Dr Commodore
LIVE

Elden Ring: come approcciare alla sua Lore [CONTIENE SPOILER]

Nei giorni scorsi abbiamo recensito Elden Ring come un titolo autoriale, che unisce tutta l’esperienza di FromSoftware a un concept di gioco che quasi surclassa la sua precedente visione più lineare. E’ però necessario per un’opera di questo calibro, unire a corollario una sintetica guida di approccio alla Lore del gioco.

Il creatore di “Dark Souls” Hidetaka Miyazaki è solito scrivere storie che riflettono ricordi ed esperienze della sua infanzia, ispirandosi a libri fantasy e di fantascienza occidentali ma anche prendendo spunto dalle opere orientali (vedi Berserk).

Tutti i giochi di Miyazaki, da “Demon’s Souls” del 2009 a “Elden Ring” di quest’anno, non sono storie raccontate seguendo una formula semplice e cinematografica, esponendo gli archi narrativi in maniera trasparente e funzionale all’esperienza di gioco. In questo caso, i giocatori vengono lasciati nel mezzo della storia e gli viene chiesto di raccogliere gli oggetti, le armi e le armature che al loro interno celano storie, sfondi e scenari che alla fine si compongono in un puzzle ben definito. 

E’ una filosofia videoludica spesso difficile da approcciare, perchè generalmente un giocatore svezzato su “Uncharted” e altri giochi cinematografici di successo potrebbe trovare la narrativa di “Elden Ring” carente, in quanto non c’è quasi nessuna esposizione chiara dei fatti nel merito delle vicende a cui si va incontro.

Personalmente gioco ai giochi di Miyazaki da più di 10 anni e mi sono abituato al suo stile narrativo, perchè come ad ogni rivoluzione, bisogna abituarsi ai cambiamenti per assimilarli e renderli di propria natura. Molti gamer di lunga data di giochi souls hanno basato intere carriere scrivendo e raccontando le storie di questi famosi giochi per cercare di esplicarne il significato. 

Il canale YouTube VaatiVidya è l’archivio più popolare delle storie di Miyazaki; un altro canale, The brothers code, ha recentemente iniziato a sezionare i giochi Dark Souls e “Bloodborne” in un formato più adeguato ed aderente alla linea temporale. Ancora un altro canale, EpicNameBro , offre procedure dettagliate di ogni gioco, dal punto di vista di un giocatore che vive la storia in tempo reale mentre il gioco procede. Argento Mont contiene spiegazioni dettagliate di ogni personaggio di Dark Souls.

Senza parlare ovviamente del nostro Sabaku no Maiku che negli anni ci ha deliziato con la sua Anima della Scoperta.

Poiché “Elden Ring” è appena stato pubblicato, nessuno di questi canali ha alcuna dissezione della storia del gioco, ancora. Quindi, per ora, come descritto da Gene Park del Washington Post, vorrei provare a spiegare cosa sono stato in grado di capire su ciò che sta accadendo in “Elden Ring”. Ma prima di farlo, ecco alcuni rapidi punti elenco sulle cose a cui presto attenzione durante il gioco, che mi hanno aiutato ad arrivare alla lore che ho in mente ora. La prossima volta che giochi a “Elden Ring”, usa questi come guida pratica:

  • Leggi le descrizioni degli oggetti: questa è la regola di base per comprendere questi giochi. Ogni oggetto nel gioco avrà alcune informazioni scritte nella sua descrizione. La tua comprensione della storia spesso sarà radicata in ciò che dicono questi elementi.
  • Tutti e tutto sono lì per un motivo: è una scommessa sicura che ogni nemico e oggetto che trovi sia stato posizionato in un determinato luogo per un motivo. Insieme alle descrizioni degli oggetti, le posizioni degli oggetti forniscono anche importanti indizi di contesto. Perché quella cosa è presente? Che utilità potrebbe avere qualcuno in quell’ambiente? Perché questa regione del mondo ha più nemici di questo tipo di quanti ne abbia visti altrove? Perché questo nemico unico si trova solo in questa posizione?
  • Esaurisci tutte le opzioni di dialogo: questi giochi sono classici giochi di ruolo in quanto richiedono praticamente che tu parli con tutti. Spesso la progressione della storia e lo sviluppo del personaggio si verificano quando decidi semplicemente di continuare una conversazione con un personaggio non giocabile.
  • Esamina il mondo e i suoi abitanti: cosa indossano, cosa usano: alcuni tipi di nemici in un’area potrebbero avere un aspetto leggermente diverso rispetto a un’altra regione del mondo. Ad esempio, se combatti contro un cavaliere che esercita la magia, è probabile che provenga dalle fazioni che esercitano la magia in “Elden Ring”.

