Dr Commodore
LIVE

La storia dell’uomo che ha sottratto 100 milioni di dollari a Google e Facebook attraverso fatture false

La storia che vi stiamo per raccontare risale al 2019 e tratta di genio, audacia e fatture false. Un uomo lituano avrebbe infatti per anni rubato soldi a Facebook e Google nel modo più semplice del mondo: glieli ha chiesti e i due colossi hanno pagato. Ma andiamo con ordine.

L’uomo ha infatti inviato per anni fatture false ai giganti della tecnologia con sede in California. Le fatture erano apparentemente abbastanza verosimili da convincere Google, che è di proprietà di Alphabet, e Facebook a pagare un totale di oltre 100 milioni di dollari dal 2013 al 2015, secondo il Dipartimento di Giustizia.

google - localizzazione

La truffa delle fatture false

L’uomo, Evaldas Rimasauskas, 50 anni, era coinvolto nella gestione di una società che controllava diversi conti presso banche in Lettonia e Cipro. Lui e i suoi associatisi stavano essenzialmente spacciando per Quanta Computer, una società di hardware con sede a Taiwan che ha rapporti commerciali con Facebook e Google.

Geoffrey S. Berman, l’avvocato degli Stati Uniti per il distretto meridionale di New York, aveva parlato così del piano dell’uomo:

Come ha lui stesso ammesso, Evaldas Rimasauskas ha escogitato uno schema sfacciato per rubare alle società statunitensi 100 milioni di dollari e poi ha deviato quei fondi su conti bancari in tutto il mondo.

Rimasauskas pensava di potersi nascondere dietro lo schermo di un computer dall’altra parte del mondo mentre conduceva il suo schema fraudolento, ma come ha appreso, le armi della giustizia americana sono lunghe e ora deve affrontare un periodo significativo in una prigione degli Stati Uniti

Leggi anche: Uomo ruba iPad a DisneyWorld per saltare la fila


Rimasauskas è stato estradato dalla Lituania negli Stati Uniti nel 2017. Dopo la sua dichiarazione di colpevolezza è andato a processo e nel luglio del 2019 è stato condannato a 5 anni di carcere per frode

L’uomo, in tribunale, aveva affermato di aver consapevolmente partecipato a una frode e che il suo ruolo era quello di aprire conti bancari per facilitare lo schema:

Mi è stato chiesto di aprire conti bancari. Dopo di che non ho fatto nulla con questi account.

Secondo il Dipartimento di Giustizia l’uomo “ha fatto sì che i fondi rubati fossero rapidamente trasferiti su diversi conti bancari in varie località in tutto il mondo, inclusa la Lettonia. , Cipro, Slovacchia, Lituania, Ungheria e Hong Kong

Il signor Rimasauskas è stato originariamente accusato di cinque reati penali che includevano furto di identità e riciclaggio di denaro. Ma dopo la dichiarazione di colpevolezza per frode telematica, le restanti quattro accuse sono state respinte

Facebook ha affermato che la società ha “recuperato la maggior parte dei fondi poco dopo l’incidente e ha collaborato con le forze dell’ordine nelle sue indagini” e Google ha dichiarato di aver “rilevato questa frode e avvisato prontamente le autorità. Abbiamo recuperato i fondi e siamo contenti che la questione si sia risolta“.

FONTE

Articoli correlati

Gabriele Pati

Gabriele Pati

Cresciuto con libri di cibernetica, insalate di matematica e una massiccia dose di cinema e tv, nel tempo libero studia ingegneria, pratica sport e cerca nuovi modi per conquistare il mondo. Vanta il poco invidiabile record di essere stato uno dei primi con un account Netflix attivo alla mezzanotte del 22 ottobre 2015.

Condividi