Dr Commodore
LIVE

Si costruisce un PC da gaming dentro al water: ora può giocare a CS:GO anche nel “momento del bisogno”

Si sa da sempre: quando la natura chiama, è meglio smettere di fare qualunque cosa si stia facendo e correre a rispondere, anche quando si tratta di giocare ai videogiochi. È un peccato però dover mettere in pausa il gioco quando si è molto presi o sapere che, se si gioca online, si verrà cacciati dal server per inattività.

Sin da quando esistono water e videogiochi, si è sempre cercato di combinare le due cose. D’altronde, ancora oggi molti di noi nel “momento del bisogno” approfittano del proprio dispositivo portatile preferito: che sia uno smartphone, una Nintendo Switch o, per i più nostalgici, un Nintendo DS o una PSP, quei dispositivi sono sempre riusciti a regalarci un passatempo quando il nostro corpo chiamava, permettendoci di continuare a giocare.

Adesso che il gaming su console va per la maggiore, però, il problema si è complicato di nuovo. Non è proprio possibile portarsi dietro il PC o una console… O almeno non lo era finora: uno youtuber è riuscito infatti a creare ciò che tutti i videogiocatori sognavano da sempre, e cioè un PC da gaming nel proprio water.

pc gaming computer counter strike console

Come funziona il Water/PC da gaming

Lo youtuber in questione, chiamato Basically Homeless, facendo un accordo con il negozio di elettronica Microcenter è riuscito a costruire un water-PC da gaming in grado di far girare Counter-Strike: Global Offensive, da giocare con mouse e tastiera anche mentre è impegnato a rispondere agli impulsi fisiologici.

Tutto il processo di costruzione del water-PCè stato documentato da un video sul suo canale YouTube. In pratica, una parte della struttura del water contiene quei pezzi e meccanismi che lo rendono atto a tale scopo, mentre l’altra parte (separata da un muro di plexiglass e colla) contiene tutti i pezzi del computer.

In questo modo, è possibile giocare e tirare lo sciacquone contemporaneamente. Inoltre, sul coperchio del water è costruita l’indispensabile ventola che permette al PC di non surriscaldarsi.

Certo, la fase di creazione di questa meraviglia tecnologica non è andata proprio liscia: ad un certo punto il muro di plexiglass che teneva separati i due scomparti ha fatto cilecca, costringendo lo youtuber ad utilizzare un intero barattolo di Flexseal per proteggere i componenti del PC.

Nonostante qualche piccolo intoppo, il folle progetto è riuscito. Ora il water-PC funziona che è una bellezza e ha persino delle luci RGB perfettamente funzionanti, oltre che una “finestra” che permette di vedere dall’interno la peculiare combinazione che ne è uscita fuori.

Fonte: Kotaku

Articoli correlati

Condividi