fbpx
Film/Serie Tv Anime & Manga Approfondimento

Noi cresciuti a pane e MTV

C’è stato un periodo nella storia della TV italiana nel quale, proprio come ora, regnava lo schifo. Eppure vi era un barlume di speranza in quella nebbia: MTV.

Questo articolo non si pone come verità assoluta ed è un viaggio nei ricordi dell’autore.

Il mio ricordo con MTV nasce da quando il canale smise di essere TMC2 ed assunse questo nome. Da Wikipedia scopro che il passaggio avvenne nel 2001 e io avevo 10 anni. Ero già rapito da TMC2 perché mandava a rotazione video musicali che non passavano in radio, musica sperimentale che adoravo e che, vista la mia giovane età, non comprendevo del tutto. A tenermi ancora più incollato a quello che, prima dell’avvento del digitale terrestre era il mio canale 8, fu il passaggio ad MTV.

Come detto, non ho alcun intento enciclopedico e non scrivo con l’obiettivo di stilare una wikipedia dei programmi di MTV, quanto più andare indietro con i miei ricordi di bambino/adolescente e rivivere quei programmi e le sensazioni che mi suscitavano.

Commodoriani, spero che questa lista vi faccia fare un bel viaggio nel passato o, se siete troppo giovani, vi faccia scoprire cose nuove.

Æon Flux

Æon Flux è una serie animata creata da Peter Chung nel 1991. Ricordo nitidamente che le ambientazioni fantascientifiche/psichedeliche e i disegni spigolosi di questo cartone mi rapirono per essere totalmente diversi da tutti quelli che avevo visto fino a quel momento. La protagonista era un’assassina poco svestita, e quando hai 15 anni non ti dispiace, che con il suo ideale anarchico combatteva contro il potere stabilito in questo distopico futuro. Parecchi miei sogni in quegli anni sono stati in stile Æon Flux.

Di Æon Flux è anche stato fatto un film nel 2005 con protagonista Charlize Theron che per me fu una vera delusione.

 

MTV Trip

Luca e Paolo non sono sempre stati un duo. La loro carriera televisiva, è iniziata insieme ai Cavalli Marci in trasmissioni come Ciro. La prima apparizione televisiva come duo è avvenuta proprio con MTV Trip.

La trasmissione era un misto tra un programma di Mengacci ed un reality in cui i due, a bordo di una Fiat allestita da carro funebre, attraversavano l’Europa dalla Sicilia fino ad Amsterdam, creando gag e scenette attinenti ai posti visitati. Venivano inoltre mostrati gli sproloqui tra i 2 mentre erano on the road. Se avevi 9 anni non potevi fare altro che ridere. Se vi mancano i vecchi Luca e Paolo di Camera Cafè, figuratevi come ci sentiamo noi che abbiamo visto MTV Trips.

 

Beavis and Butt-Head

Qui ci troviamo di fronte a quello che probabilmente è il masterpiece dell’ animazione di casa MTV. La serie ideata da Mike Judge era tutto quello che un ragazzino come me voleva vedere. Idiozia, parolacce e situazioni grottesche di due adolescenti completamente invasati e senza alcun controllo da parte dell’autorità genitoriale. Era il mio trasgredire, il ridere su quello per cui non rideva nessuno dei miei coetanei, anche perché ero l’unico a vederlo data l’ora tarda in cui veniva trasmesso.

Più tardi ho capito che c’è un Beavis e un Butt-Head in ognuno di noi. Pensate a quando siete con gli amici a commentare la TV o un film e magari avete bevuto una birra in più. Non vi sentite uguali a loro due che commentano i video musicali? A farmi adorare ancora di più questo cartone era il doppiaggio, a dare le voci erano infatti Elio e Faso degli Elio e le storie tese. Beavis and Butt-Head è stata la mia educazione all’idiozia.

 

TRL

TRL (Total Request Live) era la diretta pomeridiana di MTV ed era il calderone in cui si univano video del momento ad interviste agli ospiti. Spesso vi erano sbalzi incredibili che portavano i Vj’ s a dover gestire cose ai limiti dell’assurdo. Per farvi capire meglio vi lascio un video:

Tutti i cantanti se passavano dall’Italia, passavano anche da TRL. Questo era il programma che guardavo quando dicevo a mia madre che stavo facendo i compiti e puntualmente finivo i compiti, quando finiva TRL. Non era sicuramente il mio programma preferito ma spesso avevo la possibilità, in un mondo prima dell’avvento di YouTube, di vedere e sentire le interviste ai miei idoli del periodo.

