Dr Commodore
LIVE

Trigun Stampede 1×01 | Terra di nessuno

Il primo episodio di Trigun Stampede si apre con un flashback di Vash e Knives da bambini. Non mi dilungherò troppo su paragoni e confronti con il manga originale, e con l’anime prodotto da Madhouse, la nuova veste di Trigun si vede fin dalle prime scene e tralasciando l’aspetto puramente grafico si tratta di un “retelling” della stessa storia, parole di Yasuhiro Nightow.

I due scappano dall’esplosione della loro astronave, che ha scritto SEEDS lungo tutta l’enorme fiancata, sta a significare semi, germogli destinati a un nuovo pianeta rigoglioso in un futuro distante. Vediamo anche Rem, la loro tutrice e la figura che più assomiglia a una madre, soprattutto per Vash, li aiuta nella fuga.

L’uso della CGI è spettacolare per quanto riguarda le ambientazioni, i riflessi, luci e ombre, un po’ meno efficiente nella resa delle espressioni dei volti, a mio parere.

Trigun Stampede

Il pianeta è desertico e vige la legge del più forte. Meryl è accompagnata da Roberto, non fa parte dell’agenzia di assicurazioni Bernardelli, non viene nominata, bensì è una giornalista laureata all’università di November. Roberto è una controparte maschile rude, beve sempre, fuma tantissimo, Meryl invece viene chiamata da quest’ultimo “novellina” e ha l’entusiasmo della giornalista che vuole a tutti i costi un’intervista esclusiva con Vash the Stampede, l’uomo appare più disilluso e scettico.

Trigun Stampede e il personaggio di Vash

I due trovano il Tifone Umanoide legato e appeso nel bel mezzo del deserto. Lo liberano e arriva la polizia militare di July, un’altra città molto grande nel pianeta di Trigun. I militari chiedono se hanno visto il ricercato Vash the Stampede, che ha la fama di uccidere e di distruggere i Plant delle città. Meryl svia la milizia mandandoli via dicendo d’aver visto Vash e indicando una direzione a caso, cattura lei stessa Vash con un lazo e il si dirigono a Jeneora Rock.

Qui scopriamo che Vash non è un distruttore di Plant, anzi, nel bar della città, fatto a mo’ di saloon western, la barista dice che il Tifone Umanoide ha salvato l’intera città riparandolo. Adesso è necessaria un’altra riparazione, senza i Plant, generatori biologici, l’umanità non può sopravvivere su quel pianeta desertico, servono infatti per l’acqua, l’energia elettrica e ogni tipo di sostentamento.

Proprio mentre si trovano dal Plant fa irruzione la polizia militare di July, che vuole portare via il ricercato. Roberto, il giornalista più anziano, molto furbamente ricorda ai militari che sarebbe uno screzio nei confronti del buon nome della polizia militare di July se si venisse a sapere che hanno incarcerato un uomo disarmato senza alcuna prova, e non hanno avuto il coraggio di affrontarlo in un duello.

Preparano così un duello in pieno stile film western, al tramonto, con il capitano della polizia che svolge a pieno il suo ruolo di caricatura, così come nel primo episodio dell’anime di Madhouse avevamo un predone, in versione molto caricaturale, allo stesso modo qui vediamo un militare. Vash si rifiuta di estrarre la pistola, mentre il capitano della polizia lancia bombe a grappolo in un gesto a dir poco folle, rischia di distruggere l’intera città.

Vash si rivela lo stesso personaggio che i fan hanno amato nel manga e nell’anime di Madhouse, si prende poco sul serio, è un eroe sui generis, amato da chi lo conosce davvero, ricercato dai banditi e dai cacciatori di taglie, nonchè dalla milizia, come abbiamo visto in quest’episodio.

Scherzoso, spontaneo, è l’esatto contrario del fratello che dice di avere nella conclusione dell’episodio, parlando con Roberto e Meryl. Vediamo un flashback di Vash e Knives bambini, con quest’ultimo che ride ed esulta dicendo di esserci riuscito, non specifica a fare cosa, ma nel cielo sopra i due le navi del flashback iniziale stanno precipitando, è stato Knives a causare la catastrofe.

Vash è di tutt’altra natura, Knives è malvagio fino in fondo e mentre suona il pianoforte, da adulto, dice tra sè e sè che sono solo dei parassiti, li ucciderà tutti. La caratterizzazione dei due personaggi principali, i due fratelli, Vash e Knives, è coerente con quella che Yasuhiro Nightow ci ha raccontato.

Non sono state stravolti elementi più di tanto fondamentali, per adesso, l’episodio è introduttivo a tutto l’anime e i punti chiave del background del mondo di Trigun sono già stati svelati, mentre Rem e il passato dei due fratelli venivano mostrati molto avanti nell’anime vecchio, anche se nel dettaglio non abbiamo ancora visto niente, non sappiamo perchè Knives abbia compiuto quel gesto, facendo precipitare la flotta sul pianeta desertico, la terra di nessuno dove si svolge la storia.

Trigun Stampede è disponibile in streaming su Crunchyroll.

Articoli correlati

Condividi