Dr Commodore
LIVE

Inghilterra, milionario in carcere per essersi rifiutato di demolire il suo “rifugio da uomo” illegale

Graham Wildin, un milionario 69enne di Cinderford (Inghilterra) nel 2014 ha iniziato la costruzione di un complesso ricreativo privato di circa 10.000 piedi tutto attorno a casa sua. L’uomo, comprando le case circostanti alla sua, è riuscito a ottenere quello che ha chiamato il suo “rifugio da uomo”, un vero e proprio antro ludico. Il “rifugio” comprende una pista da bowling, un cinema, campi da squash, un casinò e un bar.

Ben presto, però, il milionario ha dovuto fare i conti con la legge. La sua opera, infatti, non era autorizzata: è stata dunque ritenuta illegale dalle autorità e gli è stato ordinato di demolire il tutto. Nonostante al milionario siano stati dati diversi avvisi, non hanno mai avuto esito.

È dunque iniziata una lunga disputa tra l’uomo e il Consiglio Distrettuale della sua zona, che è durata ben otto anni. Nel 2018, il consiglio ha ottenuto un’ingiunzione che ordinava all’uomo di demolire quanto creato. Tale ingiunzione però non è mai stata rispettata, e adesso il milionario dovrà scontare la sua pena.

milionario inghilterra bowling casinò

L’iter legale che ha portato il milionario in carcere e le reazioni del vicinato

Inizialmente, il tempo a disposizione concesso dal tribunale era fino al 25 aprile 2020. Scaduto il tempo limite e non avendo Wildin obbedito all’ingiunzione, è stato poi condannato a sei settimane di carcere, con l’accusa di oltraggio alla corte. La ragione della condanna è stata il suo categorico rifiuto al rispetto della sentenza del tribunale, che gli aveva ordinato di demolire il suo “rifugio”.

Nel 2021, la pena è stata sospesa per dodici mesi a condizione che l’edificio fosse definitivamente smantellato e dismesso entro 18 settimane.

Il sig. Wildin ha successivamente impugnato la decisione, contestando che il Consiglio non ha fornito prove dei costi previsti per il completamento dei lavori e che 18 settimane non erano un termine adeguato per l’esecuzione dei lavori.

L‘appello del milionario è stato però respinto e la corte gli ha fornito tempo fino al 10 marzo 2022 per la demolizione. Ebbene, questa non è avvenuta. Venerdì, come previsto dalla sentenza, l’uomo è stato condannato a sei settimane di reclusione.

Adesso, si procederà alla demolizione della struttura, ma i bulldozer avranno bisogno del permesso dei vicini e dei parenti di Waldin per raggiungere la casa, dato che dovranno passare sul loro terreno.

Secondo alcune fonti, le case situate davanti e al lato rispetto a quella del milionario, sono state cedute a un’azienda di proprietà di alcuni membri della famiglia di Waldin.

I vicini di Waldin, in merito al comportamento dell’uomo, hanno affermato:

Ha sconvolto tutti su questa strada violando le regole di pianificazione e poi parcheggiando la sua collezione di auto d’epoca ovunque.

Ha fatto costruire una piscina sul retro, finita non molto tempo fa. La costruzione è durata diversi mesi. È il momento della rivincita per noi.

Ha persino fatto riparare i suoi cancelli per tenere tutti lontani da casa sua. C’è sempre qualcosa di nuovo lì dentro, hanno iniziato anche a fare una piscina.

Non lo vediamo molto spesso. È un peccato dato che faceva parte della comunità e si univa a noi nelle feste di strada e cose del genere, ma ora ha solo infastidito tutti e ci tratta male.

Non so come faranno ad abbattere gli edifici ora che ha ceduto le sue case, ma si spera che trovino un modo.

Fonte: The Independent

Articoli correlati

Condividi