fbpx
News Pc Videogames

Assassin’s Creed: Unity, disponibile gratuitamente per solidarietà verso Notre Dame

Assassin's Creed

Assassin’s Creed: Unity disponibile gratuitamente su Uplay

Dopo aver parlato di come i modelli 3D della cattedrale di Notre Dame presenti in Unity potessero essere utili ai fini della ricostruzione della stessa, Ubisoft ha dato una lieta notizia. Il quinto capitolo di Assassin’s Creed sarà gratuito a partire da oggi per tutti gli utenti PC tramite Uplay. Un omaggio da parte della software house a tutti i francesi dopo i tragici fatti di Notre Dame. Ecco quanto detto dalla compagnia in merito all’iniziativa:

“Alla luce di quello che è accaduto al Notre-Dame di Parigi, Ubisoft regala ad ogni giocatore la possibilità di vivere l’esperienza di questa enorme e bellissima cattedrale tramite Assassin’s Creed: Unity su PC”


Come ben saprete, il titolo del 2014 permetteva ai giocatori di rivivere la rivoluzione nei panni dell’Assassino. Oltre la componente puramente storica, nel gioco vi era una grande accuratezza nel riportare i monumenti della Parigi di allora. Quale migliore omaggio quindi, che far visitare virtualmente lo storico monumento ormai andato in fiamme. Oltre il regalo a tutti i giocatori, la compagnia ha anche annunciato che donerà ben € 500,000 per la ricostruzione della cattedrale.


Un’iniziativa che, oltre il gesto puramente simbolico nei confronti dei giocatori, si dimostra anche come un gesto di cuore nei confronti di un popolo affranto. E voi, cosa ne pensate di quanto fatto da Ubisoft? Fatecelo sapere, intanto recuperate anche il nostro articolo riguardo i modelli 3D di Notre Dame presenti in Unity.

Per rimanere informati sul mondo nerd, continuate a seguirci sul nostro sito DrCommodore.it e su Facebook, Instagram, Telegram, YouTube, Discord, Steam e Twitch.

Facebook Comments

Antonio Maddaluno

Cresciuto a pane e videogames, con la passione per la musica ed il cinema.
Fin dalla mia prima console, la Playstation 1, ho capito che sarebbe stato amore eterno. Sono convinto che i videogiochi siano arte e lotterò sempre per difendere questa definizione.
Mi hanno detto che nella vita sarei potuto diventare quello che volevo , ecco perchè adesso scrivo per DrCommodore.it