fbpx
Curiosità

Oltre un milione di utenti Facebook sono pronti ad invadere l’Area 51

Il web potrà finalmente svelarci i segreti della celeberrima Area 51 in prima persona e senza siti Internet complottisti?

Internet è pronto ancora una volta a supportare una cosa profondamente stupida come assaltare l’Area 51. Al momento della stesura dell’articolo, oltre un milione hanno abbracciato la causa su Facebook al grido di “Non possono fermarci tutti“. È questo il sottotitolo dell’evento Storm Area 51 (qui il link). Un’armata di utenti del web è infatti pronta a correre verso la celeberrima base militare dove leggenda vuole siano custoditi i corpi di alcuni alieni e i resti della loro astronave precipitata nel 1947. Tutti a correre, tra l’altro, con le braccia indietro come i ninja in Naruto.

Perchè gli alieni dovrebbero arrivare su un pianeta in cui la gente compra l’acqua di Belle Delphine?

A ideare questa genialata è stato l’australiano Jackson Barnes che ha scritto: “Ok ragazzi, sento che abbiamo bisogno di formulare un piano, ho messo insieme questo schema facile da seguire“. Come un vero e proprio esercito ognuno avrà dei ruoli ben precisi che vanno da chi deve lanciare le pietre a chi deve sfondare la base per entrare nel cuore. Ottimo piano.

Molte volte la gente ha provato a buttare benzina sul fuoco sui presunti segreti dell’Area 51 sopratutto nei meandri più complottisti prima dei forum e poi dei social. Sam Scimemi, direttore della Stazione spaziale internazionale (ISS) in forza alla Nasa dal 2003 ha spiegato: “E’ solo una base aerea. Non ci sono mai stato ma sono certo che non si tratta altro che di una base dell’aeronautica. Voi europei avete la mitologia, noi negli Usa l’abbiamo dovuta costruire da zero e le grandi cospirazioni immaginarie ne fanno decisamente parte, compresa l’Area 51“. La segretezza estrema della base, infatti, dovrebbe dipendere dal fatto che qui vengono testati gli aerei più avanzati che l’ingegneria produce.

Cosa può comportare questa goliardata all’Area 51?

Finora giornalisti e curiosi hanno provato moltissime volte di intrufolarsi per capire i misteri della base. Essendo la base una zona militare tra le più segrete del mondo, è chiaramente difesa adeguatamente. Ad oggi nessuno è stato vittima della propria curiosità. Il massimo che ha subito qualcuno è stata una multa di 600 dollari consegnata dallo sceriffo della contea di Lincoln.

Intanto Jackson Barnes, vista la massiccia adesione alla sua proposta, ha già messo le mani davanti: “Buongiorno governo degli Stati Uniti, questo è uno scherzo, e in realtà non intendo portare avanti il piano. Ho solo pensato che sarebbe stato divertente e allo stesso tempo che avrei ricevuto molti like. Non sono io il responsabile se poi le persone decideranno di occupare effettivamente l’Area 51“. Sicuramente qualcuno si presenterà il 20 settembre nell’area per partecipare a questo presunto raid. Speriamo solamente che il tutto si trasformi in un raduno a salsicce e birra e non in una potenziale carneficina visto che i militari, se violano la loro base, sono autorizzati a sparare e in America il grilletto è particolarmente facile.

Commodoriani cosa ne pensate di questa iniziativa? Vorreste parteciparvi? La ritenete una cosa da fare o un’idiozia? Fatecelo sapere nei commenti.

Fonte

Per rimanere informati sul mondo nerd, continuate a seguirci sul nostro sito DrCommodore.it e su FacebookInstagramTelegramYouTubeDiscordSteam e Twitch.

 

 

 

 

Facebook Comments

Alessandro Mezzolla

Alessandro Mezzolla è di San Pancrazio Salentino in provincia di Brindisi. Un genio. miliardario, playboy, filantropo non è sicuramente una descrizione calzante. Ha la passione per il cinema, la musica e le magliette macabre. Il suo motto è "Perchè anche oggi mi sono svegliato?"