News Tech

Apple: un software impedirà ai terzi di riparare i nuovi Mac

I nuovi Mac non saranno più riparabili senza Apple Service Toolkit 2, un nuovo strumento diagnostico specifico

Apple sta mettendo a punto un sistema per impedire che i suoi ultimi Mac vengano riparati da terzi, cioè da assistenza non autorizzata. Per sistemare i nuovi MacBook Pro e gli iMac Pro si dovrà ricorrere quindi a un tool specifico, che sarà a disposizione solo di Apple e dei fornitori autorizzati. Senza questo strumento, la riparazione sarà incompleta e ci saranno malfunzionamenti del sistema operativo: se volessimo sostituire la memoria flash, per esempio, incorreremmo in alcuni sistemi di blocco; e lo stesso vale per altre componenti.

Insomma, tempi duri per i riparatori non autorizzati, che si vedono tagliati fuori da questo mercato.

Una scelta di sicurezza o di convenienza?

Apple ha dichiarato di aver fatto questa mossa per tutelare la sicurezza dei propri utenti: dal momento che i computer contengono moltissimi dati sensibili, affidarsi a riparatori terzi metterebbe a rischio la nostra privacy secondo l’azienda. Con Apple Service Toolkit 2, invece, la sicurezza sarebbe assicurata.

Alcuni, però, credono che il motivo di questa scelta sia un altro: escludere dal mercato i riparatori non autorizzati e favorire l’acquisto di nuovi prodotti. Senza la concorrenza dei terzi, Apple avrebbe il monopolio delle riparazioni dei propri dispositivi e potrebbe applicare i prezzi che preferisce. Qualora il costo fosse troppo alto, i clienti potrebbero valutare l’acquisto di un modello successivo anzichè riparare quello già in loro possesso.

Bisogna dire anche che Apple è sempre stata abbastanza chiusa sotto questo punto di vista: da tempo infatti, insieme ad altri produttori, combatte contro la legge sul “diritto alla riparazione”, che imporrebbe alle aziende di rendere disponibili componenti e istruzioni anche per i riparatori di terze parti.

È una scelta di sicurezza o di convenienza dunque? Chi può dirlo. L’unica cosa certa è che se volete acquistare un nuovo Mac dovrete tenere in considerazione anche questo aspetto.

FONTE

Per rimanere informati sul mondo nerd, continuate a seguirci sul nostro sito DrCommodore.it e su Facebook, Instagram, Telegram, YouTube, Discord, Steam e Twitch.

Facebook Comments

Francesco Carletto

Laureato in Economia e Commercio e studente di Marketing Communication, da sempre appassionato di sport e tecnologia, con il pallino della scrittura. Già blogger sportivo, l'inizio dell'avventura come blogger tech mi consente di unire tutte le mie passioni.