Dr Commodore
LIVE

Google insegna a dei fantocci il gioco di squadra usando il calcio e l’intelligenza artificiale

Un’intelligenza artificiale ha appena imparato a giocare a calcio. L’ultimo risultato ottenuto da Google nel campo delle IA è sorprendente: i ricercatori della divisione di DeepMind del colosso tecnologico, infatti, hanno insegnato a degli umanoidi che operano attraverso l’intelligenza artificiale come lavorare di squadra. Adesso, questi modelli riescono a giocare a calcio tra di loro.

Per insegnare all’IA il gioco del calcio, i ricercatori di Google hanno innanzitutto fatto in modo che questa riuscisse a controllare un modello umanoide, fornito di un corpo realistico e movimenti articolari. L’IA ha imparato a muovere i primi passi, poi a camminare, poi a correre e coordinare gambe e braccia.

L’idea di usare il calcio è una delle più sensate quando si tratta di sfruttare appieno un potente motore fisco. Solo che, essendo gli umanoidi totalmente digiuni su come si comporti un umano, bisognava andare per gradi. Come ha detto un ricercatore di DeepMind: “in genere non mettiamo dei bambini in un match 11 vs 11. Prima imparano a camminare in giro, poi a controllare la palla, poi potrebbero iniziare con l’1 contro 1 o il 2 contro 2“.

deepmind google ai ia intelligenza artificiale calcio

L’intelligenza artificiale di Google insegna alle IA a coordinarsi

Per riuscire ad allenare l’IA a operare e controllare dei robot nel mondo, i ricercatori hanno dovuto insegnare alle macchine da cosa è costituita la realtà: la gravità, superfici scivolose e interferenze non programmate di altri agenti..

L’intelligenza artificiale ha imparato poi a correre in modo naturale imitando i video in motion capture di veri calciatori. Per quanto riguarda movimenti più complessi come il dribbling e il calcio della palla, questi elementi sono stati praticati a tentativi, ricompensando l’IA ogni volta che era vicina al pallone o che si muoveva con successo.

In questo modo, i modelli sono passati dal muoversi in modo terrificante (com’è possibile vedere nel video sotto) al riuscire a coordinarsi meglio.

È soprattutto grazie alle partite contro altri giocatori che l’IA è riuscita a migliorare molto, sviluppando il gioco di squadra e imparando a prevedere i movimenti della palla. Ci sono volute due o tre settimane per arrivare a questo risultato.

Ovviamente, ciò non significa che vedremo preso dei robot giocare a calcio nel mondo reale, anche perchè gli umanoidi hanno giocato con delle regole piuttosto semplificate. Inoltre, i tempi di insegnamento sono ancora piuttosto lunghi per poterli trasferire direttamente a veri robot-calciatori.

In ogni caso, con questa ricerca gli scienziati hanno sperimentato un metodo con cui degli agenti riescono a imparare a operare dei corpi fisici. Ciò permetterà di migliorare la coordinazione tra i vari sistemi di IA, semplicemente guardando gli incarichi da copiare in dei video o eseguiti da altri agenti.

Fonte: The Independent

Articoli correlati

Condividi