Elden Ring: la sua Lore

Nota: questa sezione copre molti aspetti della storia di “Elden Ring”. 
I primi paragrafi si concentreranno sulla storia che possiamo ricavare dall’introduzione e dai trailer del gioco. 
Una volta che avremo approfondito il materiale di gioco intermedio e finale, ci sarà un altro avviso spoiler.

“Elden Ring” è già stato estratto per ottenere informazioni mentre i giocatori sperimentano vari incantesimi in diverse situazioni per innescare nuovi eventi della storia. I prossimi mesi forniranno senza dubbio più risposte. In questo pezzo, per ora, vorrei aiutare a formare alcuni dei contorni di questo racconto epico, anche se parte di ciò che è scritto di seguito è più teoria che realtà.

L’Elden Ring non è affatto come L’unico anello di JRR Tolkien. Non è un oggetto fisico che si può indossare. Piuttosto, l’Elden Ring è la legge naturale di “L’interregno”, l’ambientazione del gioco. È composto da Rune Maggiori che determinano il funzionamento del mondo, inclusi aspetti come la vita e la morte. La storia del gioco, in senso lato, parla di una terra dilaniata politicamente e abbandonata dal suo dio, con l’ordine naturale sbilanciato.

La regina Marika l’eterna è essenzialmente un dio dell’Interregno – come determinato da qualcosa chiamato “Volontà Superiore” – e i suoi figli sono semidei che governano parti della regione. La Volontà Superiore è qualcosa come la Forza di Star Wars, anche se non è necessariamente benevola. L’Albero Madre, un gigantesco albero d’oro nel mezzo del mondo, è il fulcro del potere della Volontà Superiore.

Come rivelato nel trailer della storia di dicembre dell’anno scorso , la Runa della Morte è stata in qualche modo rubata “in una notte di nebbia ventosa”. Ciò ha provocato l’omicidio di almeno un semidio, Godwyn l’Aureo, in quella che l’introduzione del gioco chiama “The Night of the Black Knives”. Godwyn è il figlio di Marika e Godfrey, il primo Elden Lord e l’uomo regale con uno spirito leone che veglia su di lui, come si vede in alcune delle illustrazioni promozionali del gioco . Tieni traccia di questi nomi e di altri; molti sono simili o iniziano con la stessa lettera, il che può creare una certa confusione iniziale.

“La regina Marika è stata portata sull’orlo del baratro”, dice il trailer della storia, in conseguenza della morte di Godwyn. Ciò porta alla distruzione dell’Elden Ring, un incidente noto come Disgregazione che è stato visto ed eseguito da una persona misteriosa nel trailer di annuncio del gioco del 2019. Il resto della storia del filmato introduttivo del gioco è piuttosto semplice. Dopo la distruzione, Marika scomparve dall’Interregno e i suoi figli semidei furono lasciati a se stessi. Scelsero di entrare in guerra per i restanti pezzi frantumati dell’Elden Ring, combattendo per il potere. Questa guerra finì senza vincitori. 

Anche i due più potenti guerrieri, Malenia la Lama di Miquella ed il Generale Radahn, hanno combattuto fino al pareggio, con una Malenia gravemente ferita che ha infettato Radahn con una malattia nota come Putrefazione Scarlatta. Questo atto è stato così distruttivo, ha avvelenato e maledetto la mente di Radahn con un’eternità di follia e sofferenza, mentre l’area circostante di Caelid è stata affogata dalla malattia sotto un cielo rosso scarlatto.

Sebbene la storia del gioco possa far sembrare che si tratti di storia recente, è importante ricordare che “un’era” è passata dalla Disgregazione e, quando il gioco inizia, possiamo presumere che l’Interregno abbia sofferto per molto tempo in questa epoca fratturata e caotica senza ordine.

Il giocatore fa parte di un gruppo chiamato Senza Luce. Queste sono persone dimenticate per grazia della Volontà Superiore. In quello che sembra essere un tentativo della Volontà Superiore di correggere il caos della Disgregazione, decide ancora una volta di benedire il Senza Luce con una certa grazia. Improvvisamente, i Senza Luce esiliati hanno iniziato a tornare nell’Interregno, ciascuno per le proprie ragioni. Il filmato introduttivo del gioco ci mostra molti di questi personaggi, tra cui Hoarah Loux, capo delle Badlands. Sembra che essere “benedetti dalla grazia” conceda ai Senza Luce il ​​permesso non solo di vagare ancora una volta per le Terre intermedie, ma di raccogliere e esercitare il potere delle rune dell’Elden Ring. Questo è il motivo per cui il giocatore è in grado di sconfiggere i nemici e prendere le rune (la versione dei punti esperienza di questo gioco) per salire di livello.

Nota: stiamo navigando verso il territorio degli spoiler di metà e fine gioco qui. 
Continua a leggere solo se sei almeno vicino alla fine del gioco.

