fbpx
Curiosità

In Giappone non ci sono più ninja: si aprono le candidature per i nuovi guerrieri

Ci sono lavori che ormai stanno finendo nel dimenticatoio, sia per il progresso tecnologico, che per pigrizia delle nuove generazioni

Il lavoro di cui vi parleremo, però, è il lavoro dei sogni di un sacco di bambini: il ninja! A quanto pare nessuno vuole più fare il ninja. A farcelo sapere è proprio la cittadina di Iga, storica per aver sfornato ninja per lo shogunato di Tokugawa e che ha addestrato guerrieri leggendari come Hattori Hanzo.

Il problema per questa cittadina di 100 mila anime è un po’ il problema che affligge tutto il Giappone, il calo delle nascite. I giovani che ci sono abbandonano l’aria prevalentemente rurale a favore delle grandi città.

Il sindaco di Iga ha messo a disposizione delle nuove reclute uno stipendio che va dai 23 mila agli 85 mila euro l’anno. Inoltre il prefetto di Aichi ha offerto uno stipendio di 1400 euro mensili per gli stranieri che vorrebbero diventare i prossimi guerrieri ombra. Le qualifiche richieste sono la conoscenza delle arti marziali e dell’inglese. Tutto questo è per incentivare il già florido turismo presente nell’area.

I ninja, infatti, non servono più per le missioni segrete, bensì per intrattenere le orde di turisti che ogni anno si riversano nella cittadina per rendere omaggio a questi leggendari guerrieri, quindi più che essere delle macchine omicide, è richiesto il saper lanciare con precisione gli shuriken e il saper fare le celebri acrobazie.

Commodoriani voi sareste disposti a lasciare tutto per intraprendere questa carriera? Credete che facendo il ninja si rimorchia di più? Fatecelo sapere nei commenti.

Per rimanere informati sul mondo nerd, continuate a seguirci sul nostro sito DrCommodore.it e su FacebookInstagramTelegramYouTubeDiscord e Twitch.

Facebook Comments

Alessandro Mezzolla

Alessandro Mezzolla è di San Pancrazio Salentino in provincia di Brindisi. Un genio. miliardario, playboy, filantropo non è sicuramente una descrizione calzante. Ha la passione per il cinema, la musica e le magliette macabre. Il suo motto è "Perchè anche oggi mi sono svegliato?"