Dr Commodore
LIVE
Kowloon Generic Romance

Kowloon Generic Romance | Le nostre Prime Impressioni sul manga targato J-POP

«Kowloon deve rimanere un posto nostalgico. Le luci sempre sfarfallanti, i vicoli che puzzano di muffa, i vicini casinisti… Tutto ciò non ti ispira una nostalgia sconfinata? Penso che questa sensazione… Sia proprio come l’amore. E lo stesso vale per la gente che ci abita, sono tutti innamorati di Kowloon… Di questa Kowloon fatta di nostalgia. Per questo motivo la città non deve cambiare. Non ha bisogno di novità.»

Si respira un’aria strana tra le pagine di Kowloon Generic Romance. Un’aria che potremo definire senza troppi problemi “nostalgica”, per usare le parole di uno dei protagonisti della storia. Un’atmosfera calma e malinconica ma al tempo stesso romantica permea le pagine del primo volume della nuova opera di Jun Mayuzuki, che ci trasporta dal primo all’ultimo capitolo con una sorprendente naturalezza. Come se la vita di Kujirai, fatta di quotidianità e di azioni sempre uguali a loro stesse fosse anche la nostra, almeno finché non si tingerà di un mistero che ci lascerà col fiato sospeso.

Un’opera familiare e nostalgica

Al di là degli splendidi disegni di Jun Mayuzuki, così semplici e al contempo così realistici, le caratteristiche più belle di Kowloon Generic Romance sono sicuramente il realismo e il romanticismo delicato con cui affronta la vita dei protagonisti nella caotica città di Kowloon, uno dei quartieri più popolosi di Hong Kong.

Tra le strade dei quartieri piene di gente e l’agenzia immobiliare presso la quale Kujirai lavora assieme al collega e amico Kudo si respira un’aria tanto familiare quanto anormale. Noi non siamo mai stati a Kowloon dopotutto, eppure attraverso il tratto e il racconto della vita quotidiana dei personaggi riusciamo a sentirci partecipi di essa, come se stessimo passeggiando assieme a loro per le strade della città o sedendo presso uno dei locali che visitano nel corso di questo primo volume.

E tra un vicolo e l’altro, tra un saluto e una chiacchiera spicciola, chissà che non possa anche nascere una storia d’amore, in maniera perfettamente spontanea e naturale. Non ci sono fronzoli, né abbellimenti o racconti troppo fuori dal normale, e la vita dei protagonisti è quella di due comunissimi trentenni… o almeno, così penseremo per buona parte del volume.

Se l’atmosfera che si respira per quasi tutti gli otto capitoli che compongono Kowloon Generic Romance è quella di una storia slice of life relativamente tranquilla che vede due colleghi affrontare le vicissitudini della vita di tutti i giorni, l’ultimo capitolo e il colpo di scena finale piombano su noi lettori come un fulmine a ciel sereno. Quest’ultimo ci induce a pensare che probabilmente non è tutto come sembra e che dietro quell’atmosfera romantica e nostalgica questo manga nasconda un mistero… proprio come potremmo aspettarci dalla periferia di Kowloon, così popolosa e piena di vicoli.

Il volume finisce lasciando con il fiato sospeso ma per certi versi anche con l’amaro in bocca. Il colpo di scena conclusivo succede pienamente nel suscitare l’interesse del lettore e nell’invogliarlo a proseguire il racconto, ma allo stesso tempo fa anche riflettere sulla lungaggine dell’introduzione che ha portato ad esso, la quale copre, come detto in precedenza, quasi tutto il primo volume. Si tratta tuttavia di un dettaglio trascurabile e decisamente funzionale all’impatto del colpo di scena.

Kowloon Generic Romance

Quale sarà il significato di quella foto presente sulla scrivania di Kudo? E di quelle due slash page finali? Non ci resta che aspettare per scoprirlo.

L’autrice

Jun Mayuzuki non è un nome nuovo nel panorama italiano dei manga. L’autrice è già nota nel nostro paese per Come dopo la Pioggia. Manga edito in Giappone da Shogakukan tra il 2017 e il 2018 e in Italia da Star Comics, si è recentemente concluso col suo decimo volume. L’opera era già di per sé molto interessante ma Kowloon Generic Romance sembra raggiungere nuovi livelli di maturità: anche il tratto appare più dettagliato e curato e ci permette di apprezzare pienamente ogni dettaglio della caotica città in cui le vicende sono ambientate.

La prima opera dell’autrice è stata nominata ai Next Mana Award, al Manga Taisho, classificandosi quarta nella categoria dei manga dedicati ai lettori di sesso maschile ed è infine arrivata terza al Kono Manga Ga Sugoi. Sempre per Come dopo la Pioggia Jun Mayuzuki ha inoltre vinto il premio miglior manga dell’anno ai 63esimi Shogakukan Manga Awards.

Vista la fama dell’autrice, i riconoscimenti vinti o per i quali è stata anche solo nominata e naturalmente un ottimo primo volume, insomma, non possiamo fare altro che guardare con tanta, tanta curiosità ai prossimi volumi di Kowloon Generic Romance.

Scheda Tecnica

Autrice: Jun Mayuzuki
5 Volumi – Serie in Corso
Con Sovraccoperta e pagine a colori
Data di uscita: 15 Settembre 2021
Prezzo: 6,50€

Kowloon Generic Romance 1 è disponibile sul sito J-Pop Manga e su Amazon.

E voi Commodoriani che ne pensate di Kowloon Generic Romance? Lo avete letto o avete intenzione di farlo? Fatecelo sapere con un commento!

Articoli correlati

Daniela Reina

Daniela Reina

Studentessa, nel tempo libero viaggia attraverso tempo, spazio e mondi di fantasia in compagnia di qualche buona lettura o serie. Il suo manga preferito è Berserk, l'anime Neon Genesis Evangelion.

Condividi