopo oltre 10 mesi di ricerca, il sito venne trovato dalla polizia e smantellato: i livelli presenti erano 1000 volte superiori a quelli normali.

David Hahm, all’epoca 17enne davanti al capanno

Che ne pensate di questa vicenda? Avete mai provato a costruire un reattore nucleare in garage? Ditecelo nei commenti!

Fonte

Per rimanere informati sul mondo nerd, continuate a seguirci sul nostro sito DrCommodore.it e su Facebook, Instagram, Telegram, YouTube, Discord e Twitch.

Facebook Comments