Dr Commodore
LIVE

Come far parlare Alexa in Corsivo, un esilarante video ci mostra il risultato

Grazie alla cara Elisa Esposito, influencer che ha spopolato recentemente sulla piattaforma di TikTok, la pronuncia in corsivo si è diffusa sia sul social, sia in televisione: la prof, come ormai viene etichettata, è infatti comparsa nella puntata di Propaganda Live del 17 giugno, traducendo per intero il comizio che Giorgia Meloni ha pronunciato a Marbella.

L’intervento all’interno del programma ha suscitato l’ilarità di molti e, allo stesso tempo, una direttamente proporzionale indignazione, rimproverando l’emittente televisiva (La7) per la scelta di ospitare la creator al programma.

Il corsivo sembra essersi stanziato ovunque, nemmeno Alexa si è salvata da tale influenza. L’assistente intelligente progettato da Amazon, attraverso degli esilaranti video condivisi su YouTube e TikTok, risulta essere in grado sia di riconoscerlo, sia di parlarlo.

Grazie all’account TikTok @ilsocialpatico, possiamo vedere come avviene la pronuncia da parte dell’intelligenza artificiale:

@ilsocialpatico #alexa #corsivo #parlare #reazione #perte #neiperte #virale ♬ original sound – Nathan Del Mare

Alexa parla di come abbia effettivamente seguito le lezioni, senza però riuscire a passare gli esami (il tutto contornato dal caratteristico amio).

Uno short proveniente da YouTube, ci mostra invece come la stessa riesca a riconoscere un (quasi) corsivo:

ALEXA RICONOSCE IL CORSIVO PARLATO

All’assistente viene chiesto di accendere e spegnere le luci del soggiorno attraverso il suddetto accento, ottenendo un risultato egregio.

Quale sarà il prossimo dispositivo ad essere contaminato dal trend????

Corsivo Alexa

In cosa consiste il corsivo parlato da Elisa Esposito?

Secondo TikTok (ed Elisa Esposito), parlare in corsivo significa allungare leggermente le parole aggiungendo una vocale (generalmente la i) tra la penultima e l’ultima lettera.

Prendendo la parola “amo” (forma contratta di amore), la stessa diventerebbe quindi “amio“; Parlare in corsivo nascerebbe da una presa in giro della cadenza milanese utilizzata da alcune ragazze nei video in cui si parla di serate in discoteca, aperitivi alla moda e confessioni tra amiche. Un linguaggio pieno di abbreviazioni, vocali chiuse o sillabe strascicate.

La creator, che sui social si è costruita un vero e proprio impero, su Instagram conta 261 mila follower, mentre su TikTok ben 775 mila; ora che è apparsa anche in televisione, i numeri saranno destinati unicamente ad aumentare.

Articoli correlati

Lorenzo Croce

Lorenzo Croce

Amante di anime, manga, serie TV e film (produzioni Asylum ovviamente comprese). Ciliegina sulla torta, sono schiavo dei meme.

Condividi