Prima della morte di Godwyn e della Disgregazione, Marika era in guerra con la vicina famiglia reale della Caria, supervisionata da Renalla, la regina della luna piena e capo dell’accademia di stregoneria. Un guerriero dai capelli rossi di nome Radagon guidò questa battaglia, ma si innamorò rapidamente di Renalla. Questo inaugurò un periodo di pace tra gli studenti di stregoneria e i seguaci dell’Ordine d’Oro, e ebbero un figlio di nome Ranni.

Marika esiliò suo marito Godfrey una volta che aveva conquistato tutte le terre vicine, apparentemente perché non era più utile alla Volontà Superiore. Radagon ha quindi lasciato Renalla per sposare Marika, lasciando la Regina della Luna Piena con rabbia e dolore. Questo è il motivo per cui il dungeon di Renalla ha una vistosa mancanza del sistema di checkpoint del gioco, chiamato Stakes of Marika. Si potrebbe presumere che Renalla non accoglierebbe le statue della donna che ha rubato il marito nella sua casa.

Marika e Radagon hanno avuto i loro figli, la già citata guerriera putrefatta Malenia, così come Miquella. È qui che dovresti prendere nota di ciascuna delle convenzioni di denominazione del semidio. Suonano tutti allo stesso modo (Godrick, Godwyn per esempio) per evidenziare il loro lignaggio nella divinità.

Si verifica la morte di Godwyn e la distruzione dell’anello di Elden. Quando incontriamo la strega Ranni, che in seguito scopriamo essere la figlia di Renalla, scopriamo che lei, Malenia e Miquella erano tutte in linea per la sede del potere di Marika. Tuttavia, Malenia e Miquella sono nate entrambe maledette e inadatte, mentre Ranni rifiuta il suo lignaggio. Viene presto rivelato che la Runa della Morte è stata rubata dalla stessa Ranni, sottratta alla guardia del corpo di Marika e custode della runa, Maliketh la Lama Nera.

Ranni è stato quindi in grado di creare armi abbastanza potenti da uccidere gli immortali, che sono stati usati su Godwyn l’Aureo. Per ragioni che devo ancora capire, la morte di Godwyn ha fatto impazzire Marika e ha distrutto lei stessa l’Elden Ring. Inoltre, prima ho menzionato Godwyn solo come uno dei semidei assassinati quella notte. L’altra era la stessa Ranni. Il rituale apparentemente ha diviso il suo spirito dal suo corpo – un destino che subisce anche Godwyn, come scopriremo in seguito – nel tentativo di staccarsi dal lignaggio di Marika.

So di aver appena detto che Ranni è imparentato con Marika. Questo perché il più grande segreto del gioco, rivelato quasi verso la fine, è che Marika e Radagon sono la stessa persona. Si potrebbe presumere che Radagon abbia sposato Renalla come un modo per reprimere il crescente potere degli stregoni e dei praticanti della potente magia lunare. Tutto quello che sappiamo per certo è che la parte Marika dell’essere ha deciso di frantumare l’Elden Ring, mentre la parte Radagon ha cercato contemporaneamente di ripararlo senza alcun risultato.

Le motivazioni di Ranni per aver ucciso Godwyn non mi sono chiare, ma posso presumere che lo abbia fatto per annullare l’influenza dell’Ordine d’Oro. È chiaro durante il gioco che molte fazioni risentono dell’influenza dell’Ordine d’Oro. Non è chiaro se Ranni abbia predetto la conseguente follia di Marika e la distruzione dell’Elden Ring.

Ci sono molte domande senza risposta sulla storia di “Elden Ring”, in particolare sul personaggio Melina, la donna spirito che si offre di guidare il giocatore all’Albero Madre e riunire l’Elden Ring. Melina e Ranni condividono entrambi gli stessi segni oculari, ma su occhi diversi, quindi potrebbe esserci una connessione. Ci sono anche le storie degli altri Senza Luce che si uniscono a te durante il viaggio alla Rocca della Tavola Rotonda, l’area hub del gioco.

“Elden Ring” è un gioco su come la nostra identità può avere interessi contrastanti. Ci sono due o più parti di noi stessi spesso in contrasto tra loro. Radagon e Marika ne sono l’esempio più ovvio, ma anche Ranni ha dovuto strapparsi via in qualche rituale proibito solo per iniziare a delineare il proprio destino.

“Elden Ring” è un videogioco che chiede al personaggio del giocatore di conoscere a fondo se stesso, di definire e quindi comprendere i propri punti deboli e punti di forza sotto forma di attributi, armi e armature. È solo attraverso questa padronanza della propria identità che un Senza Luce, può ripristinare e ricostruire il proprio mondo distrutto, indipendentemente dall’aspetto.

Elden Ring keyart

Articoli correlati

Alan Tommaso

Alan Tommaso

Blogger, scrittore, perditempo.

Condividi