fbpx
Approfondimento Pc Videogames Xbox One

Forza Horizon 4, ripercorriamo l’evoluzione della serie

Forza Horizon 4

Forza Horizon 4 allarga l’orizzonte della serie prediletta di Playground Games

Forza Horizon nasce da una costola di Forza Motorsport, e i suoi capitoli ibridano il modello simulativo a un feeling arcade dalle tinte più emozionali. La serie free roaming a mondo aperto, sviluppata da Playground Games e Turn 10 ruota attorno al fittizio “Festival Horizon”, un tour di gare automobilistiche attraverso luoghi sensazionali, e il giocatore partecipa per vincerlo. Ogni volta il festival è organizzato in un luogo diverso: nel primo capitolo della serie ci troviamo nel Colorado, nel secondo a cavallo tra la campagna Toscana e la lavanda provenzana e nel terzo nella variegata Australia. Forza Horizon 4 sarà ambientato in Gran Bretagna, e presenta importanti novità.

Forza Horizon 4

L’evoluzione della serie

Nel corso dei vari capitoli, non semplicemente sono cambiati i luoghi, ma la formula stessa si è evoluta. Il primo Forza Horizon offriva un’ottima ambientazione, ma sotto alcuni punti di vista era limitato. Ad esempio, l’ impianto non prevedeva il fuori strada se non in alcuni punti previsti. Il secondo capitolo invece offriva una maggiore libertà, permettendo al giocatore di sfrecciare liberamente per la mappa – stratificando ulteriormente l’approccio alle competizioni – tra ghost e amici online. Il terzo capitolo non ha arrestato l’evoluzione ed ha visto l’aggiunta di altre novità distintive.

In Forza Horizon 3 impersoniamo infatti l’organizzatore del festival, non un semplice pilota, e abbiamo perciò la possibilità di creare le varie sfide a nostro piacimento. Possiamo scegliere il percorso da fare, il tipo di gara e i requisiti per partecipare. Il quarto capitolo, infine, introduce un sistema di stagioni dinamiche, che impongono al giocatore di adottare stili di guida differenti a seconda della situazione climatica.

Forza Horizon 4

Drivatar

Una peculiarità della serie Forza (non solo Horizon) è quella dei Drivatar. Il Drivatar unisce la classica idea di avatar del giocatore al suo personale stile di guida; in questo modo, si crea una sorta di identità automobilistica virtuale di ogni utente. Gli elementi che vengono tenuti in considerazione sono vari: frenate più o meno decise, se si guida sempre sul ciglio della strada e tanti altri fattori. Il Drivatar è poi utilizzato al posto della classica CPU durante le gare, in questo modo possiamo avere quasi sempre l’impressione di giocare con dei piloti reali.

Cosa ci aspetta in Forza Horizon 4?

Le stagioni dinamiche non sono l’unica novità di questa nuova edizione del Festival Horizon. L’ultimo trailer di Forza Horizon 4 infatti ci mostra tutte le caratteristiche principali del gioco sviluppato da Playground Games, da poco first party di Microsoft:

  • Come già precedentemente annunciato, le stagioni sono dinamiche e ciascuna comporta un approccio diverso alla guida. Ci troveremo su strade in diverse condizioni: innevate, bagnate, ricoperte di foglie o asciutte;
  • Avremo la possibilità di possedere delle case. In tutto sono 12 e dopo la prima che riceveremo quasi subito, spetterà al giocatore trovarle per la mappa;
  • Negli eventi dove precedentemente avevamo gareggiato contro treni, elicotteri o aerei, ora faranno la loro comparsa anche gli hovercraft e probabilmente anche qualche altro veicolo particolare;
  • Una novità su cui gli sviluppatori puntano molto riguarda la presenza simultanea nello stesso mondo di gioco di 71 giocatori. Ognuno potrà interagire con gli altri e organizzare gare velocemente. Chi non ama il multiplayer, non deve temere: potrà gareggiare contro i Drivatar come nei precedenti capitoli, senza obblighi di alcun tipo;
Le novità non si fermano al numero di giocatori e alle stagioni, ma arrivano a permeare anche componenti più specifiche e dettagli contestuali:
  • Tornano le abilità, ma a differenza del terzo capitolo, in Forza Horizon 4, saranno legate alla singola macchina e non più ai progressi generali del giocatore;
  • Rimane anche il Forzathon con l’aggiunta però di sfide giornaliere e non solo settimanali;
  • I menù sono stati aggiornati per una resa più intuitiva e dinamica;
  • Saranno presenti altri tipi di cartelli bonus da trovare e distruggere, oltre ai soliti per gli sconti dal meccanico o dell’esperienza;
  • Tra le radio tornano le vecchie glorie come Horizon Bass Arena o Horizon Pulse, ma saranno presenti anche Horizon XS, Timeless FM e Hospital Records;
  • Nuove modalità multiplayer sono state sviluppato, come Team Rush, dove ci troveremo di fronte a gare 6vs6; Freeroam Rush nella quale dovremo raggiungere un punto della mappa senza dover rispettare alcun checkpoint; la particolare modalità Survival in cui saranno presenti 2 team, uno di infetti e uno di non. L’obiettivo degli infetti sarà di scontrarsi contro gli altri giocatori per infettarli tutti, mentre quello dei non infetti di sopravvivere;
  • Nella mappa di gioco, Edimburgo farà da padrona, con le sue strade illuminate di sera dai negozi e i suoi monumenti ammirabili di giorno.Forza Horizon 4

Forza Horizon 4 ha tutte le carte in regola per essere un vero gioiellino di guida ibrida, a cavallo tra l’esperienza arcade e simulativa. L’uscita è prevista per il 2 Ottobre, ma probabilmente sarà resa disponibile in anticipo la demo di gioco. Noi non vediamo l’ora di derapare per le campagne britanniche, in vista della recensione, e voi? Fatecelo sapere con un commento!

Per rimanere informati sul mondo nerd, continuate a seguirci sul nostro sito DrCommodore.it e su Facebook, Instagram, Telegram, YouTube, Discord e Twitch.

Facebook Comments

Elia Azzurri

Studente di Chimica e Tecnologia Farmaceutiche, con una passione per i videogiochi, cinema e musica. Cresciuto in casa Nintendo, per poi ingrandire la famiglia abbracciando un po' tutte le case e tutti i generi di videogiochi.