Inoltre fuori vi erano i fans dell’artista di giornata che venivano inquadrati da un muro a vetro dello studio ed io ho sempre sognato di andare un giorno lì sotto e che e di essere scelto per stringere la mano ad uno dei miei idoli.

 

Daria

Daria è uno spin-off di Beavis and Butt-Head del 1997 e a breve MTV produrrà delle nuove stagioni.

Questo per me è il cartone più valido che abbia mai prodotto MTV, era lo specchio più maturo e più cinico della società di quegli anni, il tutto affrontato con gli occhi della signorina Daria Morgendorffer. Ero totalmente affascinato dal modo di fare freddo e disinteressato di questo personaggio che aveva lo sminuire tutto come forma di difesa verso una società vuota e totalmente succube delle apparenze. Inutile dire che è stato uno di quei prodotti che ho assimilato fortemente e che mi ha reso la persona che sono oggi. Si poteva vivere senza stare simpatici a tutti e senza per forza accomodare la massa e questo per il piccolo me è stata una Epifania!

Ho fatto da poco un rewatch di questa serie e, a parte i riferimenti alla cultura pop, non è invecchiato di una virgola, anzi visto da “adulto” si colgono sfaccettature molto più sottili. La ciliegina sulla torta della serie sono sicuramente gli spot del programma televisivo “In questo triste mondo malato“. Questo è uno di quei prodotti che farei guardare nelle scuole.

 

Celebrity Deathmatch

Qui si toccava l’apice del divertimento. Celebrity Deathmatch aveva stop-motion, violenza e le star non solo del momento, ma anche della storia, che dovevo affrontarsi fino alla morte su di un ring. Sangue che volava ovunque, escamotage che WWE spostati proprio e Johnny Gomez e Nick Diamond che commentavano i match in maniera tanto formale quanto grottesca. Gli abbinamenti  dei combattenti potevano essere vari, si spaziava dai nomi delle star (es. Jim Carrey vs. Mariah Carey) a situazioni comuni nelle loro rispettive carriere. Era tutto permesso al fine di uccidere l’avversario e le scene ridicole di lesioni e morti aberranti erano all’ordine di puntata su Celebrity Deathmatch. Insomma uno dei programmi più belli mai sfornati dalla TV.

 

Loveline

Loveline è stata l’educazione sessuale che non ho avuto a scuola e mi ha donato anche la mia prima cotta: Camila Raznovich. Nel programma era ospite fisso Filippo “dove sono mie sigarette” Nardi. Grazie a questo programma ho scoperto tantissimi cose sulla mia sessualità e su quella dell’altro sesso. Se ne parlava senza malizia e senza cadere nello squallido e faceva capire la naturalezza dei rapporti, cosa non poco trascurabile per un adolescente. La ciliegina sulla torta di questo programma erano sicuramente i corti animati a fine puntata: “Le avventure di Pene e Vagina“.

 

In questo articolo ho voluto mettere solo i programmi di produzione originale di MTV ecco perché è stata omessa la Anime Night che ha svezzato molti di noi al mondo degli anime con capolavori come Slam Dunk, Ranma 1/2, Neon Genesis Evangelion, GTO o Beck.

Commodoriani voi che ricordo avete di questa emittente? Avete altri programmi di cui vi ricordate? Parliamone insieme nei commenti.

Per rimanere informati sul mondo nerd, continuate a seguirci sul nostro sito DrCommodore.it e su FacebookInstagramTelegramYouTubeDiscord e Twitch.

 

 

 

 

 

 

Facebook Comments

L'autore

Alessandro Mezzolla

Alessandro Mezzolla è di San Pancrazio Salentino in provincia di Brindisi. Un genio. miliardario, playboy, filantropo non è sicuramente una descrizione calzante. Ha la passione per il cinema, la musica e le magliette macabre. Il suo motto è "Perchè anche oggi mi sono svegliato?"

Twitch!

Canale Offerte Telegram!