fbpx
Approfondimento News Videogames

Elden Ring, oh Elden Ring: le parole del teaser e quelle di Miyazaki

Elden Ring

Cosa ci dice il teaser di Elden Ring e cosa ha detto Hidetaka Miyazaki in merito al titolo?

A dispetto del luogo comune secondo cui i loro titoli non abbiano una trama esplicita, From Software cura in maniera quasi ossessiva l’uso della parola nelle sue opere. Poche chiacchiere, ma dette in maniera brillante, misteriosa e decisamente coinvolgente. Elden Ring non sembra voler uscire da questi canoni tradizionali e, nel suo primo teaser trailer ufficiale, ci pone di fronte ad un monologo piuttosto breve ma pregno di epica e significati.

Elden Ring

I doubt you could even imagine it…

Un’iconografia inquietante ed intrigante allo stesso tempo ci inizia alla visione del teaser, con il rumore di un martello che picchia in una forgia oscura. stacco a favore di una sorta di sacrificio umano, una mano donata a signori nell’ombra, dei quali sono visibili solo le braccia che cingono la macabra offerta e l’offerente. Quest’ultimo sembra una figura fragile, ma è adornata da una corona. Il monologo ha inizio:

Dubito che tu possa persino immaginarlo, ciò che le stelle comandarono e che dà alla vita il suo pieno splendore. L’Elden Ring, oh Elden Ring, frantumato da qualcuno…o da qualcosa. Non dirmi che non lo vedi, Guarda il cielo lassù. Esso brucia!

Alla semplice lettura, queste possono sembrare frasi vuote e decontestualizzate, ma con l’abbinamento delle stesse a ciò che è mostrato a schermo, possiamo provare a tirare qualche somma sul titolo che ci aspetta, per lo meno in maniera speculativa:

Il protagonista del discorso è il misterioso quanto potente manufatto denominato “Elden Ring”, voluto dalle “stelle” e capace di dare alla vita “pieno splendore”. Qualcuno o qualcosa poi, forse perchè spaventato da tanto potere, si è deciso a distruggerlo. Probabilmente si sta parlando della misteriosa figura della forgia nell’ombra, l’autrice dei colpi di martello dell’incipit, la stessa che più tardi sembrerà frammentarsi essa stessa alla rottura dell’anello, sottintendendo uno stretto legame (se non una coincidenza) tra i due.

A questo punto iniziano i voli pindarici basati sui rumors che hanno preceduto il teaser: è plausibile pensare che i frammenti di quell’unico e potente oggetto siano stati raccolti da più individui, diventando al pari di dei fra gli uomini; ed è altrettanto possibile che qualcun’altro – magari i signori che ricevevano l’offerta in dono – voglia recuperarne i pezzi per rimetterli insieme. Ecco quindi che la mano spoglia che faceva da offerta, si tramuta nella scena successiva in un braccio intercambiabile dall’aria tutt’altro che rassicurante.

D’obbligo una menzione al cielo, rosso scarlatto dalle immagini, e con l’invito della voce narrante ad osservarlo perchè in fiamme. Nessuno dei giochi From Software ha mai avuto un vero e proprio ciclo giorno/notte, ed è probabile che l’atmosfera rarefatta vista nel trailer possa essere la stessa del mondo di gioco.

Scambieremo i “pezzi” dei possessori dei frammenti con equipaggiamenti divini, dunque? Viaggeremo in un mondo caratterizzato da un unico cielo cremisi? Il nostro obiettivo sarà quello di diventare la culla per il ricongiungimento dell’anello? Quale sarà la vera identità del protagonista che andremo ad interpretare, un umano bramoso di potere, un dio desideroso di vendetta o un costrutto con un’unica missione?

Elden Ring

Le Certezze

Dopo la conferenza Microsoft, i colleghi di Xbox Wire hanno raggiunto Hidetaka Miyazaki in persona per avere delucidazioni sul titolo. Nella lunga intervista, il game designer giapponese parla di tutta la sua ammirazione per George R.R. Martin e dei retroscena sulla loro collaborazione.

Sul progetto in sviluppo svela, invece, che la fase di pianificazione sia iniziata dopo la fine dei lavori sui DLC di Dark Souls 3, e che il motivo alla base del tutto sia da ricercarsi nella volontà di trasporre in un mondo Dark Fantasy tutto ciò che non erano riusciti a proporre nella serie Souls.

Elden Ring sarà un action-rpg in terza persona con un focus sul melee-based combat e sugli elementi ruolistici, questi ultimi ancor più personalizzabili che in Dark Souls. Sarà presente un editor del personaggio ed il setting prescelto è un vero e proprio open-world. Tutti questi elementi concorrono, per lo stesso Miyazaki, alla considerazione del titolo come il più ambizioso mai creato dalla casa di Tokyo.

Parole confortevoli per gli hardcore gamers sono state spese anche in merito alla difficoltà del titolo. Miyazaki ha infatti puntualizzato quanto sia importante per From Software focalizzarsi sulla gioia dei gamers al superamento di sfide probanti. Un leitmotiv questo che legherà tutti gli altri titoli al prossimo Elden Ring.

Se volete saperne di più sull’E3 2019, Vi invitiamo a seguire il canale #CommodorE3

Per rimanere informati sul mondo nerd, continuate a seguirci sul nostro sito DrCommodore.it e su Facebook, Instagram, Telegram, YouTube, Discord, Steam e Twitch.

Facebook Comments

Angelo Basilicata

Gamer dall'età di 12 anni, cultore (o meglio "cultista") di Hidetaka Miyazaki dal 2009. vive la passione per i Vg da completista ed è un ragazzo semplice: mangia, gioca, ama