Dr Commodore
LIVE
Kaguya-sama_-Love-is-War-Yuu-Ishigami

Kaguya-sama: Love is War 3×04 | La risolutezza di Yuu Ishigami

Dalla terza settimana di Kaguya-sama: Love is War, ed in particolar modo questa quarta, possiamo già percepire un’aria di cambiamento, la quale ci porterà nel nocciolo delle vicende legate alla trama, come molti lettori del manga ben sapranno. Se nelle scorse puntate ci veniva riconfermato come fosse un’abitudine consolidata rimaneggiare l’ordine dei capitoli per renderli più affini al media dell’animazione, in questo episodio si torna ad uno stile più classico di narrazione.

I capitoli adattati in questa puntata, difatti sono il 104, 105 e 106, rispettivamente intitolati La sfida impossibile di Kaguya Shinomiya: la ciprea della rondine (parte 1), Yuu Ishigami vuole rispondere e Chika Fujiwara vuole restare a dormire a casa di Kaguya.

Nel primo caso, il senso del titolo del capitolo è da ricercare in uno dei numerosi giochi di parole di Aka Akasaka; esso, difatti, è un riferimento alla favola della principessa Kaguya (della quale abbiamo visto alcuni spezzoni durante la 2′ stagione). In tale racconto la principessa Kaguya diede al suo consigliere (chiamato Isonokami, che è scritto con gli stessi kanji di Ishigami) la missione di ottenere una “ciprea di rondine” (pronunciata in giapponese Tsubame no Goyasu-gai, come il nome di un personaggio che vedremo rivelarsi fondamentale in questa terza stagione).

Il processo di crescita di Ishigami

I primi due terzi di questa 4′ puntata di Kaguya-sama: Love is War – Ultra Romantic vedono Yuu Ishigami come protagonista. L’episodio inizia con il tesoriere del consiglio studentesco e la vicepresidentessa Shinomiya soli all’interno dell’aula dopo l’uscita da essa della rinnovata coppia di piccioncini Kashiwagi-Tanuma. Come nelle scorse stagioni, Ishigami è intento a maledire le coppiette affiatate che se ne pavoneggiano davanti agli altri. Con l’ironica scusa di non aver bisogno di una fidanzata in quanto troppo concentrato sullo studio, il ragazzo cerca di insistere sulla sua assenza di necessità di relazioni romantiche.

Quando all’interno della sala del consiglio studentesco entra Tsubame Guyasu, tuttavia, la sua maschera di cera si scioglie completamente, rendendo palesemente ovvio agli occhi di Kaguya il proprio amore verso il vice capitano del team di cheerleader, che abbiamo visto all’azione alla fine della 2′ stagione. Con l’intento di spronarlo a farsi avanti, Shinomiya stuzzica Ishigami dicendogli che se non si dichiarerà vivrà per sempre con il rimorso di non averlo fatto.
Il tesoriere, tuttavia, è completamente privo sia di coraggio che di autostima e Kaguya, dopo aver bocciato ogni bislacca proposta di dichiarazione d’amore architettata dal ragazzo, decide di aiutarlo nel diventare un uomo migliore, così da aumentare le proprie possibilità.

Ishigami non è né ricco, né estroverso, né forzuto e quindi manca totalmente di un qualsivoglia tipo di carisma che possa corrergli in aiuto; l’unico modo che ha per mettersi in bella luce è ottenere ottimi risultati nelle graduatorie degli imminenti esami, con l’obiettivo di piazzarsi almeno nelle prime 50 posizioni tra gli studenti del 1’anno.

La puntata prosegue spostando l’attenzione sui restanti quattro membri; Shirogane, difatti, vista la sessione di esami ormai imminente, propone che vengano temporaneamente interrotte le attività del consiglio studentesco per concentrarsi sullo studio individuale, così da poter tutti studiare a casa propria in tranquillità.

Dato che, prima delle sessioni passate, i membri del consiglio erano abituati a studiare spesso e volentieri direttamente all’interno dell’aula di quest’ultimo, mostrano tutti il proprio rammarico nel non poter più proseguire con quel modus operandi. In realtà stavano tutti mentendo spudoratamente: ognuno di essi è intenzionato ad approfittare di questa pausa delle attività per il proprio tornaconto egoistico; chi per studiare di più, chi per non subire distrazioni, chi per ricevere la paghetta.

Kaguya-sama: Love is War

I giorni passano e il periodo degli esami si fa sempre più vicino. Più il fatidico giorno si faceva imminente e meno Ishigami si fa vedere all’interno dell’aula del consiglio studentesco.
Gli altri membri, ignari dei precedenti trascorsi tra Kaguya ed il tesoriere, non vedendolo per molto tempo arrivano alla conclusione che stia giocando come al solito ai videogiochi invece che prepararsi a dovere per gli esami. Kaguya, tuttavia, in cuor suo sa che questa volta è diverso; questa volta Ishigami sta studiando per davvero e lo fa in primis per non deludere le aspettative della vicepresidentessa, la quale si è dimostrata l’unica persona a credere nelle sue capacità.

