fbpx
Curiosità

Galateo dell’Artist Alley: consigli per incontrare i fumettisti in fiera

fumettisti

Ho un “altarino” nella mia libreria: uno scaffale pieno di fumetti firmati con dedica dagli autori. È una mia ossessione: alle fiere del fumetto cerco di incontrare tutti gli artisti che mi piacciono per conoscerli di persona, fare due chiacchiere e tornare a casa con un disegno personale da parte loro.
Dal mio primissimo Lucca Comics and Games ho partecipato a parecchi firmacopie: dai più celebri ai nuovi talenti, sono tanti gli artisti che si mettono a disposizione per fare un disegno e una dedica per i fan, soprattutto oggi che le fiere del fumetto sono numerose e con ampi spazi disponibili per gli autori, le cosiddette Artist Alley.

Per DrCommodore.it, oggi vorrei darvi qualche consiglio per godervi al meglio questi celestiali incontri con i vostri artisti preferiti. La stagione delle fiere è vicina, non fatevi trovare impreparati!

Attenzione: la Redazione garantisce che nessun artista è stato maltrattato durante la stesura di questa lista.

Non fate firmare la vostra intera libreria

Mi è successo davvero: un fan davanti a me in coda era avvinghiato a una pila intera di volumi da far firmare e disegnare. Il povero artista sbiancò e cercò di spiegargli che non poteva fare un disegno su tutti gli albi, altrimenti avrebbe creato una coda infinita e avrebbe chiuso la fiera a notte fonda.
Non serve avere ogni singolo fumetto personalizzato con disegno e dedica! Oltre ad essere davvero scomodo portare 5 chili di libri in giro per la fiera, dovrete impegnare l’artista per un tempo lunghissimo, rischiando la lapidazione da parte delle persone in coda.
Portatevi uno o due volumi, i vostri preferiti. Oppure, scelta che consiglio, comprate direttamente dal fumettista la sua ultima opera: spesso, le case editrici regalano dei gadget a chi acquista in fiera.

Ricapitoliamo alcune cose:DEVA • A Tale of Gods vol. 2: l'avete pre-acquistato? Bravi, vi arriva a casa o lo venite a…

Publiée par Tatai Lab sur Mardi 5 mars 2019

Al Cartoomics potrete trovare Tatai Lab: acquistando il primo numero di Shuricat riceverete una spilletta troppo kawaii!

Non chiedete di disegnare un affresco che raffiguri il concetto di tedio con richiami alla pittura rinascimentale

Quando un fumettista fa una dedica sul suo volume è solito allegare anche uno sketch rapido, magari personalizzato e richiesto proprio dal fan.
Ricordatevi però che non è una commission, né un disegno completo di studio e colorazione! Lo sappiamo, è la vostra prima (forse unica) occasione di incontrare il vostro artista preferito, ma se gli chiedete un ritratto del vostro intero albero genealogico con in background Daenerys Targaryen in groppa a un drago, lui sarà autorizzato a mandarvi a quel paese!
Ricordate che il tempo è poco e il fumettista dovrà rimanere a disposizione dei fan per ore e ore: chiedetegli uno sketch preciso e originale, e ne sarà felice.

Avete letto Ctrl-Z di Alessandra Patanè? COME NO?

Scambiate due chiacchiere

Avete davanti un artista famoso o una giovane promessa del fumetto? Non siate timidi! Quando lo incontrate, presentatevi e ditegli perché lo adorate: potrebbe essere la vostra unica occasione di potergli parlare. Mentre crea per voi fategli qualche domanda, divertitelo con una battuta. Ebbene sì, gli artisti sono persone come noi: dopo aver passato giornate e nottate a inchiostrare, apprezzano complimenti sul loro lavoro e, se fatte con educazione, anche le critiche costruttive.
Se siete anche voi aspiranti illustratori, cercate di carpire i loro segreti artistici osservandoli lavorare o chiedendo consigli: tornerete a casa con qualcosa di più dell’albo con la dedica.

Leggendaria la partecipazione di Frank Miller al Comicon di Napoli 2018. Fonte ANSA

Siate gentili!

Lo so, pare scontato. Ma sembra proprio che alcuni abbiano bisogno di un ripasso!
Girando per le fiere e attendendo in coda il proprio turno, succede di assistere a veri e propri “ordini” da parte dei fan. Né un “ciao”, un sorriso. “Disegnami questa cosa qua”, e poi via, senza ringraziare. È vero, il fumettista disegna per lavoro e incontra i fan agli eventi dietro compenso (si spera!). Questo non significa che l’artista sia alla nostra mercé, né che sia alla stregua di un oggetto in esposizione, pronto ad assecondare qualsiasi atteggiamento.

Ciao mi disegni Elsa di Frozen che esce coll'armadillo?

Publiée par (Z)ZeroCalcare sur Mardi 15 mai 2018

Bonus! Portate un regalino

Mi succede spesso: quando incontro gli artisti, avvisto quasi sempre un angolino dello stand in cui sono accumulati snack, biscotti, torte, oggettini incartati. Sono pensierini e doni regalati dai fan ai fumettisti. Dopo ore passate seduti a disegnare può venire fame, quindi coccole di questo tipo sono sicuramente ben accette!
Se volete stupire il vostro artista preferito, un oggettino o un disegno fatto da voi sarà sicuramente un dono prezioso e molto apprezzato. Entrerete nel cuore del vostro adorato autore e sentirà tutto il vostro sostegno!

fumettisti

E voi, commodoriani? Cercate di incontrare sempre i vostri artisti preferiti in fiera? Avete altri consigli per rendere l’esperienza incredibile? Fatecelo sapere nei commenti!

Per rimanere informati sul mondo nerd, continuate a seguirci sul nostro sito DrCommodore.it e su FacebookInstagramTelegramYouTubeDiscordSteam e Twitch.

Facebook Comments

Eleonora Degiovanni

A 6 anni ho trovato in uno scatolone un vecchio albo a fumetti di Asterix. Da allora non ho più smesso di leggere: comics, libri, cartelloni pubblicitari, foglietti illustrativi.
Sono immersa in così tanti fandom che soffro di personalità multipla.