fbpx
Curiosità Tech

Le sex doll potrebbero essere hackerate per diventare killer

Ci sono 100 modi per morire, diceva una canzone di Fabri Fibra, uno di questo potrebbe essere per mano di una sex doll killer hackerata

Nick Patterson, un esperto di cyber-sicurezza e docente alla Deakin University, in Australia, ha parlato al tabloid britannico Daily Star affermando che le doll con chip di intelligenza artificiale potrebbero teoricamente esser trasformate in cyber-killer. Se un eventuale hacker volesse, potrebbe usare queste bambole visto che per peso e dimensioni avrebbero la capacità di far fuori una persona.

Patterson ha così dichiarato:

“I robot sono dotati di un sistema operativo non diversamente dai nostri telefonini, tablet o laptop. Hackerando un robot si può assumere il controllo di braccia, gambe, azioni e strumenti che possono essere impugnati e talvolta maneggiati. Questi robot possono sollevare fino a 90 chili e sono molto forti. Se ne assumesse il controllo, un hacker potrebbe dare istruzioni al robot. E’ l’ultima cosa che uno vorrebbe: un robot di questo tipo capace, una volta hackerato, di azioni fisiche e lesioni”.

Il subentrare dell’etica

Tra l’altro, numerosi sex-toys possono essere controllati in remoto e potenzialmente potrebbero essere hackerati anche essi. Altri rischi deriverebbero, secondo gli esperti, dai chip installati negli umani per interfacciare comandi col pensiero ai dispositivi digitali. Ma cosa accadrebbe se fossero hackerati da un malintenzionato? Il discorso dei robot killer è una minaccia concreta. Gli enormi progressi che si stanno facendo sulle intelligenze artificiali stanno richiedendo sempre più paletti etici. Nel 2016, in occasione del vertice sui “sistemi d’arma letali autonomi“, la delegazione australiana dell’Onu ha sollecitato l’introduzione di regole su come gestire la crescente dotazione di intelligenza artificiale nelle tecnologie militari. Sulle minacce potenziali di una intelligenza artificiale fuori controllo rispetto agli scopi programmati si è espresso più volte, tra gli altri, anche Elon Musk.

Insomma attenti a cosa usate per le vostre sessioni di single player. Comunque se la morte per snu-snu è tra i vostri obbiettivi nella vita potete dormire sogni tranquilli.

Commodoriani, cosa ne pensate di questa cosa? Credete debbano essere messe regole precise sull’utilizzo di intelligenze artificiali? Fatecelo sapere nei commenti.

Fonte

Per rimanere informati sul mondo nerd, continuate a seguirci sul nostro sito DrCommodore.it e su Facebook, Instagram, Telegram, YouTube, Discord, Steam e Twitch.

Facebook Comments

Alessandro Mezzolla

Alessandro Mezzolla è di San Pancrazio Salentino in provincia di Brindisi. Un genio. miliardario, playboy, filantropo non è sicuramente una descrizione calzante. Ha la passione per il cinema, la musica e le magliette macabre. Il suo motto è "Perchè anche oggi mi sono svegliato?"