fbpx
Curiosità

Tutti i retroscena dietro la puntata della Melevisione dell’11 settembre 2001

melevisione

L’11 settembre 2001 è una data che è entrata tragicamente nella storia per l’attentato alle Torri Gemelle e la conseguente interruzione della Melevisione

11 settembre 2001, pomeriggio, dopo pranzo. Non è ancora iniziata la scuola ma l’estate sta finendo e un anno se ne va. L’afa è ancora quella estiva, tutti i bambini a quell’ora erano attaccati a Rai 3 perché era l’orario della Melevisione. Ad un tratto si interrompe la trasmissione e va in onda un’edizione speciale del Tg3. Tutti spiazzati. Vediamo un aereo che colpisce una torre, non capiamo, capiremo l’entità delle immagini poco dopo, se eravamo più grandicelli, molto dopo, se più piccoli. In quel momento facciamo zapping estremo alla ricerca di qualcosa che non siano i tanto odiati telegiornali. Nulla da fare, il mondo è fermo e contempla questo disastro senza precedenti. 

In tanti però hanno ancora il trauma di quella puntata della Melevisione interrotta e in tanti si sono chiesti, nel corso degli anni, come finisse quella puntata e se mai avremmo visto la fine. Alcuni hanno addirittura ipotizzato che l’attentato non fosse altro che un motivo per non far finire quella puntata in cui venivano svelati segreti che non dovevano venire a galla o veniva costruita con forbicine e colla vinilica il segreto della vita eterna. Ma queste erano solo ipotesi, a fare chiarezza è intervenuto Danilo Bertazzi in arte Tonio Cartonio dal suo profilo Instagram:

View this post on Instagram

L'11 settembre 2001, Rai3 ha trasmesso la replica di una puntata andata in onda ad aprile dello stesso anno. Il titolo della puntata era "TANTI AUGURI A TE". Protagonisti della puntata: Tonio, Principessa Odessa, Gnomo Eco e Orco Baleno. La storia: Tonio, con l'aiuto di Orco e Gnomo Eco, decide di preparare una festa a sorpresa per il compleanno di Odessa. La manualità: Tonio insegna a Gnomo Eco come si preparano festoni di carta. Occorrente per la manualita: strisce di carta colorata, una spillatrice. Dopo aver confezionato due anelli di cartoncino uniti tra di loro, Tonio fa partire una storia dalla Melevisione e al rientro il chiosco e la radura è tutta decorata con i festoni colorati. Sul finale viene cantata e ballata la canzone "Tanti Auguri a te" con la partecipazione a sorpresa di Fata Gaia, Strega Salamandra e Lupo Lucio. La puntata è stata interrotta nel punto in cui Tonio rimprovera Odessa di essere capricciosa e altezzosa. Quel giorno, quel preciso momento il mondo si è fermato incredulo, sconcertato. E tutti noi abbiamo avuto la sensazione che quell'indicibile orrore avrebbe cambiato il corso della Storia. Ah dimenticavo: … e lo "spago giallo"? Non c'era nessuno spago giallo in puntata. THAT'S ALL. (cit.) . #informarsiprimadiparlareacaso #fakenews #spagogiallo #melevisione

A post shared by Danilo Bertazzi (@danilo_bertazzi) on

Tonio Cartonio, quindi, non solo non è morto di overdose, come voleva la leggenda metropolitana smentita nell’intervista che potete leggere qui,  ma ha fornito anche i mezzi per superare trauma 11 settembre 2001 che per così tanti anni ha afflitto i bambini ormai adulti che in quel momento erano lì a vedere la Melevisione.

Commodoriani vi sentite sollevati dall’enorme peso che l’incompletezza di quella puntata portava con sè? Fatecelo sapere nei commenti.

Per rimanere informati sul mondo nerd, continuate a seguirci sul nostro sito DrCommodore.it e su FacebookInstagramTelegramYouTubeDiscordSteam e Twitch.

Facebook Comments

Alessandro Mezzolla

Alessandro Mezzolla è di San Pancrazio Salentino in provincia di Brindisi. Un genio. miliardario, playboy, filantropo non è sicuramente una descrizione calzante. Ha la passione per il cinema, la musica e le magliette macabre. Il suo motto è "Perchè anche oggi mi sono svegliato?"