La sessione d’esame si conclude e prontamente vengono rilasciati i risultati. Ishigami purtroppo, nonostante il suo impegno, non è riuscito ad andare oltre il 150′ posto, guadagnando oltre 20 posizioni rispetto alla scorsa volta ma comunque molto lontano dall’obiettivo prefissato. Il tesoriere in un primo momento sostiene di non essere né deluso né sorpreso dal risultato vista la sua scarsa attitudine allo studio e la sua negligenza nei mesi passati.

Una volta ritiratosi nei bagni, tuttavia, si lascia andare in un toccante sfogo di rabbia e depressione per il suo pessimo risultato e per aver deluso le aspettative di Kaguya che tanto aveva creduto in lui. La vicepresidentessa, però, totalmente noncurante delle circostanze, irrompe nel bagno degli uomini e rimuove subito la maschera di Ishigami, il quale finalmente le confessa di essere molto amareggiato per il pessimo esito degli esami, ripromettendosi che alla prossima sessione riuscirà sicuramente ad arrivare nei primi 50 posti.

Kaguya ed il suo maggiordomo Hasaka

Dopo aver concluso la parte di episodio dove iniziamo a vedere il processo di maturazione di Ishigami, che farà da perno centrale al resto della narrazione di questa 3′ stagione di Kaguya-sama: Love is War, arriviamo all’ultimo terzo di puntata ritornando sui binari più classici e divertenti dell’adattamento di A-1 Pictures dell’opera di Aka Akasaka.

Quest’ultimo spezzone parte, in maniera opposta al manga, con Chika che propone di invitare Kaguya e Kei ad una cena a casa propria, con il padre che insiste nel volere la partecipazione anche del presidente. La rampolla di casa Shinomiya, esaltata per l’occasione, inizia ad architettare un piano per approfittarsi della situazione e fare la sua mossa nei confronti di Shirogane, perciò preme la segretaria del consiglio studentesco affinché il banchetto avvenga il prima possibile.

Il suo stratagemma, tuttavia, le si ritorce contro e si ritrova “obbligata” ad ospitare Chika per un pigiama party presso la propria residenza. È qui che facciamo la conoscenza di Hasaka, il gentile e carismatico maggiordomo di casa Shinomiya, per la prima volta. Hasaka, però, si rivela essere l’ennesimo alter ego della fidata cameriera Ai Hayasaka, la quale tenta in ogni maniera possibile di nascondere la propria identità ai membri del consiglio studentesco. Inoltre, a causa della sua divergenza carattieriale con Fujiwara, il loro rapporto non è esattamente dei migliori.

La serata alla tenuta Shinomiya procede regolarmente fino a quando le ragazze si ritirano nella stanza da letto di quest’ultima. Kaguya, difatti, è abituata ad andare a dormire molto presto e di conseguenza stare svegli fino a tarda ora ad ascoltare i vaneggiamenti di Chika l’ha resa estremamente assonnata e impossibilitata a pensare logicamente.
La segretaria del consiglio studentesco, fomentata dai pettegolezzi che lei stessa sta creando, decide di telefonare a Shirogane per fargli sputare il rospo su chi sia la persona di cui è innamorato. Dietro a Miyuki sfortunatamente c’è sua sorella Kei, la quale si impadronisce del telefono ed è pronta a sputare il rospo sul nome dell’interesse amoroso del fratello.

Vedendolo chattare costantemente su Line ed essere sempre in trepidante attesa di un nuovo messaggio, Kei si è autoconvinta che la persona con cui Miyuki parla più spesso sia per forza l’identità dell’individuo in questione. Tuttavia, vista l’arretratezza tecnologica di Kaguya, la persona con cui Shirogane chatta più spesso si rivela essere Hasakaa provocando uno stato di paralisi e sgomento a Chika che non si aspettava il fatto che il presidente fosse omosessuale. D’altronde lei non sa che la Hasaka con cui Miyuki parla è l’alter ego che abbiamo visto 2 puntate fa al karaoke e non il maggiordomo che le sta di fianco.

La puntata si conclude con Kaguya che, non in grado di ragionare al pieno delle proprie capacità, chiede a Shirogane se rivelando lei prima il nome della persona amata allora anche il presidente avrebbe fatto altrettanto. Tutto finisce, come al solito, in un nulla di fatto in quanto l’assonnata Shinomiya crolla e si mette a dormire nel bel mezzo della conversazione.

Articoli correlati

Matteo Comin

Matteo Comin

Sono Matteo, scrivo da Desenzano (BS), Studio Scienze della comunicazione e lavoro in un cinema multisala. Sono appassionato, come tutti voi, di tutto ciò che riguarda la cultura nerd, in particolar modo di anime e manga.

Condividi