Dr Commodore
LIVE

Apple vorrebbe produrre un iPhone totalmente wireless

Dopo l’addio al jack audio, Apple vorrebbe eliminare anche il connettore Lightning, creando un iPhone totalmente wireless. L’obiettivo dell’azienda di Cupertino sembra essere quello di creare un “futuro senza fili”, eliminando quindi anche i cavi per la ricarica. L’azienda è infatti al lavoro per creare una propria innovativa “dock” di ricarica wireless, AirPower, che permetterebbe la ricarica di più dispositivi contemporaneamente. Nonostante sia stata annunciata l’anno scorso insieme a iPhone 8 e iPhone X però, la realizzazione di questo “tappetino” sta richiedendo più tempo del previsto. Il lancio avverrà quindi, forse, a settembre, insieme ai tre nuovi modelli di iPhone.
Ma un dispositivo totalmente wireless è davvero così conveniente?

Perché Apple vorrebbe produrre un iPhone totalmente wireless?

Ci sono molti aspetti positivi nel produrre un dispositivo senza alcuna porta: primo tra tutti, almeno per Apple, il design. L’assenza delle porte permetterebbe una semplificazione del design, con una riduzione dello spessore, ma anche delle componenti. Meno componenti vorrebbe dire più spazio, ma anche meno costi di produzione e una maggiore impermeabilità. Inoltre, un dispositivo totalmente wireless risulterebbe anche più sicuro.

Perché (per ora) non è possibile

Secondo Mark Gurman, reporter di Bloomberg, Apple aveva pensato di rimuovere il connettore Lightning già da iPhone X. Ciò che ha scoraggiato l’azienda è stata la tecnologia: decisamente ancora poco sviluppata in questo campo, avrebbe comportato numerosi svantaggi, tempi di ricarica in primis.
La ricarica wireless di un dispositivo, infatti, richiederebbe tempi molto più lunghi rispetto a quella col cavo. A livello di marketing ciò sarebbe disastroso: con la diffusione sempre maggiore della ricarica veloce, avere un dispositivo che si carica lentamente significherebbe venire schiacciati dalla concorrenza.

C’è poi la questione della sincronizzazione dati, ambito in cui il cavo gioca ancora un ruolo rilevante. La sincronizzazione via cavo è infatti molto più sicura e stabile di quella wireless. Questa infatti, nonostante la maggiore praticità, è molto più instabile e lenta.

Infine, bisogna pensare inoltre ai vari accessori, come i caricatori per auto o le power bank, che dovrebbero essere acquistati appositamente. Davvero i clienti sarebbero disposti ad acquistare nuovi, costosi oggetti per ricaricare il telefono fuori casa, quando basterebbero un cavo e una porta USB? Eliminare l’entrata Lightning significherebbe anche rendere impossibile l’utilizzo di tutti quegli accessori che la sfruttano, come gli storage per aumentare la memoria o gli adattatori per le cuffie.

Porta Lightning sì o no?

Apple ha deciso quindi di non rischiare e tenere la porta Lightning. Ciò non significa che il sogno di un iPhone totalmente wireless sia tramontato, né che sia impossibile ottenere prestazioni uguali a quelle che si hanno con l’utilizzo del cavo. Bisognerà però aspettare, tra un cavo che si annoda o che viene mangiato dal gatto, che la tecnologia sia abbastanza sviluppata.

 

Voi cosa ne pensate? Vi piacerebbe un dispositivo totalmente wireless o apprezzate la presenza di alcune componenti analogiche? Sicuramente i prezzi delle varie componenti per supportare il wireless faranno storcere il naso a molti utenti. Fateci sapere che cosa ne pensate con un commento!

Per rimanere informati sul mondo nerd, continuate a seguirci sul nostro sito DrCommodore.it e su FacebookInstagramTelegramYouTubeDiscord e Twitch.

Articoli correlati

Dr Commodore

Dr Commodore

Sono Dr Commodore, servono altre presentazioni?

Condividi