Dr Commodore
LIVE

Panini Comics e il gacha delle variant: ora le critiche arrivano anche dall’estero

In questi ultimi mesi si è parlato molto della carenza di risorse che sta affliggendo le case editrici non solo nostrane, come Panini Comics, Star Comics e così via, ma anche il resto dei publisher presenti in tutto il mondo. Da ciò ne è derivato un cospicuo aumento dei prezzi generali dei fumetti e dei manga, oltre che di ritardi per le uscite che erano state programmate molto tempo prima.

Tuttavia, nonostante questo, certe case editrici sembrano però non voler rinunciare a delle… particolari iniziative mirate per i collezionisti più assidui. Un caso recente è stata la singola variant di Panini Comics a tema Berserk, presentando l’edizione Eclipse Limited con sole 216 copie disponibili ad un prezzo di 200 euro per, appunto, un singolo volume.

Un altro episodio del genere, ma più clamoroso c’è stato con il manga Tougen Anki, con il quale è stato presentato il “blind pack” dove veniva venduto il primo volume della serie “imbustato”, senza consentire dunque di vedere cosa potrebbe esserci dentro la confezione. L’acquirente avrebbe quindi avuto la possibilità di trovare una versione regolare, o una limitata a 1000 copie, oppure una ultra variant di sole 100 copie: insomma, uno strano “gacha” delle variant. Detto ciò, pare che queste varie iniziative suonino così bizzarre da essere state infine notate adesso anche all’estero.

panini comics planet manga manga mogura

Planet Manga, Panini e le variant della discordia

Manga Mogura è diventato su Twitter un punto di riferimento internazionale e molto importante per quanto riguarda le news legate ai manga, anime, e in generale al mondo dell’intrattenimento nipponico di questo tipo. Si tratta di una delle fonti di notizie più rapide esistenti attualmente in questo mercato, e che provvede con il fornire le news in modo del tutto gratuito attraverso il suo profilo Twitter. Fa parte dell’industria da anni, e per questo viene considerato più che affidabile nel lavoro che svolge con passione, senza ricercare alcuna remunerazione.

planet manga

Questo stesso Manga Mogura, però, sembra essersi accorto del sistema messo in piedi da Panini e Planet Manga per quanto concerne le edizioni limitate dei manga in Italia. Esso lo descrive come un “sistema gacha” dove, come abbiamo accenato prima, il volume di un manga viene venduto in “blind pack” con all’interno un’edizione impossibile da prevedere di quel particolare manga.

“A quanto pare Panini in Italia ha stabilito una sorta di sistema gacha per vendere ai lettori edizioni limitate di manga? Fondamentalmente ti vendono un volume manga in un pacchetto cieco e all’interno c’è un’edizione normale, rara (1000 copie) o ultra rara (100 copie). Poveri collezionisti.”

Manga Mogura aggiunge come in molti paesi le edizioni limitate dei manga si trovano a diventare sempre più diffuse e comuni, e sebbene ciò permetterebbe a più persone di poterle ottenere, c’è qualcosa in tutta questa faccenda che si tramuta in incubo agli occhi di un collezionista come lui.

“In molti paesi le edizioni limitate di manga stanno diventando sempre più comuni e in generale penso che sia bello finché tutti hanno l’opportunità di metterci le mani sopra. Ma come collezionista di manga questo mi dà incubi solo a pensarci.”

A onor del vero, tutto ciò fino ad oggi è avvenuto solo per Tougen Anki, ma secondo un utente che ha voluto precisare la cosa, quest’iniziativa avrebbe ricevuto un feedback terribile da quasi tutti gli interessati alla serie. Un altro commentatore dice che mentre il concetto sembra stupido, l’idea per i publisher è geniale: hanno venduto quasi tutte le copie in una settimana, su una serie di cui nessuno ha mai sentito parlare prima. Purtroppo, però, online è possibile vedere poi la verità dietro l’improvviso grande interesse su Tougen Anki, con una copia che viene rivenduta al prezzo di 1000 euro.

Insomma, sembra che queste mosse da parte di Panini e Planet Manga inizino ad attirare l’attenzione anche da rilevanti entità estere; speriamo che eventualmente la casa editrice riesca a trovare un modo per gestire meglio questo tipo d’iniziative e al contempo salvaguardare anche gli acquirenti interessati ai manga, e non solo al collezionismo.

Articoli correlati

Marina Flocco

Marina Flocco

Fruitrice seriale di videogiochi, anime, manga, tutto ciò che è traducibile dal giapponese.

Condividi