fbpx
News Videogames

Hideo Kojima e il “suo” feto sono stati fermati alla dogana statunitense

Death Stranding

Un episodio bizzarro alla dogana americano ha avuto come protagonista l’eccentrico game designer giapponese, Hideo Kojima, che in occasione del San Diego Comic-Con, aveva ben deciso di portare con sé la mascotte del gioco: BB.

L’episodio è stato raccontato da Kojima stesso durante il panel a lui dedicato alla manifestazione. Nella stessa occasione è stata anche presentata la copertina ufficiale del gioco.

Secondo il racconto, infatti, il game designer sarebbe stato fermato poco prima dell’imbarco all’aeroporto, attirando l’attenzione della sicurezza con il particolare involucro trasparente contenente il famoso feto diventato mascotte del gioco. Gli agenti preposti alle operazioni doganali gli hanno infatti chiesto cosa stesse cercando di far entrare negli Stati Uniti.

Leggi anche: Death Stranding: il nuovo trailer annuncia la data d’uscita

I controlli sono però avvenuti senza particolari problemi e Hideo Kojima ha potuto così viaggiare tranquillamente alla volta di San Diego.

Un simpatico aneddoto che non ha mancato di divertire i fan presenti!

Per rimanere informati sul mondo nerd, continuate a seguirci sul nostro sito DrCommodore.it e su FacebookInstagramTelegramYouTubeDiscordSteam e Twitch.

Facebook Comments

Corrado Papucci

Fruitore del mondo videoludico sin dalla nascita, il mio viaggio inizia partendo dalla versione freeware di Wolfenstein 3D e di Lemmings, passando per le mitiche PS2 e PS3 e le loro svariate perle , e termina ritornando ai cari e vecchi dispositivi dotati di mouse e tastiera.
Un gran bel viaggio che spero possa continuare anche verso nuove direzioni e piattaforme. Possibilmente anche economicamente raggiungibili.